Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
For Her

Cosa sono e come si fanno tampone e test sierologici?

SWAB,

Irina Liubimova | Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 13/10/20

Si tratta dei test più importanti per individuare l’infezione da nuovo Coronavirus: ecco cosa c'è da sapere

Per garantire un rientro a scuola nel rispetto delle norme di sicurezza anti-contagio e per tutelare la salute dei bambini, i genitori dovranno, tra le altre cose, prestare particolare attenzione al manifestarsi di sintomi di sospetto COVID-19 nei loro figli.

Per confermare la diagnosi, il bambino dovrà quindi essere sottoposto al tampone naso-faringeo.

Il tampone serve per diagnosticare la presenza del virus nell’organismo e quindi a scoprire se c’è un’infezione in corso.

Un altro utile strumento di diagnosi è il test sierologico che, invece, serve a capire se una persona è già entrata in contatto con il nuovo Coronavirus.

KORONAWIRUS
Cryptographer | Shutterstock

Cos’è e come si fa il tampone

Il tampone è un esame semplice, che si esegue in pochi secondi. Si utilizza un bastoncino con una sorta di cotton fioc alla sua estremità.

Il bastoncino viene quindi inserito nella bocca o nel naso (ecco perché viene chiamato “tampone naso-faringeo”) e viene strofinato leggermente sulla mucosa del:

• faringe posteriore, in lando il bastoncino in bocca fino ad arrivare nei pressi delle tonsille per il tampone faringeo;

• naso, infilando il bastoncino in una narice e procedendo fino a raggiungere la parete posteriore del rinofaringe (parte superiore del faringe).

Il tampone viene poi mandato ad un laboratorio specializzato, che confermerà la presenza del virus per mezzo di test molecolari. Il tampone può risultare positivo oppure negativo.


MASK

Leggi anche:
Quali sono i primi sintomi del Covid-19?

In caso di positività del tampone, si è infetti e quindi contagiosi: il bambino o il ragazzo dovrà rimanere a casa e andrà comunicata alla scuola l’assenza per motivi di salute. In caso di negatività del tampone, significa che non vi è traccia del virus nell’organismo. Il tampone viene eseguito da personale sanitario protetto da mascherina, guanti, occhiali e camice monouso. Questo perché il tampone viene fatto, nella maggior parte dei casi, a bambini o adulti che hanno sintomi. Quindi gli studenti, ma anche gli insegnati e tutto il personale scolastico, in caso di sintomi sospetti, dovranno sottoporsi al tampone.

Cos’è e come si fa un test sierologico

Il test sierologico si chiama così poiché è un test che si esegue analizzando il siero, la parte liquida del sangue, alla ricerca di anticorpi contro il nuovo Coronavirus. Il sangue viene raccolto con un normale prelievo.

Come il tampone, il test può risultare positivo oppure negativo.

Quando positivo, il test sierologico dimostra la presenza nel siero di alcuni anticorpi:

• Se gli anticorpi IgM sono positivi, l’infezione è recente;

Se gli anticorpi IgM sono negativi e gli anticorpi IgG sono positivi, l’infezione c’è stata ma è passata.

Quando negativo, il test sierologico può significare che:

• Non si è mai stati infettati dal virus;

• L’infezione è così recente (meno di 8-10 giorni) che non si sono ancora sviluppati gli anticorpi contro il virus;

• Gli anticorpi sviluppati sono, al momento dell’esecuzione del test, così pochi che il test non è in grado di rivelarli.

COVID
Shutterstock | joel bubble ben




Leggi anche:
9 consigli per il rientro a scuola di bambini, genitori e insegnanti

È importante sottolineare che i test sierologici non sostituiscono il test fatto sul tampone. Solamente il risultato del tampone dimostra la presenza o meno del virus, dimostrando così che l’infezione è in corso oppure no. Quindi, in caso di positività ai test sierologici bisogna sempre effettuare anche il tampone.

QUI IL LINK AL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bambinicoronavirussalute
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni