Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
For Her

Licenziata al 6° mese di gravidanza, non si rassegna e si reinventa un lavoro

ILARIA IL BAULE DEI LIBRI INCANTATI,

Ilaria, Independent Usborne Organiser - Il baule dei libri incantati | Facebook

Silvia Lucchetti - pubblicato il 07/10/20

Una giovane laureata barese trapiantata in Friuli, mandata a casa a gravidanza inoltrata, riconverte le sue aspirazioni professionali promuovendo libri itineranti per l’infanzia. "È la rivincita per me, per tutte le donne, mamme, Arabe Fenici dalla forza unica. Risorgiamo sempre anche dalle ceneri più nere".

L’edizione del 4 ottobre della Gazzetta del Mezzogiorno riporta la spiacevole vicenda di una giovane barese trapiantata in Friuli Venezia Giulia, costretta a confrontarsi – una volta andata in gravidanza – con l’atteggiamento ostile della ditta in cui era impiegata. Ilaria, laureata in lingue e letteratura straniere, conosce a Matera, dove lavorava per un’azienda produttrice di divani, il suo compagno, militare dell’Esercito, che da 17 anni vive in Friuli, e nel 2012 decide di seguirlo stabilendosi a Fagagna (UD).

“Sono incinta”, “troveremo una soluzione”

Qui cerca lavoro nel campo del commerciale estero in cui ha già fatto delle soddisfacenti esperienze, e nel gennaio del 2017 viene assunta a tempo indeterminato da una azienda con 10 dipendenti che inizialmente produceva macchinari in metallo per poi riconvertirsi nel settore del design dell’ottica.

Sono stata assunta in prova come impiegata per il commercio estero, – racconta – ma di fatto ero export manager. Le mie esperienze lavorative precedenti avevano conquistato il mio datore di lavoro e a me piaceva molto quello che facevo, i contatti con i distributori di tutto il mondo: Singapore, Taiwan, Turchia, Asia. Quando sono rimasta incinta l’ho subito riferito – continua – e mi hanno detto che avrebbero trovato una soluzione. (Ibidem)

Licenziata al sesto mese di gravidanza

Invece, al sesto mese di gravidanza e mentre stava per organizzare una fiera internazionale, viene convocata per ricevere il “ben servito” con queste parole:

Mi dispiace ma siamo costretti a licenziarti perché ci rendiamo conto che non ti sarà possibile dedicarti al lavoro quando nascerà la bambina. Senza alcun aiuto, nemmeno i nonni, lontani chilometri da qui. (lagazzettadelmezzogiorno)
PREGNANCY
Rostislav_Sedlacek | Shutterstock

Tanti pregiudizi, come se la maternità fosse una malattia

La famiglia di Ilaria vive a Capurso (BA), e suo fratello avvocato le propone di iniziare un contenzioso giudiziario in quanto il suo licenziamento è un atto illegittimo, ma lei preferisce di no:

Purtroppo qui ho visto ancora molti pregiudizi per chi arriva dal sud – commenta amaramente – e non solo verso le lavoratrici mamme, quasi che la maternità fosse una malattia. (Ibidem)


FACTORY WOMAN

Leggi anche:
Se torni al lavoro, ti faranno morire. Minacce ad una donna che “osa” fare il secondo figlio

La rivincita di Ilaria

A novembre 2017 nasce una bellissima bambina, e per alcuni mesi Ilaria torna in Puglia mentre il compagno parte per una missione semestrale in Afghanistan. Ma non si perde d’animo rispetto al suo futuro lavorativo: navigando su Facebook risponde ad un annuncio di una casa editrice inglese, la Usborne, specializzata in libri per l’infanzia, e così entra a far parte della loro comunità di organizzatori indipendenti.

Ufficialmente ho cominciato il 30 gennaio e ho sfruttato in positivo anche lo stesso periodo di lockdown. Con il mio “Baule dei libri Incantati” consiglio libri in inglese ed attività creative per bambini con i libri Usborne. Organizzo book party, libromerende, come il “book picnic in the park” al parco del Cormor di Udine, e storytelling. Partecipo ai mercatini con la mia libreria itinerante. È la rivincita – prosegue – per me, per tutte le donne, mamme, Arabe Fenici dalla forza unica. Risorgiamo sempre anche dalle ceneri più nere. (lagazzettadelmezzogiorno)

Forza straordinaria che deriva dal “privilegio” di generare la vita e difenderla ad ogni costo, contro tutto e tutti.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gravidanzalavoro
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni