Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconChiesa
line break icon

Messa, catechesi e sacramenti: la Cei sollecita le diocesi alla prudenza

CHURCH

Vincenzo PINTO | AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 09/11/20

Con il nuovo dpcm del premier Conte non cambia nulla (eccetto l’autocertificazione per andare a messa nelle zone rosse), ma i vescovi invitano al massimo rigore per le attività “in presenza”.

Emergenza covid, nessuno stop alla messa comunitaria, neppure nelle zone rosse della Penisola. Lo ha chiarito il direttore dell’Ufficio nazionale comunicazioni sociali della Cei, Vincenzo Corrado. 

Corrado ha precisato, in relazione alle richieste di chiarimento legate al Dpcm del 3 novembre che «il provvedimento, come noto, divide l’Italia in tre aree – gialla, arancione e rossa – a seconda del livello di rischio. L’inserimento di una Regione in una delle tre fasce di criticità, ha spiegato il Presidente del Consiglio, avverrà con ordinanza del Ministro della Salute che recepisce l’esito del monitoraggio periodico effettuato congiuntamente con i rappresentanti delle Regioni».

Andrea Mancini / NurPhoto / NurPhoto via AFP
Des fidèles à une messe à l'église San Bernardino, à L'Aquila, en Italie, le 20 mai 2020.

Le regole per l’accesso in chiesa

Dunque, afferma Corrado «circa le celebrazioni, il testo precisa nuovamente che ‘l’accesso ai luoghi di culto avviene con misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi. E tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro’ (art. 1 comma 9 lettera p)».

Confermato il protocollo

Come già nei precedenti Dpcm «viene chiarito che le celebrazioni con la partecipazione del popolo si svolgono nel rispetto del protocollo sottoscritto dal Governo e dalla Conferenza Episcopale Italiana, integrato con le successive indicazioni del Comitato tecnico-scientifico (articolo 1 comma 9 lettera q)».

POPE AUDIENCE
HANDOUT / VATICAN MEDIA / AFP

“Consapevole prudenza”

Riguardo alle catechesi e allo svolgimento delle attività pastorali, alla luce delle indicazioni del Dpcm, la Segreteria Generale della Cei «consiglia una consapevole prudenza; raccomanda l’applicazione dei protocolli indicati dalle autorità. E una particolare attenzione a non disperdere la cura verso la persona e le relazioni, con il coinvolgimento delle famiglie, anche attraverso l’uso del digitale».


BOLIVIA

Leggi anche:
Covid, novità per la messa: torna il coro e niente distanziamento tra parenti

“Nelle zone rosse evitare momenti in presenza”

Già l’Ufficio catechistico nazionale con il documento ‘Ripartiamo insieme’ aveva suggerito alcune piste operative. «In particolare, per le zone rosse, la Segreteria Generale invita a evitare momenti in presenza favorendo, con creatività, modalità d’incontro già sperimentate nei mesi precedenti. E ponendo la dovuta attenzione alle varie fasce di età», conclude Corrado.

Oton Naglost | DRUŽINA
La catechesi in presenza deve seguire regole rigorose. Laddove non è possibile attuarle, meglio farla in digitale.

La cautela delle diocesi sulle attività “dal vivo”

Ma, in generale, la cautela fa sì che si vedano ridurre le attività pastorali “dal vivo” nelle parrocchie e nelle diocesi del Paese. Non sono pochi i vescovi, scrive Avvenire (7 novembre), che hanno già invitato a sospendere il catechismo in presenza trasferendolo sulle piattaforme web, oppure stabilito di fermare gli incontri diocesani e parrocchiali.

Ancora, c’è chi ha sollecitato a rinviare le Prime Comunioni e le Cresime fissate nelle prossime settimane. Oppure a evitare che siano inviati i ministri straordinari dell’Eucaristia nelle case dei malati per portare il Santissimo Sacramento privilegiando la Comunione spirituale legata al periodo d’emergenza.


COLLECTION

Leggi anche:
Covid e messe: nel nuovo Dpcm di Conte non cambia nulla

L’autocertificazione per le zone rosse

In Lombardia sono intervenuti i vescovi con una apposita nota, per chiarire i comportamenti da tenere in chiesa. Il caso più comune è quello dei fedeli che si recano a Messa. «Se sottoposti a controlli da parte delle forze di polizia nello spostamento tra la propria abitazione e la chiesa e viceversa – si legge – potrà essere esibita l’autodichiarazione» con causale «stato di necessità».

Coro, Prime Comunioni e Cresime in Lombardia

In questo momento le liturgie non possono essere animate dal coro, che pure non può effettuare le prove. È però ammessa la presenza dell’organista e di tre cantori al massimo che, così come organisti o sacristi, possono spostarsi all’interno della regione autodichiarando le «comprovate esigenze lavorative (e ciò vale anche in caso di personale volontario)».

Le Prime Comunioni e le Cresime non sono state bloccate. Ma «vista la particolare situazione – esorta la Conferenza episcopale lombarda – è bene che il parroco faccia discernimento con la comunità cristiana (specie con il Consiglio pastorale o i catechisti) circa l’opportunità di celebrare i sacramenti nelle date fissate nel mese di novembre o se rinviare a un altro periodo».


MASECZKI W KOŚCIELE

Leggi anche:
Tre sacerdoti col covid: parrocchia di Roma senza messe per tre giorni

Tags:
covidMessa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni