Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconStile di vita
line break icon

Come rispondere a un insulto?

STRESS

Shutterstock

padre Michael Rennier - pubblicato il 05/10/20

Questi 3 passi possono aiutarvi ad essere una persona integra e a rafforzare i vostri rapporti

Ho molti difetti. Nell’interesse della trasparenza, sarei felice di elencarveli, ma per parafrasare San Giovanni Evangelista non ci sono abbastanza libri al mondo per contenere una lista simile. Inizio con questa umile ammissione perché non voglio sembrare troppo arrogante – a proposito, l’arroganza è uno dei miei difetti più grandi – quando affermo di essere bravo a rispondere agli insulti.

Ben poco di quello che dice qualcuno ormai mi tocca, provoca una replica o mi fa dire o fare qualcosa di cui poi mi pento. La triste verità è che la maggior parte dei sacerdoti è brava ad essere insultata, e io ho imparato nel corso degli anni come essere ottimista guardando sacerdoti più anziani che ammiro. La gente ci dice talmente tante cose stravaganti che dopo un po’ diventiamo esperti nell’assorbire i colpi emotivi. Non si tratta necessariamente dei nostri parrocchiani. In genere i parrocchiani sono gentili. È solo che i sacerdoti sono un bersaglio facile per le persone arrabbiate con Dio o che proiettano la propria ira sugli altri. Ho visto gente dire cose assolutamente terribili ai sacerdoti, e la loro risposta non era per questo meno santa.

Non sono nato con questa capacità. Ho dovuto impararla. E se l’ho imparata io potete farlo anche voi. In un certo senso, è un fatto strano che la vita abbia un modo per costringerci a imparare come essere insultati. Capita, tutto qui. Una persona non deve sicuramente essere un sacerdote per venire insultata. Tutti noi siamo stati insultati, e probabilmente tutti noi abbiamo a nostra volta insultato qualcuno. Si tratta di affermazioni che vorremmo rimangiarci nel momento stesso in cui ci passano attraverso le labbra. Accade così spesso che è incredibilmente utile sapere come affrontarle, altrimenti possono arrivare a distruggere famiglie e amicizie.

Un vero insulto – quello che danneggia una famiglia e provoca un danno duraturo – è sempre personale. Attacca l’identità di una persona, rendendola fondamentalmente imperfetta al cuore di ciò che è.

È qui che le mie debolezze diventano i miei punti di forza. Personalmente ho molta fiducia in me stesso, e questo a volte mi mette nei guai, ma mi rende anche adatto ad assorbire gli insulti. Non permetto mai che mi definiscano, perché so bene chi sono.

Avere la fiducia in se stessi che non permette che l’insulto diventi personale è il primo passo per rispondere in modo positivo. Anziché scadere nell’autocommiserazione, sparare una replica infiammata o agonizzare per un commento negativo, ricordatevi che gli insulti spesso riguardano più la persona che li pronuncia che quella che li riceve. Non è una scusa, ma queste persone sono probabilmente arrabiate, dubbiose e ferite. Possono sentirsi impotenti per via di un’altra situazione nella loro vita e voi sembrate un bersaglio facile per aiutarli a riacquisire una sensazione di controllo. Chissà, magari chi insulta sa esattamente cosa vi sta facendo, e per lui è davvero qualcosa di personale. Per voi non dev’essere lo stesso. Sapete chi siete.

Il secondo modo per rispondere a un insulto deriva dal primo. Se siete fiduciosi nella vostra identità, potete prendere la sostanza dell’insulto con calma e serietà. Può trattarsi semplicemente di un attacco personale, pieno di falsità e bile. In questo caso, la cosa migliore è andare avanti senza pensarci. A volte, però, l’insulto può avere qualche sostanza nascosta che si può usare per la crescita personale.

  • 1
  • 2
Tags:
rapporti interpersonali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni