Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconArte e Viaggi
line break icon

Sapevate che alle Canarie c’è il cimitero subacqueo dei martiri gesuiti?

Tomasz Reczko - Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 07/11/20

A Malpique, nel sud dell'isola di La Palma, si trova questo cimitero particolare in cui nessuno, ovviamente, può accendere una candela

Alle isole Canarie c’è il cimitero subacqueo dei martiri gesuiti. Un cimitero situato a 20 metri di profondità, a Malpique, che è anche uno dei siti di immersione più conosciuti di La Palma, una delle isole più piccole dell’arcipelago spagnolo.

Questo particolare monumento, creato nel 2000, racconta La Nacion (4 novembre), ha 40 croci di pietra che rappresentano i 40 martiri di Tazacorte. Si tratta di un gruppo di monaci gesuiti di nazionalità portoghese e spagnola, che furono gettati in mare da una nave dopo un attacco dei pirati. Sicuramente la storia di questo cimitero è tra le più singolari al mondo.

Immersi contro la loro volontà

Quasi 500 anni fa, 40 gesuiti si “immersero” lì contro la loro volontà, affogando nelle profondità dell’Oceano Atlantico soprattutto perché non potevano usare né braccia né gambe. Sì, la storia dei martiri di Tazacorte è sanguinosa e brutale, ma allo stesso tempo è molto interessante.

La storia del cimitero subacqueo alle isole Canarie inizia nel cuore e nella mente del beato padre Ignacio de Azevedo, un gesuita portoghese che dopo una missione di due anni in Brasile, commosso dalla povertà sia materiale che spirituale che vi aveva riscontrato, decise di organizzare un gruppo di chierici disposti a svolgervi l’attività evangelizzatrice. In poco tempo riuscì a convincere il generale dei Gesuiti, Francisco de Borja, e 69 volontari a recarsi nella colonia portoghese per sostenere la missione di evangelizzazione.




Leggi anche:
13 tra i più straordinari cimiteri al mondo

La partenza alla volta di Madeira benedetta dal Papa

L’iniziativa venne anche benedetta da Papa Pio V, che consegnò al beato Ignacio l’immagine della Madonna della basilica di Santa Maria Maggiore. Dopo cinque mesi di preparativi, il 5 luglio 1570 sette navi e una caravella partirono alla volta di Madeira, dove giunsero dopo una settimana di navigazione. E lì terminò la parte gradevole del viaggio.

Nell’isola i missionari sentirono voci sul fatto che nelle acque circostanti giravano pirati francesi, che oltre alla nota ostilità nei confronti degli altri partecipanti al traffico marittimo avevano un’avversione particolare per i cattolici, essendo loro ugonotti. Una parte consistente della spedizione decise di rimanere a Madeira, tranne i 39 gesuiti temerari e il beato Ignacio, che nonostante tutto salparono sulla nave San Jacobo alla volta dell’isola di La Palma.


CEMETERY

Leggi anche:
Inaugurato in un cimitero uno spazio per i “cherubini di Dio”

La visione del martirio

Sull’isola padre Ignacio incontrò un suo amico di scuola, che invitò a casa sua per alcuni giorni tutta la spedizione. Secondo la leggenda, il beato Ignacio celebrò una Messa nella cappella locale, durante la quale ebbe la visione del suo martirio. A quanto pare, la rivelazione lo atterrì tanto che lasciò la traccia dei denti sul calice liturgico. Sarà vero? Non si sa, ma ancora oggi si conserva la casula con cui il beato celebrò quella Messa.

L’assalto dei pirati

Il 13 luglio, la squadra decise di navigare fino all’altro lato dell’isola raggiungendo il porto di Santa Cruz, ma quando erano più o meno a metà strada incontrò le navi francesi, comandate dal pirata Jacques de Sores. Erano molto più veloci della San Jacobo, e quindi tre pirati salirono rapidamente sull’imbarcazione dei missionari. Non si trattennero tuttavia molto, perché l’equipaggio della San Jacobo era più numeroso e li spedì rapidamente all’altro mondo, cosa che fece ovviamente infuriare gli altri pirati.

Il massacro e le torture

Padre Ignacio decise di tirar fuori l’immagine della Vergine donata dal papa, la collocò sull’albero maestro ed esortò l’equipaggio a pregare. Se a qualcuno sembra strana la decisione pacifista del religioso, pensi ai tanti pirati di fronte ai gesuiti disarmati e alle rapide imbarcazioni dei corsari. La sentenza di morte venne firmata nel momento in cui gli ugonotti francesi apparvero all’orizzonte.

Quelli che assalirono la San Jacobo diedero il via a un vero massacro. Tagliarono la testa dei gesuiti che pregavano in ginocchio. Ad alcuni tagliarono anche mani e piedi, gettando i corpi in mare perché affogassero nelle profondità dell’oceano senza poter far nulla.




Leggi anche:
La bellezza e la cultura nascoste nel cimitero del Verano di Roma

Il gesuita che si salvò

Come possiamo conoscere il resoconto in modo tanto dettagliato? Anche se i pirati uccidevano con particolare crudeltà chiunque indossasse una tonaca, un gesuita si salvò. Juan Sánchez sopravvisse solo perché era cuoco e i corsari ne avevano bisogno. Il gesuita fuggì quando arrivarono al porto più vicino.

Le beatificazione dei 40 martiri

Grazie al suo racconto, l’11 maggio 1854 Papa Pio IX beatificò i 40 martiri di La Palma. Nel 2000, per onorarne la memoria, sono state calate sul posto 40 grandi e pesanti croci di pietra. Così, in questa piccola isole delle Canarie è nato il cimitero subacqueo. I locali credono che grazie a loro le acque dell’oceano, in genere molto mosse, si siano calmate, come se volessero onorare la memoria dei gesuiti con il loro silenzio.

Forse qualcuno si chiederà perché i martiri siano 40 se uno è riuscito a fuggire. Il fatto è che il nipote del capitano dell’imbarcazione, Juan de San Juan, di 14 anni e candidato all’Ordine, è stato considerato uno dei martiri.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]


CEMETERY

Leggi anche:
Cimiteri “a impatto zero” e “compostaggio salme”? Ecco l’ecologismo misantropico

Tags:
cimiterigesuiti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni