Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconNews
line break icon

Siria: i Francescani si prendono cura dei cristiani che vivono sotto la legge islamica

SYRIA; FRANCISCAN;FATHER LUFTI

© Custody of the Holy Land / ACN

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 21/10/20

Circa 300 famiglie cristiane nella Siria occidentale affrontano persecuzione, violenza e pericoli, perfino la morte, mentre i loro villaggi continuano ad essere controllati da gruppi jihadisti

I villaggi di Knayeh e Yacobieh, nella provincia di Idlib, vicino al confine turco nella Siria occidentale, sono ancora sotto il controllo dei gruppi jihadisti. Qui l’islamismo è ancora forte, vige la sharia – la legge islamica –, le donne sono costrette a portare il velo, le proprietà cristiane sono state confiscate e i simboli cristiani come le croci abbattuti.

Tra gli abitanti locali rimasti nonostante la difficilissima situazione ci sono circa 300 famiglie cristiane di varie denominazioni e gruppi etnici. Due frati francescani, Luai Bsharat, di 40 anni, e Hanna Jallouf, di 67, sono restati per aiutarli.

I cristiani che restano in queste zone affrontano persecuzione, violenza e pericoli, perfino la morte. “Malgrado le difficoltà, padre Luai e padre Hanna sono rimasti perché credono che questa regione non dovrebbe essere abbandonata. È vicina ad Antiochia, dove San Paolo ha iniziato i suoi viaggi, diffondendo la Parola di Dio”, spiega padre Firas Lutfi OFM, Custode della Provincia di San Paolo per i Francescani di Siria, Libano e Giordania. Il sacerdote ha parlato con l’associazione caritativa internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS).

“Le loro sofferenze sono iniziate dieci anni fa. Quando i gruppi militanti hanno preso il controllo della regione e hanno proclamato lo Stato Islamico hanno confiscato le proprietà cristiane, imposto la legge islamica a tutti i non musulmani e soppresso il loro diritto di muoversi liberamente nei propri villaggi”.

Padre Firas ha affermato che “quegli estremisti hanno spesso perseguitato, attaccato, picchiato, torturato e perfino ucciso alcuni dei nostri fratelli e delle nostre sorelle”. Padre François Murad è stato “decapitato nel 2013”, e più di recente c’è stato il caso di “un’insegnante stuprata e poi assassinata a Yacoubieh”.


Father Edoardo Tamer

Leggi anche:
Francescano rimasto nella Siria devastata dalla guerra muore di coronavirus

Nel suo messaggio recente, padre Firas sottolinea che i frati sono lì per aiutare chiunque abbia bisogno di sostegno e di guida, indipendentemente da religione, razza, nazionalità o opinioni politiche. “In molte occasioni”, spiega, “i monasteri di Knayeh e Yacoubieh hanno accolto dozzine di famiglie musulmane che cercavano rifugio nelle chiese” quando la regione è diventata un campo di battaglia.

“La presenza dei Francescani è un segno di speranza in mezzo a oscurità e disperazione”, ha affermato padre Firas. Queste famiglie dipendono molto da qualsiasi sostegno esterno possano ottenere, soprattutto a livello finanziario, visto che non possono più immagazzinare i loro raccolti, che sono stati confiscati, o vendere quello che producono, il che li rende costantemente bisognosi di aiuti umanitari esterni.

Attualmente ACS sostiene più di 50 progetti per assistere i cristiani in Siria. Oltre ai progetti di aiuto d’emergenza per le famiglie vulnerabili ad Aleppo e Damasco, l’associazione promuove anche vari progetti attraverso padre Firas.

Questo articolo è stato pubblicato da Aiuto alla Chiesa che Soffre ed è ripubblicato qui per gentile concessione. Per ulteriori informazioni su ACS e su come aiutare la sua missione di aiuto ai cristiani perseguitati visitate il sito https://acs-italia.org/.

Tags:
famiglie cristianefrancescanisiria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni