Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
Beata Vergine Maria Consolatrice
home iconChiesa
line break icon

Cardinal Zuppi: «Abbiamo bisogno di speranza e può arrivare solo dalla consapevolezza che Dio si è fatto uomo»

Il cardinale Matteo Zuppi

Lucandrea Massaro - pubblicato il 16/11/20

L'arcivescovo di Bologna parla del Natale, della triste evenienza dello stop alla messa, e del significato dell'incarnazione

«Su come saranno le messe a Natale bisognerà aspettare. Questa seconda ondata di pandemia ci chiede di essere uniti e perseveranti. Forse dovremmo fare come i pastori e incamminarci all’aperto. Troveremo il modo per arrivare a Betlemme» con queste parole il cardinale di Bologna, monsignor Matteo Zuppi, risponde alle domande di Franca Giansoldati sul Messaggero, a proposito delle parole espresse dal premier Conte a circa il Natale, del significato religioso e intimo che questa festività ha per molti, anche non credenti e del pericolo di nuove limitazioni alle messe.


mass

Leggi anche:
Covid, decisione drastica: messe sospese nella diocesi di Pinerolo

Il Lockdown di Pasqua

Ricordando i tempi durissimi del lockdown primaverile, che ha costretto la Chiesa a celebrare addirittura la Pasqua senza popolo, quasi una contraddizione liturgica essendo la Pasqua il culmine della fede cristiana e dunque dell’assemblea del popolo, spera che non si debba tornare ad una scelta simile ma quella, prosegue Zuppi

«[era una] circostanza eccezionale ci ha aiutato a scoprire una modalità di comunicazione nuova per noi. Eravamo un po’ primitivi anche perché l’incarnazione del mistero di Dio significa che non diventeremo mai virtuali, e la Chiesa non diventerà mai un gruppo WhatsApp e che l’incarnazione porta sempre alla fisicità, al contatto, evitando il rischio che il vero diventi verosimile e la realtà virtuale superi la tangibilità».

«In ogni caso – prosegue monsignor Zuppi –  le celebrazioni in streaming hanno permesso celebrazioni condivise e hanno consolato tante solitudini. E poi ci hanno aiutato con il linguaggio».




Leggi anche:
Il cardinale Zuppi: durante la pandemia troppe polemiche, ora umiltà per tornare come prima

Solo Cristo è l’antidoto ai mali moderni

Bologna è zona arancione al momento, e la speranza del Cardinale è quella che la situazione non precipiti, che insomma si mantenga innanzitutto una speranza di ritorno alla normalità il più rapidamente possibile, ma la questione vera per monsignor Zuppi è dove si deve fondare quella speranza, in un tempo in cui la morte si fa più prossima del solito. Per il parroco di Trastevere che è diventato un principe della Chiesa, la risposta è una sola:

«La vita è combattere contro la morte e vincerla come ci ha insegnato Cristo. Il benessere e il modello nel quale siamo immersi ci fanno credere in una caricatura della vita, che poi diventa elemento di frustrazione e incapacità a coglierne la sua bellezza. «»«. E’ un antidoto anche a tanta rabbia e delusione che vedo in sottofondo».

Nel Bimbo Gesù l’immagine dell’Amore

Dio s’è fatto bambino, piccolo e indifeso, simbolo di fragilità per riscattare tutte le fragilità dell’umanità, in questa tenerezza del Padre verso i suoi figli, l’invio del Figlio, ci sono tantissimi spunti per una piena e autentica spiritualità del Natale che si accompagna e dà senso alle celebrazioni liturgiche.

«Tanto per cominciare – dice ancora monsignor Zuppi – ci riporta all’essenziale, al mistero della vita, a guardare con occhi di bambino ciò che ci circonda. Il Piccolo Principe diceva che si colgono le cose invisibili solo se si guardano con il cuore. Ed è una frase che fa riflettere perché i grandi si dimenticano di essere stati bambini. Ecco allora che questo Natale forse ci potrà aiutare a contemplare ancora di più il mistero di un Dio che entra nella pandemia, che si fa uomo pur sapendo che l’uomo è fragilissimo, vulnerabile. Il mistero cristiano si fa più evidente».

Tags:
cardinal matteo zuppinatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni