Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

90enne in terapia intensiva chiede di privilegiare i più giovani, è salvo!

OLD MAN WITH MASK,

Ramann | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 16/11/20

"Dottore, ho fatto tutto quello che volevo nella vita, ho 90 anni, lasciami andare”. Ma Giuseppe Vallo lo ha ha incoraggiato a tenere duro e combattere.

Le cronache di questo anno terribile ci raccontano dei tanti anziani che si ammalano di Covid-19, la gran parte dei quali purtroppo non ce la fa a superare la malattia. Quella di domenica ci restituisce invece un po’ di speranza con la vicenda del 90enne ricoverato dal 1 Novembre presso il Cof Lanzo Hospital ad Alta Valle Intelvi, ai confini con la Svizzera, e dimesso guarito dopo due settimane.

90enne con il Covid-19: “lasciami andare”

Appena giunto in ospedale l’anziano, resosi conto di quanti pazienti più giovani di lui fossero presenti in reparto, ha chiesto – di fronte al casco CPAP (acronimo inglese che indica la ventilazione meccanica a pressione positiva continua, Ndr) e stringendo la mano al medico – di non sprecare tempo ed energie per il suo caso.


anziani rsa

Leggi anche:
RSA a Castelfranco: nasce la “stanza degli abbracci” per familiari e ospiti (VIDEO)

Hai la stessa età di mio padre

Ma Giuseppe Vallo, responsabile della Riabilitazione Respiratoria del nosocomio trasformato per buona parte in reparto Covid, lo ha incoraggiato a tenere duro e combattere, come racconta lui stesso sulla sua pagina Facebook con un post sotto forma di lettera rivolta al 90enne ora guarito dal Covid-19, che ha scoperto essere coetaneo di suo padre.

Il secondo giorno l’ossigenazione era così bassa che ho dovuto metterti un casco cpap con una percentuale di ossigeno del 100% (considerate che quello che respiriamo è il 21%). Mi hai stretto la mano e mi hai detto: “dottore ho fatto tutto quello che volevo nella vita ho 90 anni lasciami andare”. Il tuo sorriso e la tua dignità mi hanno stretto il cuore così forte che mi sembrava che fossi io quello a cui mancava l’ossigeno. (Ansa.it)

Le parole del medico al 90enne malato di Covid-19

Così è cominciata la battaglia combattuta in due, con il cuore di entrambi e il sapere del medico.

Sono riuscito a farti vedere con un telefono – prosegue il sanitario – i tuoi parenti, gli infermieri si sono presi cura di te, tutti hanno fatto con amore il loro lavoro, gli addetti alle pulizie hanno sempre pulito la tua camera e dopo 15 giorni ti abbiamo tirato fuori dalla camera intensiva, bello come prima… hai ripreso a camminare, con l’aiuto super dei nostri fisioterapisti. (Ibidem)

Grazie, perché ci dai la speranza e la voglia di continuare

E quando è arrivato il momento per il paziente 90enne salvato dal Covid-19 di lasciare l’ospedale e far posto ad altri colpiti dal virus:

Ci hai ringraziato così tante volte – conclude il responsabile del reparto – ma, la verità è che noi dobbiamo ringraziare te perché tu ci dai la speranza e la voglia di continuare ogni giorno a lottare: noi abbiamo salvato te e tu hai salvato noi… E io mentre ti accarezzavo la testa per farti coraggio ho visto mio papà e il mio adorato nonno sorridere…

Grazie


GILDO CIAFFONI,

Leggi anche:
Covid-19. Torna a casa dopo un mese. Il figlio urla: sei grande, babbo, ce l’hai fatta! (VIDEO)

Una storia a lieto fine che ci aiuta anche a scacciare i fantasmi che nei giorni scorsi hanno agitato le coscienze dei medici e di riflesso quelle di tutti noi: il terribile rischio di dover decidere chi salvare di fronte ad numero di pazienti gravi superiore alla recettività delle terapie intensive, benché molto potenziate nei mesi scorsi.

La consapevolezza di questa tremenda eventualità deve richiamarci all’impegno personale di assumere i comportamenti più rigorosi per limitare al massimo la circolazione del virus, e fare in modo che la frase pronunciata da questo paziente 90enne non sia rivolta a nessuno per giustificare di doverlo abbandonare al suo destino senza poter fare tutto il possibile per difendere la sua vita.

Enea lascia Troia portando sulle spalle il padre Anchise.

Tags:
anzianicovidstorie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni