Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconNews
line break icon

Siamo sopravvissuti a nove anni di guerra in Siria, ora ci ucciderà un virus?

ANTOINE TAHHAN

Aid to the Church in Need

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 05/10/20 - aggiornato il 05/10/20

Padre Antoine Tahhan, sacerdote cattolico armeno di Aleppo, riconosce che la popolazione in generale ha poca consapevolezza circa il Covid-19

I Siriani in generale, ma soprattutto quelli che vivono ad Aleppo, sono più indifferenti nei confronti della propria salute personale e della sicurezza rispetto a chi vive nei Paesi europei. “Molti di loro dicono di aver sofferto per nove anni e di essere sopravvissuti alla guerra e alla fame. Alcune persone sono più attente e usano sterilizzatori, mascherine chirurgiche, antisettici e guanti per la prevenzione, ma la maggior parte non teme la diffusione del coronavirus. Hanno già sofferto tanto…”, ha spiegato il sacerdote cattolico armeno Antoine Tahhan all’associazione internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS).

Il 19 marzo, il Governo siriano ha diffuso l’ordine di chiudere tutti i negozi per paura della diffusione del virus, e ha imposto il coprifuoco dalle 18.00 alle 6.00. Pochi giorni dopo, il 22 marzo, i vescovi cattolici di Aleppo hanno deciso di chiudere le chiese per proteggere i fedeli ed evitare
la propagazione della pandemia.

Da allora, padre Antoine va e viene tutte le mattine alla chiesa cattolica armena della Santa Croce di Aleppo per celebrare la Santa Messa, e poi torna a casa sua per rispettare l’isolamento.

È poco, però, quello che si può fare in un Paese dopo una guerra che ha lasciato il sistema sanitario molto deteriorato. “La Siria ha perso molti ospedali e centri sanitari, distrutti dai terroristi, come l’Ospedale Al-Kindi e l’Ospedale Oftalmico. Molti apparecchi e strumenti medici sono stati saccheggiati. Molti dottori sono emigrati perché i terroristi li hanno sequestrati o hanno minacciato di ucciderli. Il sistema sanitario è quindi in una situazione di fragilità, e per questo si teme che il virus si diffonda tra la gente, soprattutto tra i soldati arabi siriani”, afferma padre Antoine.

“Non credo che i respiratori negli ospedali, soprattutto nelle unità di terapia intensiva, siano sufficienti a combattere il virus. Abbiamo anche bisogno di una grande quantità di mascherine chirurgiche, sterilizzatori e altri strumenti. Dobbiamo però aumentare la consapevolezza della popolazione sull’importanza della salute. Oggi ancora molte persone camminano nei parchi, si danno la mano o si salutano senza tenere conto delle misure raccomandate dalle autorità sanitarie”.


Trevi fountain

Leggi anche:
Oggi 2.257 casi con 30 mila tamponi in meno, impennata dei ricoveri

Poche famiglie sono tornate

Aleppo è stata liberata il 24 dicembre 2016. Le poche famiglie benestanti hanno restaurato le proprie abitazioni. La maggior parte delle famiglie cristiane ha poche risorse e vive grazie all’assistenza della Chiesa locale, sostenuta da organizzazioni come ACS, che ha creato programmi di aiuto d’emergenza per affitti, cibo e assistenza medica per molte famiglie ad Aleppo e in altri luoghi della Siria. Senza questi aiuti, i cristiani non potranno tornare nelle proprie abitazioni e preservare la presenza cristiana in Medio Oriente.

  • 1
  • 2
Tags:
coronavirussiria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni