Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconFor Her
line break icon

Agostina, martire della carità, è la santa che protegge gli infermieri

AGOSTINA

Public Domain

Martha, Mary and Me - pubblicato il 13/11/20

Nella cura dei malati, anche quelli più molesti e respingenti, Suor Agostina vedeva l'occasione continua di amare il prossimo e servire il Signore. Offrì la sua vita fino in fondo, nella pace e nella carità data senza misura. Invochiamola ora con fiducia.

Quando ci si sente cristiani forti, bravi, arrivati, i primi della classe insomma, capita che si pensi che in fondo se l’altro non accoglie a braccia aperte il nostro messaggio evangelico è sicuramente perché è troppo peccatore, è una causa persa e noi non possiamo perdere tempo a discutere con chi non vuole capire.

Al servizio degli ammalati

Suor Agostina lavorava in un ospedale di Roma, era giovane, aveva un carattere forte, era anche amorevole e instancabile, oltre che molto bella.
Aveva la stoffa della “suora della carità”, la vocazione a dare la sua vita per l’altro, ma non per l’altro quello che ci piace, l’altro buono, l’altro che ci ringrazia e ci ripaga delle nostre opere, no, lei li amava tutti, anche e soprattutto quelli che la odiavano.

Curare per amore di Cristo

In quel periodo, la fine dell’ottocento, nell’ospedale la fede era osteggiata in ogni modo, vennero tolti tutti i simboli religiosi ed era vietato parlare di Cristo. E lei, Agostina, era rispettosa di questo, svolgeva il suo compito con amore verso l’ammalato perché sapeva e credeva che non ci fosse modo più grande e bello di testimoniare Cristo di quello di vederlo in ogni persona che si ha di fronte, anche se quella persona ti odia, ti sputa in faccia, ti insulta, ti caccia. Lei accettava tutto ma non perché fosse debole o sottomessa al suo abito monacale, ma perché pensava a Gesù che aveva dovuto soffrire dolori e umiliazioni e voleva prenderne parte, voleva viverle sulla sua pelle.

Martire della carità

Ma perché, diremmo noi, perché desiderare questo? Perché l’amore non funziona a dosi, non ci sono misurini, non ci sono quantità massime, se ami dai tutto quello che ti viene chiesto, pure la vita.
E a volte questo dare la vita non è così figurato, non è solo un modo romantico di dire ma nel quale in fondo non crediamo davvero.
Suor Agostina curava un malato molto violento che non faceva altro che infastidirla e provocarla, ma lei non si scomponeva, non si lamentava e continuò a curare lui e la mamma di lui, che era cieca. Probabilmente fu proprio questa sua pace, questo velo di santità che suscitarono in lui l’odio estremo che lo portò ad accoltellarla.
Suor Agostina se ne andò così, a trent’anni, mentre svolgeva il suo lavoro in modo eroico, semplicemente stando lì accanto agli ultimi, agli ammalati gravi, a chi sputava sulla sua fede e ai quali non rispondeva con trattati di apologetica ma con l’amore che tutto sopporta e che si fa carne viva, che non è slogan ma servizio.
Santa Agostina oggi protegge gli infermieri, e noi la preghiamo, perché stia accanto a tutti gli operatori sanitari in questo periodo così difficile e le chiediamo non di liberarci dal dolore ma di aiutarci a vedere oltre il dolore, perché dietro alla malattia c’è una persona che ha bisogno del nostro amore e della nostra presenza.

Tags:
santi e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni