Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Cultura

L'amore di una madre può diventare tossico? Un corto animato che colpisce

THE CORD SHORT MOVIE

You Tube/Marcus Film

Catholic Link - pubblicato il 09/10/20

di Silvia Ordóñez

The Cord prodotto da “Marcus Film” è uno dei cortometraggi creati per farci riflettere a lungo. Nel mio caso, da quando l’ho visto non sono riuscita a togliermi alcune immagini e certi pensieri dalla mente, e per questo ho deciso di scriverne.

Il regista ucraino Aleksandr Bubnov ha vinto vari premi con questo corto di sei minuti pieni di contenuto. La storia tratta di un amore materno che inizia con buone intenzioni di protezione e cura, ma finisce per diventare un amore tossico che rovina la vita di entrambi.

Come siamo stati allevati e che impatto ha

Essere consapevoli di come i nostri rapporti familiari e le loro interazioni ci segnano può aiutarci a capire molti dei nostri comportamenti nella vita adulta.

Secondo l’Associazione Americana di Psicologia, esistono 4 stili per allevare i figli, che influiscono ampiamente sulla personalità. Se vediamo le caratteristiche del modo di allevare i figli della madre di questo cortometraggio, il suo stile assomiglia più a quello autoritario, in cui i genitori sono inflessibili, esigenti, e usano il castigo per controllare, il che porta a figli timorosi, infelici, irritabili e frustrati.

Proteggere i figli, dare loro affetto e sicurezza è senz’altro necessario e perfino istintivo, ma quando questa protezione è esagerata e si basa sulle proprie paure è dannosa e addirittura anticristiana, perché stiamo privando la persona della libertà con cui Dio l’ha creata.

L’importanza di rispettare ed educare nella libertà

È vero che la mamma del video ha una storia personale difficile, con le proprie fragilità e i propri conflitti, ma chi non li ha?

Questa donna è imperfetta, come tutti i padri e tutte le madri, ma se quando si crescono i figli l’amore non è accompagnato da uno sforzo per lasciare che i figli siano liberi di prendere le proprie decisioni e di imparare dalle proprie cadute, i risultati saranno disastrosi per tutta la famiglia.

E perché? Perché questa relazione di dipendenza che generano con i loro figli finisce per influire su di loro come genitori e li priva delle proprie aspirazioni, che sono ugualmente importanti.

Spesso noi adulti rimaniamo confinati allo spazio insignificante che possiamo controllare, e cerchiamo di mettere la famiglia nello stesso “sacco” per la nostra apparente tranquillità.

Alla lunga, questi atteggiamenti sono una pentola a pressione che prima o poi esploderà, perché siamo stati tutti creati per la libertà.

Il nostro rapporto con Dio

Una cosa a cui mi ha fatto pensare questo corto è il fatto che spesso adattiamo questi comportamenti tossici al nostro rapporto con Dio.

Lo facciamo sicuramente senza cattive intenzioni, perché ci costa separare la realtà dalle nostre relazioni umane dal nostro rapporto col Signore, o ci è difficile capire in cosa consista la libertà che Egli ci dà, e soprattutto comprendere la pedagogia divina basata puramente sull’amore e sulla misericordia.

È inevitabile collegare questo corto alla storia del figliol prodigo, un figlio che decide di andare via e ha comportamenti sbagliati che lo danneggiano molto. Alla fine, però, decide di tornare a casa, e suo padre lo accoglie a braccia aperte, facendo una festa per lui.

Perché ci costa capire che Dio è così con noi? La maggior parte delle volte reagiamo come il figlio maggiore, giudichiamo chi sbaglia, siamo egoisti con gli altri e ci lamentiamo con il padre perché non riconosce le nostre buone azioni.

Come Dio ci rende liberi e responsabili delle nostre azioni, cooperando con la Sua grazia nella nostra vita ma senza imporsi, così i genitori che educano i loro figli nell’amore, nella libertà e nella responsabilità donano loro una vita più sana, tranquilla e felice, ma contribuiscono anche ampiamente alla costruzione di una società migliore.

“La famiglia è la base della società e il luogo in cui le persone imparano per la prima volta i valori che le guidano per tutta la vita” – San Giovanni Paolo II.

Qui l’articolo originale pubblicato su Catholic Link.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cortometraggiogenitori e figlimadre
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni