Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconFor Her
line break icon

A merenda coi Santi: Santa Giuseppina Bakhita

SAINT, GIUSEPPINA, BAKHITA

Wikipedia

Mogli e mamme per vocazione - pubblicato il 26/10/20

Continua il nostro cammino insieme verso la Festa dei Santi facendo conoscere ai bambini la storia dei nostri grandi amici che stanno in Cielo.

Santa Bakhita in breve

Nasce nel Sudan nel 1869, rapita all’età di sette anni, venduta più volte, conosce sofferenze fisiche e morali, che la lasciano senza un’identità. Sono i suoi rapitori a darle il nome di Bakhita («fortunata»). Nel 1882 viene comprata a Kartum dal console Italiano Calisto Legnani. Nel 1885 segue quest’ultimo in Italia dove, a Genova, viene affidata alla famiglia di Augusto Michieli e diventa la bambinaia della figlia. Quando la famiglia Michieli si sposta sul Mar Rosso, Bakhita resta con la loro bambina presso le Suore Canossiane di Venezia.

Qui ha la possibilità di conoscere la fede cristiana e, il 9 gennaio 1890, chiede il battesimo prendendo il nome di Giuseppina. Nel 1893, dopo un intenso cammino, decide di farsi suora canossiana per servire Dio che le aveva dato tante prove del suo amore. Divenuta suora, nel 1896 è trasferita a Schio (Vicenza) dove muore l’8 febbraio del 1947. Per cinquant’anni ha ricoperto compiti umili e semplici offerti con generosità e semplicità.

GIUSEPPINA BAKHITA
Fabia Barbirato


SAN DOMENICO SAVIO

Leggi anche:
A merenda coi Santi: San Domenico Savio

Che cosa mi insegna Santa Bakhita

Santa Bakhita, nella sua vita, sembra mettere in pratica questa parola di San Paolo: “Tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio” (Rm 8,28).

Diceva:

Se incontrassi quei negrieri che mi hanno rapita, e anche quelli che mi hanno torturata, mi inginocchierei a baciare le loro mani, perché se non fosse accaduto ciò, non sarei ora cristiana e religiosa.

Santa Bakhita ci insegna a vedere la mano provvidenziale dell’Altissimo, che guida e sostiene la storia umana, non abbandonando mai chi a Lui si affida, anche nel mezzo di avvenimenti oscuri e impenetrabili.

Il libro

Suggerimento di lettura a cura di Loretta Fortuna

Il libro che vi proponiamo questo mese è:

GIUSEPPINA BAKHITA, BOOK
Il pozzo di Giacobbe

L’attività

Santa Bakhita chiamava Dio “el Paron” (secondo il dialetto veneto che aveva imparato): lei che aveva conosciuto la schiavitù, lei che era stata soggetta a tanti padroni umani, scopre che il vero “Paron” è Dio, l’unico che non ci lega a sé con delle catene bensì con l’amore. Un amore che è in grado di trasformare le cose brutte della nostra vita in cose meravigliose.

Realizziamo con i bambini la catena dell’amore.

Occorrente:

  • fogli A4 tagliati a strisce (altezza circa 3 cm);
  • colori;
  • foglietti di carta di tanti colori (da collage);
  • graffettatrice.

Procedimento:

Consegnate ad ogni bambino una o due strisce di carta, chiedendo loro di scrivere su ogni striscetta qualcosa di negativo o brutto che può succedere (o è successo) nella loro vita. Decidete voi, a seconda dell’età dei bambini, quanto in profondità andare su questa parte del lavoro. Dato che mio figlio maggiore è nell’anno della prima confessione, ho chiesto di scrivere alcuni peccati. Ovviamente, se i bambini sono piccoli, sarete voi a scrivere sulla striscia.

Quando le strisce saranno decorate, unitele insieme a formare una catena di cuori: iniziate unendo insieme la prima striscia con un punto di graffettatrice, poi piegate la striscia a formare il cuore, unite la seconda striscia e chiudete con un altro punto. E così via.

CATENA, CUORI, BAKHITA
Moglie e mamme per vocazione


SAN FILIPPO NERI

Leggi anche:
A merenda coi Santi: San Filippo Neri

La ricetta: catena spezzata (anelli di cacao)

A cura di Cecilia McCamerons Piazza
Ingredienti frolla al cacao:
  • 300g farina
  • 200g burro
  • 100g zucchero a velo
  • 35g cacao amaro in polvere
  • 1 uovo
Utensili utili:
  • Coppapasta tondo o ovale grande
  • Coppapasta tondo o ovale più piccolo rispetto al precedente

Procedimento:

Amalgamare tutti gli ingredienti cominciando dal burro e dallo zucchero.
Se l’impasto finale risulta molto appiccicoso, lasciar riposare qualche minuto in frigorifero.
Stendere col mattarello una parte dell’impasto tra due pezzi di carta forno con uno spessore di circa mezzo centimetro.
Ricavare col coppapasta grande dei biscotti e poi col piccolo il buco centrale dell’anello.
Infornare a 180°C per circa 6 minuti (controllare la doratura).

Variante golosa: intingere ciascun biscotto per metà nel cioccolato fuso e lasciar raffreddare prima di servire.

BISCOTTI, CIOCCOLATO, BAKHITA
Cecilia Mc Camerons Piazza

Preghiera finale

Santa Bakhita ci insegna che non esiste “Paron” più buono di Dio. Diceva:

Quelo che vole el Parón, quanto bon che xé el Parón, come se fa a no volerghe ben al Parón (quello che vuole il Signore, quanto buono è il Signore, come si fa a non voler bene al Signore).

Tenedo in mano la catena di cuori, che ci unisce tra noi e con Dio, recitiamo con i bambini la preghiera del Padre Nostro.

Per scaricare il file PDF che contiene: la scheda riassuntiva e i disegni di Santa Bakhita, sia a colori che in bianco e nero:

CLICCATE QUI

Raccontateci come vanno le vostre merende!

Vi ricordiamo che tutti i materiali, le attività e i disegni sono da utilizzare solamente nel contesto dell’iniziativa “A merenda con i Santi”.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MOGLIE E MAMME PER VOCAZIONE

Tags:
santa giuseppina bakhitaSanti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni