Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconChiesa
line break icon

Sempre più vaccini e tamponi gratis per i poveri del Vaticano

POPE FRANCIS,WORLD DAY OF THE POOR

© Vatican Media-Foto | CPP

Una foto d'archivio di Papa Francesco, in visita al Poliambulatorio sotto il colonnato di San Pietro.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/11/20

Il Poliambulatorio sotto il colonnato di San Pietro, fortemente voluto da Papa Francesco per offrire cure, medicinali e assistenza medica gratuita ai poveri di Roma, sta facendo 50 tamponi covid al giorno

Cinquanta tamponi al giorno gratis per i poveri del Vaticano. E’ uno dei “segni concreti” che sono emersi Giornata Mondiale dei Poveri che si è celebrata domenica 15 novembre.

Gli orari di apertura

«Nell’ambulatorio sotto il colonnato di San Pietro, ad opera dell’Elemosineria Apostolica, per i poveri che devono avere accesso ai dormitori o per coloro che vogliono ritornare nella loro patria, è possibile poter effettuare il tampone». L’ambulatorio del Vaticano «è aperto dalle ore 8 alle ore 14 e, in due settimane, ha effettuato 50 tamponi al giorno, oltre al vaccino antiinfluenzale», ha spiegato l’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova evangelizzazione (Avvenire, 15 novembre).

© Vatican Media

Uno degli ultimi doni fatti dal Papa ai poveri del Vaticano, è stata un'ambulanza, inaugurata nelle scorse settimane.

Un progetto voluto dal Papa

Il presidio nel colonnato di San Pietro, fortemente voluto da Papa Francesco per offrire cure, medicinali e assistenza medica gratuita ai poveri di Roma, è un continuo via vai di persone. Un servizio diretto da Lucia Ercoli, responsabile sanitaria della onlus “Medicina solidale”, medico della Direzione di sanità e igiene del Vaticano.


KONRAD KRAJEWSKI

Leggi anche:
Il Vaticano spende già oltre 3 milioni di euro per pagare bollette e aiuti ai poveri

Italiani e stranieri

«Ho perso il lavoro dieci anni fa, facevo l’ingegnere chimico. Ma quelli come me vengono tagliati fuori, per fortuna c’è il reddito di cittadinanza, altrimenti non saprei di cosa vivere», spiega un senzatetto a Il Fatto Quotidiano (14 novembre). Non è l’unico.

Già da diverso tempo grazie all’opera dell’Elemosineria apostolica, in molti, tra poveri e indigenti, sia italiani che stranieri, si ritrovano sotto il colonnato in attesa di un pasto caldo, di assistenza. O in coda per poter fare una doccia. In tempi di lockdown, totale o parziale che sia, ed emergenza coronavirus, le richieste si sono moltiplicate. I vaccini e i tamponi gratuiti per i poveri del Vaticano sono diventati un servizio fondamentale.




Leggi anche:
Docce, barbiere, lavanderia: così Papa Francesco ridà dignità a poveri e senza fissa dimora!

Dal vaccino ai dormitori

«Molti arrivano per il vaccino antinfluenzale, altri per disturbi e patologie di tutt’altra natura», dice sempre a Il Fatto, una donna del personale. Per tanti altri, poi, è anche lo strumento per evitare la strada: «Questo è il secondo che faccio, perché senza tampone non puoi accedere ai dormitori», dice un altro senzatetto. E c’è chi racconta, attendendo il proprio turno: «Siamo tanti, un esercito».

Dal pontificato di Bergoglio, così, in Vaticano si offre un aiuto per chi non ha la possibilità economica di potersi curare. «Così conserviamo la nostra dignità – afferma un altro senzatetto – E ci sembra di fare ancora parte del mondo, dato che spesso chi non ha un tetto dove vivere sembra esserne escluso».




Leggi anche:
La carità del Papa: ai profughi l’ambulatorio mobile

Tags:
poveri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni