Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconNews
line break icon

L'astronauta che ha volato con l'Eucaristia, comandante di Resilience di SpaceX

NASA/Regan Geeseman

Zelda Caldwell - pubblicato il 17/11/20

Nel 2013 l'astronauta della NASA Michael Hopkins ha ricevuto il permesso di portare in orbita ostie consacrate

Questa domenica quattro astronauti della NASA sono entrati nella storia con il lancio di una navicella costruita da SpaceX, una compagnia spaziale privata. Il viaggio di 27 ore verso la Stazione Spaziale Internazionale è il primo volo operativo della navicella Crew Dragon, e potrebbe rappresentare il primo passo verso i viaggi spaziali commerciali.

L’astronauta Michael Hopkins e l’Eucaristia

Il comandante Michael S. Hopkins e l’equipaggio della navicella spaziale Resiliance dovrebbero rimanere sulla Stazione Spaziale per sei mesi. Non è comunque la prima volta che Hopkins entra nella storia.

Nella sua prima missione spaziale nel 2013, è infatti stato protagonista di qualcosa che nessun astronauta aveva mai fatto prima, portando con sé un carico molto prezioso – un piccolo contenitore con delle ostie consacrate.

L’astronauta, originario del Missouri (Stati Uniti), è stato membro dell’equipaggio della Expedition 37/38 che ha viaggiato verso la Stazione Spaziale Internazionale su una navetta Soyuz russa. Poco dopo essere stato scelto per quella missione, Hopkins, la cui moglie e i cui figli praticavano la fede cattolica, aveva deciso di aderirvi anche lui.

In un’intervista rilasciata al National Catholic Register, Hopkins ha detto a Kathleen Naab che dopo essere stato confermato come cattolico aveva pensato alla sua imminente missione di sei mesi sentendo che sarebbe mancato qualcosa.

Rimpiangeva di dover rinunciare a quella che il Catechismo della Chiesa Cattolica definisce “fonte e culmine della vita cristiana”, la Santa Eucaristia.

“Ho iniziato a chiedermi: ‘C’è qualche possibilità che possa portare l’Eucaristia con me nello spazio?’, una cosa che in genere non si fa, visto che non ci si amministra da soli la Comunione”.

Con l’aiuto del suo parroco e del diacono, Hopkins ha ottenuto il permesso di portare l’Eucaristia nello spazio.

“Hanno lavorato davvero tanto perché potesse accadere, e sono riuscito a portare con me un piccolo contenitore con sei ostie divisa ciascuna in quattro parti, di modo da avere l’opportunità di ricevere 24 volte la Comunione in orbita”, ha affermato.

Ricevere la Comunione nello spazio

Dopo aver ricevuto il permesso dall’agenzia spaziale russa per portare il contenitore con sé, Hopkins aveva superato tutti gli ostacoli logistici, e ha potuto ricevere la Comunione nei momenti importanti della missione.

“Tutte le porte si sono aperte, e ho potuto portare l’Eucaristia e fare la Comunione praticamente ogni settimana”.

“Un paio di volte ho ricevuto la Comunione in occasioni speciali: ho fatto due camminate nello spazio, e la mattina di entrambi i giorni, quando sono uscito, ho fatto la Comunione. Mi ha aiutato davvero il fatto di sapere che Gesù era con me quando aprivo il portellone per addentrarmi nello spazio”.

“Ho ricevuto l’ultima Comunione l’ultimo giorno in orbita nella ‘Cupola’, la grande finestra che guarda verso la Terra, ed è stato un momento molto speciale prima di tornare a casa”.


MOON,LANDING

Leggi anche:
Cosa pensano i Papi di allunaggio, astronauti e viaggi nello spazio?

Un ostensorio che circonda il pianeta Terra

Non sappiamo se Hopkins abbia potuto portare l’Eucaristia con sé anche in questo viaggio, ma sospettiamo che la sua intenzione fosse farlo.

Se lo ha fatto, la Resiliance sarà, con le parole di una religiosa che ha una corrispondenza con lui dalla sua ultima missione, “un ostensorio che vola lì, circondando il pianeta Terra!!”

Tags:
astronauticomunioneeucaristiaostie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni