Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconSpiritualità
line break icon

La sveglia dell'angelo custode: i racconti di 3 famosi sacerdoti

Shuttlestock / Common Wikipedia

don Marcello Stanzione - pubblicato il 27/10/20

L'aiuto provvidenziale dello spirito celeste a don Dolindo Ruotolo, Josemaria Escrivà, e Padre Alessio Parente, stretto collaboratore di Padre Pio

La provvidenziale sveglia dell’angelo custode ha aiutato tre noti sacerdoti, morti in odore di santità. Stiamo parlando di don Dolindo Ruotolo, San Josemaria Escivà e Padre Alessio Parente, collaboratore di San Pio da Pietrelcina. Ecco le loro testimonianze.

1) L’angelo custode e don Dolindo Ruotolo

Riguardo agli angeli custodi nella sua autobiografia don Dolindo Ruotolo scrive: «Io, giovinetto, a 14 anni, essendo chierico, fui incaricato di aver cura della lampada del SS. Sacramento, perché non si spegnesse. I lumini che avevo a mia disposizione erano difettosi, si spegnevano in varie ore, senza che io potessi calcolarne la durata. Nel giorno vigilavo io, ispezionando di tanto in tanto la lampada, ma nella notte come potevo fare questa vigilante ispezione? Pregai con semplicità e la fede di un fanciullo l’angelo mio custode che mi avesse svegliato un minuto prima che si spegnesse la lampada. Un minuto, perché, a mia vergogna, nono volevo perdere sonno. Un minuto mi bastava per andare dal letto alla cappella, dov’era Gesù Sacramentato».

” Dolindo, la lampada”

Ogni notte, ricorda don Dolindo, «in varie ore, secondo il…capriccio dei lumini, mi sentivo dolcemente battere sulla spalla destra come voce che mi chiamava: “Dolindo, la lampada”. Ed io scendevo, e la lampada stava per spegnersi. La smoccolavo e ritornavo a letto. Una notte, una brutta notte, fui pigro; che pena a ricordarlo! Sentii la mano sulla spalla, la voce che mi chiamava e, ripugnandomi di alzarmi, pensai che potevo ingannarmi. Rimasi un minuto solo a poltrire, ma mi ripigliai. L’angelo dovette in quel momento illuminarmi soltanto; per delicatezza non battere sulla spalla e non parlò, giacché io ero sveglio».

Don Dolindo si precipitò dal letto, scese in cappella, e trovò il lumino spento che fumigava. «L’angelo mi aveva chiamato esattamente un minuto prima che si spegnesse. I miei confratelli, sorpresi che io giungessi sempre in tempo nella notte ad accomodare la lampada, mi domandarono: “Come fai ad accorgerti che la lampada si spegne, se non si può calcolare la durata del lumino?”. Risposi: “E’ semplice; ho pregato l’angelo mio che mi svegliasse un minuto prima, ed egli mi sveglia”».




Leggi anche:
“Una nuvola, abito dorato e stola”. Santa Faustina ha visto l’angelo custode

2) L’angelo custode e san Josémaria Escrivà

San Josémaria Escrivà, il fondatore dell’Opus Dei, aveva una fede enorme nel suo Angelo Custode, che gli ha reso immensi servizi, tra cui quello di salvargli la vita. Notiamo che la fondazione dell’Opus Dei ha avuto luogo il 2 ottobre 1928, festa dei santi angeli custodi. Josémaria vi ha visto una manifestazione della divina Provvidenza. Lui stesso, trovandosi in strada, è aggredito da uno sconosciuto, in pieno giorno, alle tre del pomeriggio. Preso alla gola, egli è liberato da un ragazzo, altrettanto sconosciuto, che gli mormora in un orecchio “asinello, asinello”. Solo Dio ed il suo confessore conoscono questo modo che egli aveva di designare se stesso nella sua preghiera.

ESCRIVA DE BALAGUER
Oficina de información del Opus Dei

“Il mio piccolo orologiaio”

Il fondatore attribuì questo attacco ad un’azione diabolica, e la difesa al suo angelo custode. Quando entrava in una stanza, si spostava in modo impercettibile per lasciar passare dapprima il suo angelo custode, e salutava sempre anche l’angelo custode delle persone che incontrava. Ricevendo un giorno un vescovo suo amico, accompagnato dal suo segretario, gli chiese: “Indovinate chi ho salutato per primo”.

L’arcivescovo rispose: “Me”. “No. Ho salutato dapprima il personaggio”. “Ma, riprese il prelato, tra il mio segretario ed io, il personaggio sono io”. San Josémaria rispose: “No, il personaggio è il vostro angelo custode”. Trovandosi in una estrema povertà, e non avendo i mezzi per far riparare il suo orologio, Josémaria si affidò al suo Angelo custode per risvegliarlo all’ora. Egli si è sempre mostrato puntuale, ed era come se giungesse a toccare Josémaria sul fianco. Questi lo chiamava di colpo “il mio piccolo orologiaio”.


FATHER GIOVANNI BOSCO

Leggi anche:
Don Bosco e l’angelo custode: “Se state in pericolo, invocatelo!”

3) L’angelo custode e Padre Alessio Parente

Padre Alessio Parente, di venerata memoria, che per molti anni fu al fianco di padre Pio da Pietrelcina come segretario ed infermiere personale, ci riporta questa testimonianza : «A quel tempo padre Pio diceva la Messa prestissimo al mattino. Io lo aiutavo a scendere le scale fino alla sacristia, lo aiutavo a vestire i paramenti sacri e ad accedere all’altare. Gli toglievo i guanti e poi via, me la filavo in cella e tornavo a dormire. Ero giovane: allora dormivo molto meglio di oggi… Però per la fine della Messa dovevo trovarmi di nuovo giù in sacristia per aiutare il padre».

Solomenco-Bogdan-CC




Leggi anche:
Padre Pio rivela il contenuto di una lettera mai aperta: “Me lo ha detto l’angelo custode”

“Comprati una buona sveglia”

Padre Alessio confessò che «molte volte mi prendeva il sonno, e tuttavia, puntualmente, qualcuno veniva a bussare alla mia cella. Saltavo giù di colpo – allora si dormiva con l’abito – aprivo la porta, ma nel lungo corridoio non c’era mai nessuno. Chi bussava alla mia porta per svegliarmi? Questo mi avvenne non una, ma molte volte. E poiché a lungo andare finii per sentirmi in colpa, mi rivolsi al padre: “Le chiedo scusa – dissi – per tutte le volte che arrivo in ritardo per aiutarla…”. Lui mi guardò fisso negli occhi, alzò il dito per rimproverarmi e disse: “E tu credi, figlio mio, che ho intenzione di continuare a mandarti il mio angelo custode per svegliarti tutte le mattine? Comprati una buona sveglia!”».




Leggi anche:
La discesa degli angeli dal cielo: la vicenda dell’assedio di Costantinopoli

Tags:
angelisan josemaria escriva
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni