Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconSpiritualità
line break icon

La rocambolesca fuga dal carcere di San Felice di Nola

SAN FELICE DA NOLA

Public Domain

don Marcello Stanzione - pubblicato il 14/11/20

E' stato un angelo ad aiutarlo. Da lì il santo è fuggito nel deserto dove ha ritrovato il suo vescovo morente e gli salvato la vita

San Felice (Nola, seconda metà del I secolo d.C. – Nola, 15 novembre 95) era stato ordinato sacerdote da Massimo, vescovo di Nola, sotto la persecuzione dell’imperatore Decio. Essendo fuggito Massimo, Felice era stato preso, messo in prigione e caricato di catene. Ciò nonostante il vescovo Massimo, nel deserto in cui si era ritirato, era vicino a morire di fame e di freddo, mancando di tutto e carico di anni di tristezza e di inquietudine per il suo gregge.

La fuga di Felice

Ma Dio, che veglia sempre sui suoi, non l’abbandonò. Nel mezzo della notte, un angelo del Signore apparve nella prigione di san Felice di Nola e lo risvegliò con le sue parole e con lo splendore della sua luce. Felice credeva dapprima che stesse sognando. L’angelo gli comandò di alzarsi. Le catene caddero dalle sue mani e dai suoi piedi, le porte si aprirono. Le guardie erano addormentate, allora Felice esce, e per strade sconosciute giunse fino al deserto dove era il santo vegliardo Massimo, vicino a rendere l’ultimo respiro.


SAINT GEORGES TOMB

Leggi anche:
Episodi straordinari di angeli avvenuti sulle tombe di alcuni santi

Il grappolo d’uva

San Felice avendolo riconosciuto, lo abbraccia, lo bacia con rispetto. Ma lo trova senza polso, senza voce e senza movimento. Non gli rimaneva che un leggero soffio di respiro. Nel suo imbarazzo, Felice scorge sulla sua testa un grappolo d’uva appesa a dei rovi. Lo prende, lo accosta alla bocca del vegliardo morente che, aprendo le sue labbra già disseccate, schiaccia il grappolo e ne riceve il succo.

Public Domain

“Riportami, vi prego, al mio caro gregge”

Allora riprende un po’ di vigore, la parola gli ritorna, riconosce san Felice e gli dice: “Voi giungete ben tardi, figlio mio; è da molto tempo che Dio mi aveva promesso che voi sareste venuto in mio aiuto. Riportatemi, vi prego, senza perder tempo, al mio caro gregge”. Felice lo caricò subito sulle sue spalle, lo porta a casa sua e lo rende ai fedeli affrettatisi a vederlo.


Saint Paul

Leggi anche:
Gli angeli, i leoni e i prodigi sul corpo senza vita di San Paolo

L’atroce martirio di Felice

San Felice di Nola fu uno stimato vescovo, ma in più di una occasione, fu perseguitato dalle autorità romane per le sue predicazioni che riunivano sempre tante persone. Non erano visto di buon occhio dai sacerdoti pagani, che provano a convertirlo senza riuscirci.

Nell’anno 95 d.C. fu nuovamente arrestato dal Prefetto Marciano durante una delle prime persecuzioni cristiane. Si racconta che Felice sia stato dato in pasto ai leoni i quali, con meraviglia dei presenti, indietreggiarono davanti a lui. Fu poi gettato in una fornace di carboni ardenti, ma riuscì a liberarsi per l’intervento di un angelo. Il Prefetto lo fece allora appendere a testa in giù e, dopo averlo sottoposto ad altre torture, lo fece decapitare il 15 novembre.




Leggi anche:
Il martire del Sinodo è Padre Ramin, assassinato per aver difeso indios e contadini

Tags:
angelivescovo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni