Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconFor Her
line break icon

Niente di ciò che soffri andrà perduto, lo sai?

WOMAN

Pixabay

Costanza Miriano - Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 22/10/20

Due piccoli estratti dal libro "Niente di ciò che soffri andrà perduto" di Costanza Miriano. "La croce, anche se rimane un mistero, è pensata per noi".

Due piccoli estratti dal libroNiente di ciò che soffri andrà perduto di Costanza Miriano

È l’una e tre quarti di notte e sono ancora in fila per la doccia. Nel bagno di casa c’è uno che è appena tornato da un giro con gli amici, anche se due giorni fa era un bebè mentre adesso ci contendiamo gli spazi notturni (ma perché non esce a drogarsi?).

Da quando sono rientrata dalla corsa, nel tardo pomeriggio, non sono mai riuscita a varcare la soglia della sala ovale – così si chiama il bagno a casa nostra, essendo l’unica stanza in cui ci si può ritirare da soli a prendere decisioni strategiche, come fanno i presidenti degli Stati Uniti –, visto che c’era sempre qualcuno che mi chiedeva uno schema di scienze, un bottone, della lattuga (questa interessa soprattutto a una specie di ciabatta pelosa e molesta che all’anagrafe risulta essere la cavia peruviana Gessetto), oppure mi toccava ascoltare uno sfogo telefonico pulendo la cucina con il cordless incastrato nella clavicola, posizione scomodissima che tengo per circa tre ore al giorno e per la quale credo che a breve avrò diritto a una pensione di invalidità.

Inoltre sono a dieta da una settimana e sono ingrassata, cosa che non si è mai vista in tutta la storia mondiale delle diete, che al limite non funzionano, ma ingrassare no, non si può, non è legale. Infine ho pure fatto arrabbiare mio marito, e la cosa brutta è che aveva ragione lui, ma non ho potuto dirglielo anche se avrei tanto voluto, perché purtroppo va contro i miei più radicati principi immorali.

Lo ammetto, non sono grandi sofferenze, non si possono neppure paragonare a quelle di cui racconterò in questo libro. Ma anche quando tutto va bene o benissimo, la vita è così: faticosa, complicata, spiegazzata, sbiadita, scrostata, sgocciolante.




Leggi anche:
Che ne sai tu della sofferenza, con la tua vita quasi perfetta?

Ricordo di avere letto, un po’ di tempo fa, un’intervista a Enzo Biagi, che – dopo avere a sua volta intervistato per una vita persone famose, ricche, fantastiche, importanti – era giunto a questa conclusione: sulla faccia della terra non c’è nessuno che valga la pena di invidiare.

Non so perché, ma quella frasetta letta chissà quando e dove – so solo che ero sotto un ombrellone – mi è rimasta stampata in testa. A nessuno è risparmiata la fatica quotidiana, a tutti è chiesto di vivere ciò che Madeleine Delbrêl chiama “la passione delle pazienze”, quella che ci chiede di morire non in modo eroico e grandioso, come si conviene a noi che ci crediamo così giovannedarco, così cavaliericrociati e ci troviamo invece a dare la vita in maniera davvero poco maestosa, una fila all’Inps alla volta, una lavastoviglie dopo l’altra.

Eppure quello che rende nobile la missione è il cuore, non la sua materia o le misure o il valore che il mondo le dà. È il modo in cui stiamo dove veniamo messi.

Queste circostanze che avvertiamo come contrarie, queste realtà che sempre ci provocano ad alzarci quando vorremmo stare seduti, a sederci quando vorremmo scappare, a parlare quando vorremmo tacere, a non dire quello che ci sale dalla pancia, insomma, queste piccole occasioni di croce, possiamo viverle in due modi opposti: come contrarietà da schivare o come possibilità di avvicinarci a uno stato di donazione.

Poi c’è la terza via, di quelli che sono la maggioranza, che non stanno né di qua né di là, un po’ schivando le fatiche, un po’ scomodandosi, senza sapere precisamente perché, senza un grande progetto chiaro nella vita. Un gesto d’amore ha un valore enorme, che risuona nell’eternità.

Sembra niente, ma la decisione di non rompere le scatole al marito – o perché ha riposizionato male il tappetino della doccia, o perché ha manifestato insufficiente entusiasmo nel rispondere al telefono, o perché ha acquistato beni di consumo errati (l’ammorbidente non può in alcun modo sostituire il balsamo, ma non è necessario che lui lo sappia tutto d’un colpo, non è ancora pronto) –, insomma, il piccolo sacrificio del silenzio, è come un terremoto con l’epicentro molto profondo, dentro di noi, un sisma le cui onde arrivano però lontano provocando effetti non immediatamente percepibili, ma con conseguenze che si moltiplicano all’ennesima potenza.

(…)

Che poi misurare le croci nostre con quelle degli altri non ha davvero senso: non è che la vita sia come giocare alla roulette russa e se ti va male sono fatti tuoi.

Il caso non esiste: siamo figli amati, e la croce, anche se rimane un mistero, è pensata per noi. «E fu così» ho trovato scritto nel monastero della Beata Colomba a Perugia, in fondo alla chiesa,

che la saggezza infinita dall’inizio dei tempi pensò di donarti questa croce, come un dono prezioso la vide, con il suo sguardo sapiente la concepì, con il suo divino intelletto permeandola di celeste generosità la misurò, affinché le sue dimensioni non eccedessero di un solo millimetro, ne calcolò il peso fino all’ultimo grammo, la tua croce unta dalla sua grazia divina, impregnata dalla sua celeste consolazione, la tua croce scesa dal cielo come un saluto del padre, come un obolo del suo generoso amore.

Sapere che quello che ti succede, e ancora di più il tuo accogliere quanto avviene nella tua vita, è stato pensato per te dall’inizio dei tempi cambia tutto. Se invece il cuore è ingannato, la vita sembra contraddirti in continuazione, ed è una fatica immensa, un masso da far rotolare una mattina dopo l’altra, ricominciando sempre da capo, dal fondo della montagna.


SAD WOMAN,

Leggi anche:
La cosa contro la quale gridi è invece esattamente quella giusta per te

Ed è proprio così, per alcuni la vita è una vera tortura. Ma se intuisci di essere amato, allora ti è chiaro che tutto è stato pensato, tutto è provvidenza, che ogni fatica e ogni intoppo sono occasioni di incontro con l’amato, anche se a volte all’amica che te lo dice daresti volentieri un pugno (Marisa, se non lo faccio è solo perché il più delle volte siamo al telefono, e non perché voglio ammettere che tu abbia ragione: non lo farei mai, anche se purtroppo ce l’hai eccome).

Non sempre il pacchetto che ti prendi è come sembra all’inizio. Ormai vanto un certo campionario di storie ascoltate, e posso dirlo. Prendete per esempio Laura: quando si è sposata, avresti detto che senz’altro il suo matrimonio aveva un’offerta di base molto conveniente. Sembrava che non ci fosse nessuna clausola scritta in piccolo, nessuna fregatura. Il marito è uno di quegli uomini affascinanti, pure troppo per i miei gusti, di quelli che se decidono di piacerti ci riescono di sicuro…

Niente di ciò che soffri andrà perduto, Sonzogno 2020

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Sonzogno

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA COSTANZA MIRIANO

Tags:
costanza mirianolibrosofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni