Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Storie

In Libano “una testimonianza vivente di Cristo sulla Terra”

AID TO THE CHURCH IN NEED; LEBANON

Aid to the Church in Need

Maria Lozano - pubblicato il 07/10/20

Aiuto alla Chiesa che Soffre sta aiutando più di 5.800 famiglie. Le Figlie della Carità hanno cominciato a distribuire gli aiuti a 350 di loro

Molte persone si affollano intorno al piccolo ingresso del Mother and Child Protection Center di Karm Al Zeitoun, un sobborgo di Beirut, la capitale libanese. È uno dei sei centri da cui i pacchi di aiuti d’emergenza dell’associazione caritativa internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre(ACS) vengono distribuiti alle famiglie più seriamente interessate dalle esplosioni del 4 agosto.

L’organizzazione sta aiutando più di 5.800 famiglie. Presso il centro, le Figlie della Carità hanno cominciato a distribuire gli aiuti a 350 famiglie. Le due scatole di aiuti offrono cibo sufficiente a cinque persone per un mese.

Una delle persone giunte al dispensario è Mona, una donna di 52 anni che vive con la madre Juliette, che ne ha 91 e ha assistito ad almeno cinque guerre – o erano sei? Non lo ricorda più con precisione.

“Dalle esplosioni del 4 agosto è traumatizzata, salta per ogni rumore”, ha detto Mona ad ACS.

In un Paese in cui non c’è pensione né sicurezza sociale, sono sempre stati i figli a sostenere i genitori o i membri più deboli della famiglia. Ora, però, con la crisi economica, il Covid-19 e le esplosioni, è diventato semplicemente impossibile.


OUR LADY OF LEBANON

Leggi anche:
Preghiera a Nostra Signora del Libano per le vittime delle esplosioni

Mona non lavora da cinque anni. Prima della crisi, uno dei suoi fratelli la aiutava con l’equivalente di circa 170 euro al mese, ma con l’inflazione ora si sono ridotti a 30, e il fratello “ha già abbastanza problemi per prendersi cura della sua famiglia”.

“Nel 1990 un missile ha colpito casa mia, uccidendo mia sorella. Sono entrata in depressione, ma la fede mi ha aiutata. Senza fede non potremmo andare avanti, è l’unica cosa che ci aiuta a sopportare questa situazione. È l’unica cosa che ci resta”, dice Mona.

“Suor Rita viene ogni volta che abbiamo bisogno di lei, anche se magari è molto tardi, perché è sempre molto occupata, ma riesce sempre a trovare un momento per noi. Per me è la testimonianza vivente di Cristo sulla Terra”.

Suor Rita, a cui Mona e Juliette fanno riferimento in quasi ogni frase, appartiene alla congregazione di San Vincenzo de’ Paoli e lavora nel dispensario. “La situazione qui è tragica, perché non hanno nulla”, dice.

Il numero di famiglie che viene aiutato al dispensario delle Figlie delle Carità è più che quadruplicato. Prima c’erano 120 famiglie, ora sono 500 al mese, ha riferito suor Rita.

Oltre ai volontari che preparano la distribuzione del cibo, ci sono degli uomini che lavorano al dispensario, visto che l’edificio è stato danneggiato dall’esplosione. Tutte le finestre si sono rotte, e alcune parti del tetto sono venute giù.

“Dobbiamo continuare a lavorare, visto che ora abbiamo trovato qualcuno per fare le riparazioni, anche se per adesso non possiamo pagarlo”, ha detto suor Rita.

Tra le scatole impilate all’ingresso e che riportano il logo di ACS c’è un crocifisso appeso al muro con una legenda in francese: “Sei il segno della misericordia di Dio”. È il riassunto perfetto del lavoro svolto da queste religiose.


WYBUCH W BEJRUCIE

Leggi anche:
In Libano i cristiani resistono agli speculatori

Suor Rita descrive il suo lavoro con queste parole: “Il nostro carisma è quello di alleviare le sofferenze di Cristo, che ancora soffre su questa terra. Vogliamo semplicemente servire Dio e testimoniarlo, soprattutto in questo periodo tanto difficile che stiamo affrontando”.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
aiuto alla chiesa che soffrelibanosuore
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni