Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconNews
line break icon

Musulmani iracheni ricostruiscono le chiese danneggiate dall'ISIS per far tornare i cristiani

John Burger - pubblicato il 09/11/20

“Vogliamo dire che i cristiani appartengono a questo luogo”, ha affermato il leader di un gruppo islamico volontario di Mosul. “Hanno una ricca storia qui”

Prima che la seconda città dell’Iraq, Mosul, venisse liberata dallo Stato Islamico, alcuni cristiani hanno sentito che anche senza la presenza dell’ISIS non sarebbero potuti tornare. Credevano che l’ideologia islamista sarebbe perdurata in città, rendendo impossibile per loro viverci.

Ora ci sono dei segnali che indicano che quelle paure erano infondate, e i giovani – cristiani e musulmani – sembrano offrire speranza per un futuro più roseo.

Mosul e la Piana di Ninive hanno iniziato un lento percorso di rinascita dopo anni di violenza settaria e dominio jihadista attraverso iniziative che uniscono cristiani e musulmani, soprattutto giovani, ha riferito AsiaNews, pubblicata dal Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME).

Padre Paul Thabit Mekko, alla guida della comunità cristiana di Karamles, ha affermato che ci sono molti esempi di questa collaborazione, come Sawaed al-Museliya, giovani volontari musulmani che aiutano a ripulire le chiese e a cancellare le tracce dello Stato Islamico. A suo avviso, è un segno “dello spirito che regna in buona parte della popolazione”.

Musulmani e cristiani insieme

I musulmani “collaborano per recuperare, pulire e allestire le chiese, perché pensano siano funzionali al ritorno dei cristiani nella regione”, spiega il sacerdote. “Si tratta di piccoli gruppi, in larga parte formati da giovani pieni di buona volontà e che cercano di mettere in campo iniziative positive”.

“Fra qualche giorno, alcuni giovani musulmani prenderanno parte alle operazioni di ripristino della cattedrale dei caldei di Mosul. Questi gesti, avverte, “testimoniano che vi è un cambiamento nella mentalità e aiutano anche altri ad impegnarsi sulla strada del dialogo e del confronto”.


IRAQ CHURCH; ST KYRIAKOS

Leggi anche:
Rapporto di ACS sull’Iraq: i cristiani sono ancora a rischio estinzione

Alla chiesa cattolica siriaca di San Tommaso di Mosul, saccheggiata dall’ISIS, i giovani volontari sono stati molto impegnati a ripulire dai detriti. Il loro lavoro “è un messaggio [ai cristiani]: ‘Tornate, Mosul non è completa senza di voi”, ha affermato Mohammed Essam, co-fondatore di un gruppo di volontari. “Vogliamo dire che i cristiani appartengono a questo luogo. Hanno una ricca storia qui”.

Per padre Mekko, che si è preso cura di migliaia di famiglie fuggite nell’estate 2014 a seguito dell’ascesa dell’ISIS, il processo di ricostruzione inizia con i giovani, “che dalla liberazione di Mosul hanno promosso un numero crescente di progetti e iniziative”.

Oltre all’Isis anche il Covid

Anche la pandemia di Covid-19 ha portato a una collaborazione tra gruppi cristiani e musulmani, che “si prodigano per allestire spazi per isolamento e quarantena e aiutano portando cibo, medicine, generi essenziali”.

Fino alla caduta di Saddam Hussein nel 2003, riferisce ad Arab Weeklypadre Raed Adel, incaricato delle chiese cattoliche siriache di Mosul, in città vivevano circa 45.000 cristiani.

Tags:
chieseiraqisismusulmanivolontari
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni