Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

In cima alla gru per salutare l'amica malata di cancro e isolata in ospedale (VIDEO)

WOMAN WITH CANCER,

Photographee.eu | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 19/10/20

Un gruppo di 12 donne argentine ha noleggiato una gru per aggirare la difficoltà di fare visita all’amica Gabriela: il dramma planetario dell’isolamento dei pazienti ospedalizzati

Uno degli aspetti più dolorosi connessi a questa pandemia riguarda la condizione di isolamento dei soggetti ricoverati in ospedale, sia per il Covid-19 che per tutte le altre patologie, che a causa delle restrizioni imposte dalla necessità di impedire a tutti i costi la diffusione del virus non possono ricevere le visite dei loro cari. A loro volta questi ultimi riescono ad entrare in contatto con il familiare – e ciò non è sempre realizzabile – solo da remoto con strumenti tecnologici. Ma, come sappiamo, la fantasia non ha limiti quando si vuole raggiungere tenacemente un obiettivo.

12 donne e una gru: cosa non si fa per un’amica

Lo dimostra quanto avvenuto a La Plata in Argentina, dove un gruppo di amiche di Gabriela, una donna di 52 anni degente da alcuni mesi perché malata di cancro, ha trovato una soluzione originale per aggirare i limiti imposti dalla direzione sanitaria dell’ospedale. Detto fatto, hanno deciso di affittare una gru e, in un video emozionante postato sui social, si vedono una dozzina di loro sollevate dal mezzo meccanico fino alla finestra della camera del Fleming Hospital di La Plata dove è ricoverata la loro amica. A questo punto hanno tirato fuori cartelli e palloncini colorati per richiamare l’attenzione di Gabriela, gridando per la gioia e la commozione.

“Ci manca molto”

L’idea è nata dalla necessità di farle visita, l’isolamento si stava allungando. Condividiamo e passiamo molto tempo insieme, apparteniamo a un gruppo di corsa e ci manca molto – ha confidato una delle amiche ai media locali – L’idea era di fare qualcosa di bello, che potesse trascendere e fare la differenza. (dagospia.com)




Leggi anche:
Il compagno di classe ha il tumore, la sorpresa degli amici: tutti rasati a zero come lui!

L’inferno è dove gli altri non ci sono

Si può immaginare cosa ha provato la ignara paziente vedendo a quale punto è arrivato l’affetto di chi le vuole bene, e questo contribuirà certamente a farle affrontare meglio la dura battaglia che sta combattendo. Questa pandemia ci sta facendo toccare con mano a tutti, ricoverati e non, che non è vero che “l’inferno sono gli altri”, come sosteneva Jean Paul Sartre, ma che l’inferno è lì dove e quando gli altri non ci sono.

Ma come mai abbiamo così tanto bisogno degli altri?

Ma come mai abbiamo così tanto bisogno degli altri? A questa domanda prova a rispondere in una prospettiva scientifica la professoressa Grazia Attili, Ordinario di Psicologia Sociale , attualmente Professore Emerito e Direttore dell’Unità di Ricerca “Sistemi Sociali, Strutture Mentali e Attaccamento” presso il Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche dell’Università di Roma “La Sapienza”. Secondo questa studiosa il bisogno degli altri affonda le radici nella nostra evoluzione biologica durata milioni di anni. Essa ha organizzato il cervello e la mente sulla base del fatto che ai primordi della specie, nell’habitat pieno di pericoli in cui vivevano i primati umani, la sopravvivenza era assicurata unicamente dalla possibilità di mantenere il contatto e la vicinanza con i propri simili. In loro assenza si era esposti al rischio di essere attaccati dai predatori, ed essere soli rendeva estremamente proibitivo affrontare le avversità naturali.

PANDEMIA
Jakob Braun/Unsplash | CC0

Un forte senso di benessere

Di conseguenza la selezione naturale ha fatto sì che la nostra programmazione genetica preveda che noi siamo inclini a cercare fortemente gli altri e che la socialità produca, in automatico, un forte senso di benessere (…) La presenza di parenti, amici, conoscenti, estranei, il solo fatto che essi ci siano, porta ad un innalzamento degli oppioidi endogeni. Questi sona analoghi alle droghe della famiglia degli oppiacei (l’oppio, la morfina, l’eroina) e provocano piacere. Gli “altri” sono gli stimoli che producono queste droghe all’interno dell’organismo. L’essere con gli altri si pone, pertanto, come una vera e propria ricompensa sociale e provoca quelle reazioni cerebrali e fisiologiche che inducono le sensazioni delle quali si ha bisogno per stare bene. (apertamenteweb.com)

Quando abbiamo paura è ancora più forte il bisogno degli altri

Questo bisogno di contatto sociale si acuisce fortemente quando abbiamo paura. Essere ricoverati per una malattia importante – specialmente se mette in pericolo la vita – ci rende “affamati” della vicinanza degli altri “significativi”, di coloro a cui siamo legati da vincoli di affetto. Reciprocamente essi percepiscono lo stesso intenso bisogno di prossimità al loro caro sofferente. Per questo l’isolamento imposto dalla pandemia amplifica a dismisura il dolore che la malattia comporta di per sé per l’infermo e per chi gli vuole bene, con effetti potenzialmente sfavorevoli sull’evoluzione della patologia contro cui il ricoverato sta combattendo.

Sentirsi amati? il farmaco necessario per guarire!

Ciò rende ragione dell’importanza di perseguire tutte le strategie che gli strumenti tecnologici tradizionali e recenti sono in grado di offrire per permettere – anche in tempo di pandemia – il maggior contatto possibile tra il ricoverato e l’esterno, nella considerazione che sentirsi amati rappresenta il farmaco irrinunciabile in ogni armamentario terapeutico.


patient

Leggi anche:
Israele, volontari guariti da Covid-19 visitano i pazienti soli

Tags:
amiciziacovidisolamento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni