Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 06 Dicembre |
San Nicola di Bari (da Mira)
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come il digiuno ci libera a livello sia fisico che spirituale

DIGIUNO

SewCream | Shutterstock

padre Michael Rennier - pubblicato il 20/11/20

La pratica del digiuno ci aiuta a portare equilibrio nella nostra vita

Se vedo un pezzo di torta, la mangerò. Può essere subito o più tardi, ma verrà mangiato. Se sarà più tardi, ci penserò finché non lo farò. A volte, quando penso che un dolce sia nella dispensa e scopro che qualcun altro lo ha già mangiato, il senso di disperazione che invade il mio cuore è davvero patetico.

Circa dieci anni fa ho realizzato che avevo un rapporto sbagliato con il cibo. All’epoca alcuni dei nostri figli avevano problemi di salute cronici, e per aiutarli nel processo di guarigione tutta la famiglia si è impegnata nella dieta GAPS, un protocollo che incoraggia la guarigione del sistema digestivo.

Nei primi stadi della dieta ci era permesso solo di mangiare verdure bollite, carne e un po’ di brodo. Con buonsenso, potevamo mangiare quanto volevamo di queste tre categorie di cibo, ma assolutamente nessun altro tipo di cibo. Nell’arco di qualche giorno mi sembrava di morire di fame, e il mio desiderio di zuccheri era implacabile. Stavo assumendo molte calorie – più del necessario – , ma il mio corpo era così abituato a tutto lo zucchero extra della mia dieta precedente da essere convinto della sua necessità. Il mio cervello continuava a inviarmi messaggi per mangiare. Se non fosse stato per solidarietà con i miei figli avrei interrotto la dieta.

Il vizio dello zucchero

Poco dopo il mio corpo si è adattato e sono stato bene, ma quelle settimane in cui dovevamo aggiustare i tipi di alimenti da mangiare e tagliare gli zuccheri mi hanno fatto capire che il mio stile di vita era poco sano. Anche se non mangiavo troppo, mi stavo lasciando andare alla gola.

L’obiettivo della dieta GAPS non è servire solo bollito e verdure, ma man mano che si diventa più sani e si reintroduce una maggiore varietà nei pasti lo scopo a lungo termine è la moderazione. Oggi abbiamo una dieta abbastanza normale, ad eccezione del fatto che il nostro consumo di zuccheri è molto inferiore a prima.

Digiuno: stile di vita con moderazione

Non sono mai stato un grande fan della colazione, e da quando ho cambiato dieta l’ho anche eliminata intenzionalmente per poter mantenere un digiuno intermittente.

Questo tipo di digiuno, che per me significa non mangiare per un periodo di circa 14 ore al giorno, comporta vari benefici per la salute.

Come accade con la dieta GAPS, l’obiettivo del digiuno intermittente non è andare all’estremo – consumo ancora due pasti completi al giorno e a volte una merenda o due –, ma moderare la quantità di tempo che passo a mangiare.

Per molti, l’idea di rimanere senza un pasto sembra estrema. Perché mai farlo? Più imparo cose sul digiuno, più capisco che non è affatto estremo, ma fa parte di uno stile di vita di moderazione. Mi sembra che molti di noi abbiamo campi di eccessi nella nostra vita – molto cibo, molti pettegolezzi, molta tensione sessuale, molti acquisti… Il digiuno è uno strumento che possiamo usare per combattere questi eccessi. Il digiuno ci libera dal vizio del consumo.

Disciplina

All’inizio l’idea di eliminare un pasto sembra non essere del tutto collegata al fatto di spettegolare sui miei amici o di avere problemi con la lussuria, ma San Tommaso d’Aquino e altri filosofi collegano direttamente la virtù della moderazione, soprattutto per quanto riguarda la castità, alla disciplina del digiuno.

Chi ha problemi a mantenere la purezza di cuore farebbe bene a digiunare. È una disciplina che anziché portarci all’estremo ci aiuta a portare equilibrio nella nostra vita. Ci libera dai desideri estremi e da scelte di vita pregiudizievoli ed eccessive.

Cambiamento positivo

L’Avvento si avvicina, e con esso arriverà una serie di giorni chiamati Ember Days o Quattro Tempora. Una volta ogni tre mesi arriva un insieme di questi giorni, che compaiono con il cambio di stagione. Ad esempio, i prossimi saranno il 16, 18 e 19 dicembre, e segnano l’arrivo del solstizio d’inverno. I giorni in sé sono tradizionalmente dedicati a realizzare un cambiamento positivo attraverso preghiera, digiuno e penitenza.

Prima delle feste di Natale e di tutte le tentazioni di consumo eccessivo, forse ci farebbe bene un po’ di digiuno – anche solo eliminando la colazione o il pranzo.

Il digiuno non è un’abitudine che si oppone al nostro corpo, che con il digiuno occasionale guadagna salute. Lo stesso accade all’anima. Ricordate che i nostri desideri naturali non sono necessariamente sbagliati, ma per via delle nostre debolezze ci sfuggono facilmente di mano e iniziano a dominarci. Se non vengono controllate, le nostre passioni ci porteranno a comportamenti distruttivi, come la gola, il fascino per la lussuria o vizi di ogni tipo. Con il digiuno recuperiamo la libertà.


FISH

Leggi anche:
Quaresima: le immense virtù terapeutiche del digiuno

Rafforzamento

San Basilio il Grande lo descrive molto bene quando dice che “il digiuno dà origine a profeti e rafforza i potenti; rende i legislatori saggi. Il digiuno è una buona protezione per l’anima, un compagno incrollabile per il corpo, un’arma per i valorosi e una palestra per gli atleti. Il digiuno repelle la tentazione, spinge alla pietà, è compagno della vigilanza e artefice della castità. In guerra lotta con coraggio, in pace insegna la mansuetudine”.

Tags:
digiuno
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni