Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconChiesa
line break icon

Intervista a padre Maccalli: "Ecco le mie giornate da prigioniero"

FR PIERLUIGI MACCALLI

Aiuto alla Chiesa che Soffre | Facebook | Fair Use

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 20/10/20

Il missionario italiano padre Luigi Maccalli, rapito in Niger due anni fa e liberato l’8 ottobre, parla all'agenzia Fides: mi sono sfogato con Dio, chiedendogli dove era. Eppure sapevo che lui c’era

«Questi due anni sono stati scuola di presente. Desideravo che finisse presto, ad ogni tramonto dicevo “speriamo domani”. Poi al sorgere del sole riprendevo il mio rosario e continuavo a ritmare la mia giornata con i soliti gesti quotidiani, giorno dopo giorno. Il futuro appartiene a Dio, ora mi gusto il ritorno a casa, questo è il mio presente». Lo dice all’Agenzia Fides (15 ottobre) il missionario italiano padre Pierluigi Maccalli nella prima intervista rilasciata dopo l’esperienza del sequestro

Padre Maccalli, 59 anni, missionario della Società delle Missioni Africane (SMA), originario di Madignano, in provincia di Crema (Italia), era stato rapito in Niger al confine con il Burkina Faso, nella notte tra il 17 e il 18 settembre del 2018, da miliziani jihadisti, è stato rilasciato l’8 ottobre scorso ed è giunto in Italia. Attualmente si trova nel suo paese natio.

Aiuto alla Chiesa che Soffre

Lo “slogan” di padre Maccalli

Nell’intervista, padre Maccalli spiega lo “slogan” che ha fatto proprio durante la prigionia: “Resistere per esistere”. «E’ la parola che mi ha accompagnato e spronato ad andare avanti giorno dopo giorno – sottolinea padre Maccalli a Fides – Mi hanno portato via in pigiama e ciabatte; non avevo nulla ed ero visto come un nulla da questi zeloti mussulmani jihadisti che mi consideravano un “kafir” impuro e condannato all’inferno».

Le uniche “armi” che aveva: preghiera e rosario

L’unico mio sostegno, prosegue il missionario rapito in Niger nell’intervista all’agenzia Fides, «è stata la preghiera semplice del mattino e della sera, che ho imparato in famiglia dalla mamma, e il rosario della nonna come preghiera contemplativa. Il deserto è stato tempo di grande silenzio, di purificazione, di ritorno alle origini e all’essenziale. Un’opportunità per rivedere il film della mia vita che ormai entra nella terza età. Tante le domande che mi son posto e ho gridato come sfogo e lamento verso Dio: dove sei? perché mi hai abbandonato? Fino a quando Signore? Sapevo e so che Lui c’è! Ma so che Dio lo si vede di spalle, ora che sono libero, tornato a casa, sto cominciando a capire».

BOKO HARAM
Think Defence-(CC BY-NC 2.0)

Gruppi di terroristi islamici in Niger, legati a Boko Haram.

“Questo è il mio corpo offerto”

Ogni giorno, e in specie ogni domenica, padre Maccalli ripeteva «le parole consacratorie “questo è il mio corpo offerto”, pane spezzato per il mondo e l’Africa. Nella preghiera mattutina pregavo un inno francese “un jour nouveau commence, un jour reçu de toi … nous le remettons davance entre tes mains tel qu’il sera… e terminavo aggiungendo: non ho altra offerta che l’offerta della mia vita”. Ho chiesto una Bibbia, ma non me l’hanno concessa».




Leggi anche:
E’ giusto pagare rapitori e terroristi per liberare un sacerdote?

La messa di Pentecoste

E allora il missionario italiano rimediava così: «Ogni domenica mi davo un brano evangelico da meditare, specie in occasione dei tempi forti di Avvento-Natale e Quaresima-Pasqua – evidenzia padre Maccalli sempre a Fides – ma dal 20 maggio, giorno in cui ci hanno portato una radiolina a onde corte che avevo più volte sollecitato per ascoltare almeno le notizie dal mondo (Radio France International e BBC), ho potuto ascoltare ogni sabato il commento al Vangelo della domenica da Radio Vaticana. Una volta anche la messa in diretta… era proprio la messa di Pentecoste 2020».

FR PIERLUIGI MACCALLI
Aiuto alla Chiesa che Soffre | Facebook | Fair Use

Il missionario non nutre rancore: “Non sanno quello che fanno”

Padre Maccalli, infine, non nutre alcun risentimento verso rapitori e carcerieri.

«Mi hanno sempre rispettato in generale. La mia lunga barba bianca doveva far presa sui giovanetti imberbi che mi custodivano, mi chiamavano in arabo o tamaceq “shebani” (vecchio). Provo tuttora molta tristezza verso questi giovani indottrinati da video di propaganda che ascoltavano tutto il giorno. Non sanno quello che fanno! Non porto rancore verso i miei rapitori e carcerieri, ho pregato per loro e continuo a farlo».


Pier LUIGI MACCALLI

Leggi anche:
Padre Maccalli è stato liberato. Era stato sequestrato in Niger nel 2018

Tags:
missionariorapimento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni