Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconSpiritualità
line break icon

L’istante che ha portato Matt Talbot dall’alcolismo alla santità

www.mateusztalbot.pl

Aliénor Goudet - pubblicato il 19/10/20

Nel cuore dell’Irlanda affamata del 1884 viveva Matthieu Talbot (1856-1925), figlio di uno scaricatore di porto, alcolista dall’età di 13 anni. Una sera di luglio, prese la decisione radicale di fare voto di sobrietà. Immaginiamoci l’istante fulminante della presa di coscienza e della conversione di quest’uomo, che ha toccato le vite di tante persone.

Dublino, luglio 1884. È già tardi. Mentre il sole lentamente scompare dietro l’orizzonte e un venticello fresco invade le strade del quartiere di North Strand, Matt fa avanti e indietro davanti al pub O’Meara, aspettando impazientemente l’arrivo dei clienti. È percorso da brividi e si sfrega le mani tremolanti. È quasi una settimana che Tom, l’oste, gli ha detto che non lo avrebbe più servito fino a quando non si fosse messo in pari coi debiti. Durante questa cura, imposta dal portafogli vuoto, non ha chiuso occhio, in un crescendo di emicranie. Non riesce a smetterla di tremare.




Leggi anche:
Droga ed esperienze di recupero. La sola dipendenza sana è quella da Dio

Quel giorno però era sabato, giorno di paga per gli impiegati del quartiere. Gli amici non lo avrebbero lasciato col bicchiere vuoto, proprio lui che non aveva mai mancato di essere generoso con loro quando erano al verde. Trasaliva all’idea di un buon bicchiere di whiskey: niente di meglio per fermare quei maledetti brividi. Passavano i minuti – un’eternità per Matt – e finalmente cominciarono ad arrivare i clienti. Un sospiro di sollievo gli sfuggì quando vide Pat Doyle in testa al loro gruppo di amici.

– Ehi, Matt! – esclamò quello – Non ti si è visto in settimana, compare!

– Non me ne parlare, vecchio mio. Tom rifiuta di servirmi finché non gli avrò saldato il debito, e non ho più un soldo. Offrimi qualche bicchiere e ti prometto che ti rimborserò sabato prossimo.


ADDICT

Leggi anche:
Come aiutare il partner a uscire da una dipendenza?

Il sorriso di Pat scomparve quasi subito per far posto a un’espressione accigliata:

Ecco, vedi, il fatto è che non penso di averne per tutti e due. Mi spiace, vecchio mio. Però rimandiamo a sabato prossimo, d’accordo?

Senza neanche aspettare una risposta, Pat mise una mano sulla spalla di Matt ed entrò rapidamente nel pub, seguito dagli altri, che lo salutarono rapidamente avendo cura di non incrociare il suo sguardo.


handcuffs.jpg

Leggi anche:
Come liberarsi da una dipendenza e perché ci cadiamo

Matt restò basito, incapace di comprendere quel che era appena successo. Poi, malgrado il freddo, il suo sangue si mise a ribollire per quel sentimento misto di collera e d’ingiustizia che s’impadroniva di lui. Che banda di egoisti! Si sarebbe svenato per loro, e quegli ingrati neanche fanno una colletta per offrirgli un bicchierino. Questa è l’amicizia? Indispettito, si mise le mani in tasca e si diresse verso casa.

Poco a poco, al ritmo dei suoi passi furibondi, la collera si dissipò e fece posto a un abisso di tristezza e di incomprensione. Da dove veniva quell’amarezza? Non era tanto la bevuta saltata, ma piuttosto l’attitudine non caritatevole dei suoi amici a roderlo dentro. La strada era deserta, nessuno poteva vederlo, ma a Matt il sangue dava alla testa, e dunque egli si copriva il viso con le mani tremanti.


ENZO BOSCHETTI

Leggi anche:
Un santo moderno per chi soffre di dipendenze

Ah, che ipocrita! E chi era lui per giudicare gli altri? La natura umana è così versatile, quando dipende dal bere. Senza potersi trattenere, pianse calde lacrime mentre l’angoscia gli serrava il cuore. Davanti ai suoi occhi scorrevano gli ultimi sedici anni di vita, vissuti facendo la spola dal salario al bicchiere e dal bicchiere al salario, in un ciclo infernale che lo teneva prigioniero. Non osava più muoversi, per paura che al minimo movimento il ciclo lo riprendesse di nuovo. Funesti pensieri si affacciavano al suo spirito… come avrebbe potuto mettere fine a quel circolo vizioso?

All’improvviso gli arrivò il suono di una campana, e Matt si alzò dritto, come se fosse stato folgorato. La chiesa di San Francesco Saverio era proprio lì, a un centinaio di metri da lui. La soluzione gli era arrivata in faccia come una sberla più che meritata.

Non sei tu quello che libera da ogni male? – mormorò


PHONE

Leggi anche:
Dipendenza da smartphone? La gratitudine permette di ridurla, parola di psicologa

Un istante dopo, Matt si lanciava correndo verso casa. In men che non si dica s’infila una camicia pulita e si sbarba. Il suo cuore batte all’impazzata, mentre le sue mani hanno cessato di tremare, come per miracolo. La madre, stupita di vedere quella spugna di figlio rientrare così presto, lo interpella:

– Ma dove te ne vai, così ben conciato?

– Vado all’Holy Cross College – rispose il figlio senza esitazione – a fare voto di temperanza!

– Va’, col nome di Dio! – gli disse di rimando la madre – Ma non farlo se non sei sicuro di mantenere il tuo impegno.

– Ah, mamma, ci vado proprio a cercare qualcuno che mi salvi!

Matthieu Talbot non avrebbe più toccato dell’alcool in vita sua, e scelse una vita di penitenza e di carità assoluta verso gli altri, fino alla sua morte (7 giugno 1925). Fu dichiarato venerabile da Paolo VI il 3 ottobre 1975. Numerose cliniche per disintossicazione portano il suo nome, e come il venerabile Alfred Pampalon anche lui dà un aiuto prezioso a quelli che chiedono di essere liberati dalla dipendenza da alcool o da altre dipendenze.




Leggi anche:
Cosa scatena la dipendenza sessuale e come si cura?

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
alcolismoalcooldipendenzadipendenze

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni