Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 05 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconSpiritualità
line break icon

Per Ognissanti, contempliamo il sorriso di chi si è lasciato salvare

JAN PAWEŁ II

PA Archive/Press Association Images/EAST NEWS

Henri Quantin - pubblicato il 29/10/20

La gioia dei santi è attrattiva: il loro sorriso non è mai compiacente, perché detesta il male. Esso è segno della felicità che Dio vuole per ciascuno di noi.

«Non esiste al mondo se non una fonte di tristezza: non essere santi». Che cosa derivare dalla famosa formula di Léon Bloy, se non l’evidente inferenza per cui solo i santi sono felici? Siamo pronti a credere che Dio vuole la nostra felicità e che la santità è pienezza e non isolamento austero o trappola perversa? «Non sono un santo», si dice a volte. Dietro l’apparente umiltà della frase si nasconde spesso una condiscendenza per le nostre ambiguità, per quelli che vezzeggiativamente chiamiamo “i peccati quotidiani”.

«Non sono un santo» significa allora “sono un tipo sveglio che sa divertirsi, non un musone complessato”. Triste idea della santità, che fa dell’unione con Dio una minaccia per la nostra felicità. Nessun peccato è piccolo e carino, perché tutti sfigurano il volto luminoso che Dio vuole per noi. Sbalorditiva, la nostra volontaria schiavitù: teniamo a quel che ci assoggetta e temiamo quel che ci libera.


WOMAN PRAYING

Leggi anche:
Come si fa a capire quando un peccato è “veramente mortale”?

La gioia di fratel Luc

Pregate di fornire delle foto della loro sorellina, Teresa di Lisieux, le sorelle Martin avevano creduto bene omettere quelle in cui sorrideva. Credevano di aiutare così la causa dei beatificazione della sorella, mostrando come fosse una ragazza seria. Fortunatamente il sorriso della “piccola pallina di Gesù” ci è stato restituito: sì, i santi possono sorridere. Nel film Uomini di Dio il volto delicato di fratel Luc, che la morte di Michaël Lonsdale ha recentemente riproposto, lo ricorda gentilmente ai confratelli di agonia. Ammettiamo che davanti a questa infanzia spirituale prolungata e all’offerta di sé pudica e divertita, il volontarismo un po’ rigido di fratel Christian (almeno come l’ha interpretato Lambert Wilson) faceva più fatica a convincere lo spettatore della gioiosa unione a Dio del martire.




Leggi anche:
Michael Lonsdale è morto: ritrova oggi in cielo il “suo fratel Luc”

Non per questo, del resto, ogni sorriso è santo. Ernest Hello, uno dei maestri di Léon Bloy, ci invita a non confondere compassione e complicità:

Il vero santo ha la carità; ma è una carità terribile, che brucia e che divora; una carità che detesta il male, perché vuole la guarigione. Il santo come se lo immagina il mondo avrebbe una carità zuccherosa che benedirebbe tutto e tutti in qualsivoglia circostanza. Il santo come se lo immagina il mondo sorriderebbe all’errore, al peccato, a tutto, a tutti…

Non a caso, raramente un sorriso mieloso annuncia cose buone, e Cristo non sorride affatto a tutti.

Tutto è possibile a Dio

Tocca allora a noi sorridere quando un vero santo ci trascina verso l’alto, invece di compiacerci nei nostri piccoli compromessi col male. Non dimentichiamo mai che Dio vuole la nostra santificazione. «Per me è troppo difficile», si dirà. Certo, ma niente è impossibile a Dio, se perlomeno non opponiamo resistenza. Non dimentichiamo, qualunque cosa accada, che «Dio è più grande del nostro cuore e conosce ogni cosa». Massimiliano Kolbe, Teresa di Calcutta, Jean-Marie Vianney: nessuno è nato con un capitale di santità superiore al nostro. Per non far passare in vano Ognissanti, chiediamo al Signore di renderci santi. Il mondo ha bisogno più che mai di uomini e di donne che sappiano da dove viene il loro sorriso.

Scoprite questi santi che ci assomigliano:

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
cammino di santitàsanti e beatisantitaspiritualitàvita spirituale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
JOE BIDEN
Francisco Vêneto
Un sacerdote ha negato a Joe Biden la Comunio...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Little Sisters Disciples of the Lamb
Cerith Gardiner
Conoscete l'ordine religioso che accoglie suo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni