Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconFor Her
line break icon

Una sola attesa non sarà delusa: quella di Colui che ci ama

Di EvGavrilov|Shutterstock

Chiara Bertoglio - pubblicato il 12/11/20

Ecco quello che mi ha insegnato la Cantata MWV 140 di Bach. Lo Sposo arriverà, teniamo accese le nostre lampade.

La Cantata BWV 140 di Bach

E’ sempre stata fra le mie preferite. La ascoltavo a ripetizione quando, accompagnata in macchina da mio padre, adolescente valicavamo il San Bernardo per andare a lezione di pianoforte in Svizzera.

Ho continuato ad ascoltarla ed amarla sempre; ho studiato il Preludio Corale che Busoni ha ricavato dal Corale Wachet auf, e poi l’ho registrato; ci ho scritto la mia tesi di laurea in teologia; ma, soprattutto, in occasione delle nozze di mio fratello, ho trascorso quelli che forse rimangono i due giorni più belli della mia vita a provare e registrare l’intera Cantata con un gruppo di amici, per farne la “bomboniera” che abbiamo offerto agli amici degli sposi.

Vergini stolte, vergini sagge

Si può dire quindi che sia una composizione legata profondamente alla mia vita. Oggi (domenica 8 novembre 2020 NdR) il Vangelo è quello che ha ispirato questa stupenda Cantata, e ci parla delle vergini sagge e delle vergini stolte, in attesa dello Sposo. (Bach, in modo interessante, trascura totalmente le vergini stolte e si concentra solo su quelle sagge). Nella Cantata, in un bellissimo duetto, la voce del violino (che mio fratello suonava in quella, per me memorabile, registrazione) rappresenta l’amore che unisce i due amanti lontani, ma anche la luce sfrigolante della lampada accesa. Se la vergine saggia non credesse che il suo amato arriverà, non terrebbe accesa la lampada in attesa di lui; così, quel fuoco che tremola nella notte è segno del suo amore e della sua fede, ma è anche la presenza di lui nel momento dell’assenza.

Anche ora siamo nel buio di un’attesa

Questi giorni stanno mettendo a dura prova tutti noi. Sono giorni di buio, di notte profonda. Bach sottolinea l’ora in cui la parabola è ambientata: mezzanotte, l’ora più buia, ma anche l’ora da cui comincia il mattino. Manca ancora molto al mattino, ma da mezzanotte si sa che il nuovo giorno è iniziato, e per l’arrivo del sole è questione di ore.


WOMAN'S EYES,

Leggi anche:
“Se tu sei con me, mi avvio con gioia verso la morte e la mia pace”

Attese sospese o deluse

Quest’anno ci ha tolto anche le attese, mettendoci in una situazione di attesa. Ci ha tolto l’attesa delle feste, delle gite, degli incontri, dei momenti felici; quel pregustare che, secondo Leopardi, è quasi più bello della gioia stessa. Abbiamo imparato a non programmare, a non fantasticare, perché se negli anni scorsi era ragionevole attendersi che il giorno X avremmo potuto fare la cosa Y, quest’anno tutti sappiamo che è così. Nel contempo, viviamo tutti nell’attesa che questa situazione finisca, nel sogno che si possa tornare al tempo degli abbracci, della gioia, delle feste, della normalità senza mascherine e senza paure, senza filtri e senza precauzioni.

L’arrivo dello sposo è la sola attesa che non sarà delusa

Bach ci insegna a tenere la lampada accesa; a nutrire con l’olio della letizia e della speranza la nostra lampada, a pregare perché il nostro amore e la nostra fede non si spengano. E ci insegna che c’è una sola attesa che non può mai essere delusa: quella di Colui che ci ama, ed è accanto a noi anche quando non lo vediamo e la notte sembra tanto buia.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Tags:
attesajohann sebastian bach
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni