Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 18 Maggio |
San Leonardo Murialdo
home iconStorie
line break icon

Carine Salomé porta Dio nei campi dei rifugiati

CARINE SALOME

Timothée Dhellemmes

Domitille Farret d'Astiès - Timothée Dhellemmes - pubblicato il 10/10/20

Laica consacrata al servizio della diocesi di Avignone, Carine Salomé ha una missione particolarissima: portare Dio nei campi dei rifugiati dai paesi del Sud.

Djuba, Khartum, Erbil, oggi Samo… Carine Salomé, 44 anni, oggi in missione sull’isola greca, ha visitato un certo numero di città sensibili – che sia in Sudan, in Iraq o in Grecia. Laica consacrata nella comunità dell’Agnello – che conta religiosi e religiose, ma pure dei laici – viene inviata ogni anno dalla diocesi di Avignone, in collaborazione con l’ONG Fidesco, nei campi profughi dei paesi del Sud, per un periodo che va dai tre agli otto mesi l’anno. Ogni volta va ad incontrare il vescovo locale e si rende disponibile per il servizio. La sua missione? Praticare l’adorazione eucaristica nel cuore dei campi e proporre un sostegno spirituale, in particolare presso i bambini.


WARAO

Leggi anche:
Badessa tedesca: ho accolto dei rifugiati, non pago la multa

Proveniente da una famiglia anticlericale, non conosceva niente di Dio ed ha vissuto un lungo cammino di conversione prima di ricevere – all’età di 25 anni – il battesimo. Aveva già esercitato attività professionale nel campo umanitario, prima, ma si è resa conto che la dimensione spirituale era troppo assente nelle ONG. «Il corpo ha bisogno di molte cose, ma quando uno ha perso tutto ha pure bisogno di ricostruirsi interiormente», insiste da dentro la sua felpa con croce di legno ben evidente al collo. I rifugiati «attendono di essere visitati», aggiunge. «Siamo stanchi di ricevere cose – sente attorno a sé –: quello di cui abbiamo bisogno è un po’ di speranza». E proprio in quei posti, che sono talvolta dei “deserti spirituali” circondati da recinti spinati e posti di guardia, Carine Salomé porta dell’altro. Presenza gratuita e amichevole, visita le famiglie, fa l’oratorio coi bambini, allestisce le adorazioni nel cuore dei campi. A Khartum ha portato il Santissimo Sacramento nelle unità penitenziarie dei condannati a morte.

Pur essendo testimone di sofferenze estreme, la sua missione la sospinge nella speranza. «La vita è possibile», dice con stupore, e ammette di aver imparato molto della preghiera dai bambini dei campi. Ha vissuto molti incontri che l’hanno segnata, a cominciare da quello con una donna vittima dell’Isis che un giorno le ha buttato lì, radiosa:

A forza di contemplare il volto di Cristo nel Santissimo Sacramento, riesco alla fine a ringraziare l’Isis. Cominciavamo a costruire un terzo piano a casa, avevamo delle macchine e volevamo comprarne un’altra… stavamo in qualche modo costruendoci la nostra torre di Babele. In due ore, mi hanno preso tutto. Oggi so che mi hanno permesso di tornare nel profondo del mio cuore.

E la missionaria afferma senza esitazioni:

Quando si dà la forza di Gesù vivo, vincitore di tutto, la gente ritorna a camminare sulla propria strada; quale che sia l’estrema sofferenza in cui si versa, Cristo la trasforma in vita che zampilla e in fecondità. Sono testimone di tutte le meraviglie che il Signore compie nel cuore della gente.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
adorazione eucaristicaOngrifugiativolontariato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Pildorasdefe.net
Tentazioni tipiche del diavolo per distruggere i matrimoni
4
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
5
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
6
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni