Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconFor Her
line break icon

Il libro di Zarish Neno: vivere la fede cristiana in Pakistan, con quello che costa

ZARISH NENO

Zarish Neno

PEPEONLINE - pubblicato il 11/11/20

...e con tutto ciò che vale e promette. Zarish è una giovane cristiana pakistana, come pakistana è anche una delle minoranze cristiane più ferocemente perseguitate al mondo. Nel suo libro autobiografico, edito da Berica, racconta senza fronzoli e con essenzialità evangelica, cosa significa vivere davvero la propria fede in un paese dove si è costantemente minacciati: con la certezza del Suo amore e con l'umanissima paura dei pericoli che incombono ogni giorno.

Di Emiliano Fumaneri

Il vero cristiano non deve rassegnarsi all’inevitabile: deve confidare nell’impertinenza di un’orazione reiterata. (Nicolás Gómez Dávila)

«La persecuzione non è uno stato eccezionale nella vita della Chiesa. Se mai, l’eccezione è lo star bene». Il pensiero va a queste parole di don Primo Mazzolari mentre mi accingo a terminare la lettura di Una piccola matita. Vita di una donna cristiana in Pakistan (Berica Editrice). Ne è autrice una giovane donna di nome Zarish Imelda Neno. Molto attiva sui social, ha anche aperto un blog dove racconta la propria esperienza di vita e di fede.


ZARISH NENO

Leggi anche:
Una giovane cristiana al servizio dei bambini in Pakistan: educare per salvare

È un libro prezioso questo, una storia di coraggio e di fede. Non contiene speculazioni, solo una serie di fatti: è esperienza vissuta in prima persona. In questo risiede la sua forza dirompente, perché «ad una teoria si può rispondere con un’altra teoria; ma chi può confutare una vita?» (Evagrio Pontico).

Parliamo di una testimonianza breve – scarna quasi quanto un rapporto – ma proprio per questo estremamente lucida e incisiva. La penna di Zarish non scade mai in una retorica sdolcinata: è capace di raccontare le linee essenziali di una realtà scomoda, perfino cruda a volte, schivando di netto i molti accomodamenti tanto cari invece a noi, gli imborghesiti cristiani occidentali.

In Occidente abbiamo esperienza del disprezzo culturale delle élitesConosciamo l’avversione verso i valori cristiani veicolata dai mass media. L’anticattolicesimo come ultimo pregiudizio accettabile, come titolava un libro di qualche anno fa.

Ma ci è estranea, almeno per ora, la persecuzione capillare descritta da Zarish: la persecuzione che non colpisce soltanto le idee ma anche la carne viva della persona, la violenza morale e materiale che mira a opprimere la stessa esistenza individuale. Con tutto quel che essa comporta, a cominciare dalla formidabile pressione conversionistica e il suo pesante impatto sulla psicologia della vita quotidiana.

Un punto del libro mi colpisce molto: è il passo in cui Zarish descrive la necessità di «convivere con la paura». In Pakistan anche una semplice passeggiata al parco con le amiche può trasformarsi in una trappola mortale (il rischio di aggressioni o di attacchi terroristici è tutt’altro che un’ipotesi remota). E non solo: un cristiano pakistano deve imparare a combattere con questa gelida sensazione anche tra le mura di casa: alzare troppo la voce può esporre infatti a false accuse di blasfemia (1). Si teme anche ad accennare a questioni religiose al telefono: le chiamate potrebbero essere registrate e usate come capi d’accusa.

Il Pakistan, non a caso, è il paese di Asia Bibi, la donna cristiana accusata nel 2009 di aver oltraggiato il profeta e per questo imprigionata e condannata a morte. Solo nel 2018, dopo un autentico calvario, è arrivata per lei l’assoluzione. Ciò nonostante ha dovuto lasciare il paese e trasferirsi all’estero per il timore di reazioni violente.

Certo, non è sempre stato così per la piccola minoranza cristiana in Pakistan (l’1,6 per cento di una popolazione di 233 milioni di abitanti). Il libro ricorda come le cose siano precipitate dopo l’11 settembre. La discriminazione anticristiana esisteva anche in precedenza ma condizionava in misura minore l’esistenza ordinaria. Zarish ricorda con nostalgia il tempo non troppo lontano in cui i bambini indù, musulmani e cristiani potevano giocare assieme, farsi regali e anche cantare in compagnia i brani natalizi. Anche oggi non mancano esempi di musulmani di buona volontà e manifestazioni di solidarietà e apertura verso i cristiani. Nonostante l’odio e la persecuzione – che rimangono la regola – rimane ancora uno spazio di dialogo interreligioso.

Il libro si chiude con un messaggio – oso dire una profezia – indirizzato ai fratelli e alle sorelle cristiane d’Occidente.


PAKISTANKA

Leggi anche:
Pakistan: ogni anno 1000 ragazze cristiane rapite e convertite a forza all’Islam

La blogger vede avanzare forme di persecuzione anche nel mondo occidentale. Una persecuzione più “soft” forse, ma non per questo meno insidiosa. Si tratta, in sintesi, della dittatura del relativismo denunciata da Benedetto XVI. È il tentativo di schiacciare ogni forma di opposizione all’agenda politicamente corretta dei “nuovi diritti”: guai a non omologarsi al pensiero dominante in tema di aborto, matrimoni gay, gender, eutanasia. Molti segnali sono lì ad indicarlo: l’eccezione, la “comfort zone” dei cristiani occidentali sta per volgere al termine.

Ma ecco giungere da questa nostra sorella pakistana in Cristo un forte messaggio di speranza. Ci arriva attraverso la preghiera che sigilla le righe finali del suo scritto: «Perché sei morto per me, aiutami a vivere per te e, se necessario, a morire per te. Non lasciare che il mondo mi intimidisca. Aiutami a non vivere nel “politically correct”. Aiutami a essere forte, a non avere paura. Insegnami, Signore, a testimoniare sempre il Tuo Amore».

(1) In Pakistan, dove l’Islam è religione di stato, vige la cosiddetta legge antiblasfemia. Il codice penale pakistano punisce come reato punibile con la detenzione a vita o con la pena di morte la profanazione del Corano e gli insulti al Profeta Maometto. Anche se finora non ci sono stati giustiziati per blasfemia, sono numerose le persone imprigionate con accuse di questo genere. Resta il fatto, come si legge nel Rapporto sulla libertà religiosa curato da ACS (Aiuto alla Chiesa che Soffre), che «nella vita di ogni giorno la cosiddetta legge è spesso usata come uno strumento per perseguitare le minoranze religiose».

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA PEPEONLINE

Tags:
cristiani perseguitati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni