Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconChiesa
line break icon

Vaticano, mons. Galantino: l’obolo di San Pietro non c’entra col palazzo di Londra

© DR

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/11/20

La perdita dell’investimento immobiliare inglese è stata compensata dal fondo di riserva del Vaticano, non dalle offerte dei fedeli. «Il nostro compito non è fare profitti», dice il presidente dell’Apsa

Monsignor Nunzio Galantino chiarisce: le offerte dei fedeli non sono mai servite a compensare lo spericolato investimento del palazzo acquistato dal Vaticano a Londra. Operazione condotta dal broker Giuanluigi Torzi, arrestato lo scorso giugno.

“Non siamo un’azienda”

«Le perdite dell’investimento di Londra sono state sopportate dal fondo di riserva e non dall’Obolo di San Pietro o da quello a disposizione del Santo Padre», dice Galantino, presidente dell’Apsa (Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica). Lo spiega in un’intervista esclusiva che Famiglia Cristiana pubblica nel numero dal 19 novembre in edicola.

Public domain

Londra è al centro di uno scandalo finanziario in cui c'entra un broker vicino al Vaticano.

“Un patrimonio che ha una sola finalità”

Galantino precisa cos’è chiamato a gestire: «Parliamo di tutto ciò (denaro o immobili) che, nel tempo, con modalità e per scopi diversi, è entrato a far parte del Patrimonio della Santa Sede. Un patrimonio che ha una sola finalità: sostenere la vita e la missione della Chiesa nel mondo. In tutte le sue forme: dalla evangelizzazione alla carità, dalla promozione umana a quella che Antonio Rosmini chiamava la “carità intellettuale”».




Leggi anche:
Il Papa sul palazzo comprato dal Vaticano a Londra: “Hanno fatto cose che non sembrano pulite”

“Frutto di donazioni e offerte dei fedeli”

Si tratta di un patrimonio, prosegue il presidente di Apsa, «in gran parte frutto di donazioni e offerte dei fedeli. Dal momento, poi, che non sempre quanto ricevuto è stato subito speso, si è provveduto anche a fare degli investimenti. Come ha ricordato infatti il Papa tornando dal suo viaggio in Giappone: “È imprudente mettere il denaro (residuo) in un cassetto e non investirlo”». Ma investire senza speculare, a questo alludeva Francesco, come nel caso del palazzo acquistato a Londra dal Vaticano.

ALBANI | ALBANI

La Chiesa ha un “bilancio di missione”

«Quello della Chiesa è un bilancio di missione», conclude Galantino. «Nel senso che ai singoli dicasteri la Chiesa offre dei servizi legati alla sua missione, che hanno dei costi. Si pensi solo ai circa 5 mila dipendenti o alla manutenzione e gestione degli immobili che ospitano l’attività dei singoli dicasteri».

E i numeri rendono l’idea delle spese che la Santa Sede supporta ogni anno: «La media delle spese, stabile in questi ultimi anni, si attesta sui 330 milioni.; mentre le entrate si aggirano sui 270 milioni». Galantino, in questo modo, vuole chiarire che la missione della finanza del Vaticano è ben lontana dalle operazioni finanziarie spregiudicate, come quella dell’acquisto del palazzo a Londra.


Le dôme de la Basilique Saint-Pierre, au Vatican.

Leggi anche:
Scandalo immobile del Vaticano a Londra: svelata la truffa, arrestato broker

Tags:
finanza vaticana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni