Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

Lolo: in cielo in sedia a rotelle

LOLO

Amigosdelolo.com

Patricia Navas - pubblicato il 05/11/20

La storia ispiratrice del giornalista e scrittore spagnolo Manuel Lozano Garrido

Lolo adorava lo sport e la natura. Gran parte della sua allegria e della sua attività era dovuta al centro giovanile dell’Azione Cattolica della città spagnola di Linares, dove era nato nel 1920.

Quando era molto giovane, durante la Guerra Civile spagnola, portava di nascosto l’Eucaristia alle persone che glielo chiedevano, il che gli costò l’arresto.

Un giorno, un Giovedì Santo, gli passarono la Comunione nascosta in un mazzo di fiori, e passò tutta la notte adorando Gesù.

Quando aveva 22 anni la sua vita subì un cambiamento drammatico: soffrì di una paralisi progressiva che lo lasciò su una sedia a rotelle. Lo descriveva così nel suo libro Lettere con il segno della croce:

“Apparentemente il dolore ha cambiato il mio destino in modo radicale. Ho abbandonato gli studi, ho messo da parte il mio titolo, sono stato ridotto alla solitudine e al silenzio. Il giornalista che volevo essere non è entrato alla Scuola di Giornalismo; il piccolo apostolo che sognavo di diventare ha smesso di andare in giro per i quartieri; il mio ideale e la mia vocazione li ho ora davanti, con una pienezza che non avrei mai potuto sognare”.

LOLO
Amigosdelolo.com

La disabilità lo ha accompagnato per 28 anni, come ha fatto la sorella Lucy, “attraverso la quale tocco, vedo, canto, prego e amo”, riconobbe Lolo grato.

LOLO
Amigosdelolo.com

Quando poteva ancora muovere un po’ le dita gli regalarono una macchina da scrivere. La prima cosa che vi scrisse, come ricorda il postulatore della sua causa di beatificazione, Rafael Higueras, nella sua biografia, fu una preghiera:

“Signore, grazie.

La prima parola, il tuo nome; sia sempre la forza e l’anima di questa macchina… La tua luce e la tua trasparenza siano sempre nella mente e ne cuore di tutti coloro che lavorano con essa, perché ciò che si faccia sia nobile, pulito e portatore di speranza”.

In seguito fece collocare quella macchina da scrivere alla base di quello che sarebbe stato l’altare della sua stanza, dove a volte veniva celebrata la Messa.

Quando perse il movimento della mano destra imparò a scrivere con la sinistra, e quando non poté farlo più neanche con quella usava un magnetofono per registrare tutto quello che desiderava dire al mondo.

LOLO
Amigosdelolo.com

La sua mente rimase lucida e la sua sensibilità molto al di sopra della media. La forza interiore era l’aspetto nascosto della sua serena allegria.

Era brillante nello scoprire la verità nel mondo ed esprimerla con parole piene di saggezza e bellezza. Lasciatevi ispirare da alcune delle sue frasi, raccolte in questa galleria fotografica:

GALLERIA

“La mia professione: invalido”, si presentava, ma Manuel Lozano Garrido è stato un grande giornalista e scrittore. È stato autore di vari libri e di centinaia di articoli giornalistici, e ha ricevuto e ispirato premi collegati alla comunicazione.

Negli ultimi nove anni è rimasto anche cieco. Non si lamentava. Il suo medico scherzava con lui dicendo: “Sei il malato grave che gode di più salute”.

LOLO
Amigosdelolo.com

Il 3 novembre 1971, a 51 anni, stava recitando l’Ave Maria – “prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte” – quando il suo cuore si è fermato.

La vittoria finale Lolo l’ha trovata dall’altra parte. La Chiesa cattolica lo ha riconosciuto beato il 12 giugno 2010.

Tags:
disabilitàgiornalistasanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni