Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconChiesa
line break icon

Chi è il nuovo cardinale cileno, che si è destreggiato tra crisi e catastrofi?

MONS AON

iglesiadesantiago.cl

Pablo Cesio - pubblicato il 26/10/20

Il profilo del frate cappuccino nominato cardinale da Papa Francesco il 25 ottobre

“Ho incontrato il Dio delle sorprese”. Così ha risposto monsignor Celestino Aós, arcivescovo di Santiago del Cile, a un’intervista di Radio María Chile la settimana scorsa quando gli è stato chiesto del suo sesto anniversario episcopale, che ha celebrato il 18 ottobre. E che sorpresa avrà avuto quando Papa Francesco lo ha annunciato come nuovo cardinale domenica 25 ottobre!

Chi è monsignor Aós

Spagnolo di nascita, originario della Navarra, a 10 anni – il 16 agosto 1955 – è entrato come aspirante nell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, e il 16 settembre 1967 ha realizzato la professione perpetua, dopo aver studiato Filosofia e Teologia nelle città spagnole di Saragozza e Pamplona rispettivamente.

Ecco il messaggio di Aós dopo aver saputo che verrà creato cardinale, in cui ribadendo il messaggio francescano “Pace e bene” ha chiesto di costruire la pace in Cile:

Nel marzo 2019, il Papa ha scelto monsignor Aós, che è anche psicologo, ha esperienza nella giustizia ecclesiastica e vive in Cile dal 1983, come Amministratore Apostolico per Santiago.

Nel dicembre dello stesso anno, Francesco lo ha nominato arcivescovo della capitale cilena, e in questa veste ha dovuto accompagnare sacerdoti e comunità segnati dalla profanazione e dall’incendio di varie chiese e dagli abusi sessuali da parte di membri del clero, esortando anche a raggiungere un nuovo patto sociale.

“Credo che debbano verificarsi cambiamenti profondi, ma i cambiamenti profondi non riguardano solo le strutture, ma anche le persone. È indubbio che si debbano cambiare la Costituzione e certe strutture, ma è altrettanto indubbio che si debba cambiare la persona che è disposta ad andare a dare alle fiamme un bene pubblico o a insultare l’altro”, ha affermato.

Monsignor Aós si è recato alla chiesa La Asunción subito dopo che è stata data alle fiamme il 18 ottobre, evento che ha provocato, tra le altre cose, la caduta del campanile.

CHILE
iglesiadesantiago.cl
CHILE
iglesiadesantiago.cl

“Nella parrocchia La Asunción l’unica cosa rimasta intatta è un’immagine della Madonna, di Nostra Signora di Guadalupe. È una dimostrazione del fatto che non siamo soli, che la abbiamo come Madre”, ha commentato.

CHILE
Gentileza

Tags:
cardinalecile
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni