Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
San Sebastiano
home iconFor Her
line break icon

Paura di essere soli, paura di morire... la paura è una bugiarda!

WOMAN,

Zlata_Titmouse | Shutterstock

Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 09/11/20

Il caro amico don Andrea Lonardo dice che «Abbà» in realtà era una parola che compariva spesso sulla bocca di Gesù. Ha sicuramente ragione però, in tutti e quattro i Vangeli, questa è l’unica volta dove compare la parola «Abbà», che vuol dire papà, babbo. Gesù chiama Babbo il Padre mentre gli chiede di allontanare da Lui l’amaro calice. Capite che la scommessa sull’identità di Gesù è fondamentale? O è un malato di mente a dire quelle parole oppure è il Figlio di Dio. Questa è la vera scommessa, molto più intensa di quella pascaliana: non chi è Dio ma chi è Gesù? Gesù prega il Padre chiamandolo come fanno i bimbi piccoli, e quindi non muore da solo.

L’obiezione classica è quel grido di Gesù sulla croce:

Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? (Matteo 27,46).

Ora, innanzitutto queste parole sono anche l’inizio del Salmo 22, che inizia con un lamento angosciato simile a un De profundis ma termina con un inno di gloria e di lode al Signore re, una specie di Magnificat o Te Deum, una conclusione piena di fede.

Poi, sappiamo che le ultime parole di Gesù in croce, le ultimissime, ce le ha riportate il Vangelo di Luca. Luca non c’era, ha fatto ricerche accuratissime e intervistato, lo dice, i testimoni oculari. E sotto la croce, c’era lei, l’unica che sapeva tutto di Lui, Maria. E dal Vangelo di Luca sappiamo che le ultime parole di Gesù sono state:

Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno (Luca 23, 34)

e poi

Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito (Luca 23, 46).

Gesù non è morto da solo e non è morto nel dubbio e su questo punto è stata fatta della teologia semplicemente vergognosa, caricando sulle parole di Gesù tutta quella paura di estinguersi, di essere soli e abbandonati che è molto umana ma non divina e che certamente non era nelle intenzioni di Gesù, quello stesso Gesù che chiama il Padre “Babbo” e che prima di spirare consegna nelle Sue mani il Suo spirito.

E lo stesso Gesù di questo passo del Vangelo, che l’ho già detto, desidero al mio funerale: Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava:

«Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!». Ma l’altro lo rimproverava: «Neanche tu hai timore di Dio e sei dannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male». E aggiunse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso» (Luca 23, 39-42).

Altro che paura! E se a un povero malfattore, il Figlio di Dio dice queste parole, a me cambia la vita. Perché significa che Gesù Cristo non è morto da solo e che quando sarà il mio turno anche io, con i Sacramenti, posso essere unito a Lui e, grazie a questa unione, percepire e pronunciare le Sue stesse parole: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». E vuol dire che, nei momenti di commozione che mi porteranno alla malattia e alla morte, potrò gridare “Abbà”, Padre.

Questo a me cambia la vita perché la paura muore se c’è un Tu. L’orrore, il terrore della malattia e della morte cambiano se hai accanto un Tu forte, se ci sono persone che ami e che ti sostengono in quei momenti. La malattia resta malattia ma assume sembianze diverse perché hai vicino chi ti aiuta a vivere e sopportare il dolore e l’ansia. E se questo è vero allora perdoniamo la bellissima frase che qualcuno ha scritto su un muro qui vicino: «Fear is a liar», la paura è una bugiarda.


COUPLE IGIENIC MASK

Leggi anche:
Ricordiamoci che nessuno può morire da solo

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG DI COSTANZA MIRIANO

  • 1
  • 2
Tags:
libromortepaura
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni