Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconSpiritualità
line break icon

Olio bollente e serpenti: così l'angelo custode ha salvato santa Cristina

SAINT CHRISTINE OF BOLSENA

Public Domain

SANTA CRISTINA DE BOLSENA: Giovane convertita del III secolo, Cristina rifiutò di offrire sacrifici ad Apollo, spezzò degli idoli d'oro e d'argento e ne distribuì i frammenti ai poveri. Venne poi perseguitata dal padre, che la consegnò agli aguzzini. Frustata, fu legata a una ruota che si ruppe. Cercarono quindi di affogarla nel lago di Bolsena, fissandole una pietra al collo, ma Cristo stesso intervenne per salvarla. Venne quindi immersa nell'olio bollente. Dopo altri supplizi, le ruppero il cranio con un'ascia.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 31/10/20

Santa Cristina distribuisce oro e argenti di famiglia ai poveri e subisce il tentato omicidio da suo padre. Uno spirito celeste le salva la vita quattro volte

All’inizio del IV secolo un angelo custode viene in soccorso di santa Cristina di Bolsena (III-IV secolo dopo Cristo). Questa giovane ragazza si è convertita al cristianesimo, ed ella dona del filo da torcere a suo padre senatore. Cristina un giorno a riduce in pezzi le preziose statuette dei mani domestici, di cui lei distribuisce i pezzetti – dell’oro e dell’argento – ai poveri della città!

angel
© Shutterstock

L’angelo che passava attraversava le mura

Molto in collera, papà la fa fustigare, poi la rinchiude in una torre, a pane e acqua. Che importa! L’angelo custode passando attraverso le mura viene a portare a santa Cristina, prigioniera, alcuni frutti per migliorare il suo regime, egli spinge anche la sua delicatezza fino ad offrirle dei fiori. Quelle meraviglie, lungi dal calmare l’irascibile patrizio pagano, raddoppiano il suo furore: non solamente sua figlia è cristiana, ma è una teatrante!




Leggi anche:
La sveglia dell’angelo custode: i racconti di 3 famosi sacerdoti

La figlia gettata nel lago di Bolsena

D’altronde, è la stessa cosa, almeno i pagani ne sono persuasi. Queste storie del messaggero celeste nascondono per essi sicuramente la complicità d’un servo, che santa Cristina avrebbe sedotto. Allora egli fa gettare la sua indegna figlia nel lago di Bolsena, con una pesante pietra al collo. Non appena ella è scomparsa nelle acque oscure, un angelo si getta in acqua, taglia la corda trattenente la pietra, e riporta l’adolescente sulla sponda.

SANTA CRISTINA DI BOLSENA: Nel III secolo, giovane convertita, Cristina si rifiutò di sacrificare ad Apollo, spezzò gli idoli d'argento e d'oro e ne distribuì i frammenti ai poveri. Per questo fu perseguitata da suo padre che la consegnò ai carnefici. Fustigata, fu legata a una ruota che si spezzò. Si tentò di annegarla nel lago di Bolsena, legando al suo collo una macina da mulino, ma Cristo in persona venne a salvarla. La immersero quindi in un bagno d'olio bollente. Dopo altri supplizi, le spaccarono la testa con un'ascia.

La fossa dei serpenti

Lungi dall’essere impressionato da quel miracolo evidente, il papà decide di finirla: fa piombare sua figlia in un calderone d’olio bollente: ella ne è estratta indenne dall’angelo. La fa gettare in una fossa dove vi sono serpenti, scorpioni e scolopendri: l’angelo incanta le bestie immonde, che si guardano bene dal pungere o dal mordere santa Cristina, ed egli estrae questa dalla fossa. Intrattabile, il senatore consegna sua figlia agli arcieri: l’angelo si diverte a deviare le frecce.




Leggi anche:
Gli angeli sono apparsi a diversi religiosi in punto di morte: le testimonianze

Una leggenda stravagante?

Infine, stanco di quegli interventi che allontanano da lei la grazia del martirio senza pertanto convertire il suo furioso padre, santa Cristina ringrazia l’angelo custode dei suoi buoni uffici e lo congeda: questa volta, il boia non ha nessun male nel fendere il cranio con un colpo di mazza, ed ella muore rendendo grazie a Dio. Per stravagante che sembri questa leggenda, il culto della martire Cristina di Bolsena è anticamente attestato: ella è rappresentata su di un mosaico della cattedrale di Ravenna (VI secolo).




Leggi anche:
Tutte le volte che gli angeli hanno salvato Sant’Antonio Claret

Tags:
angeli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni