Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

I cristiani devono credere ai Miracoli Eucaristici?

Mons. Raffaello Martinelli - pubblicato il 03/10/20

Limiti e possibilità dei Miracoli Eucaristici. Ecco perché la prudenza della Chiesa, di fronte a fenomeni straordinari, è pienamente giustificata

Presento anzitutto alcuni limiti che riguardano i Miracoli Eucaristici, e poi indico gli aspetti positivi che si possono valorizzare.

1) Limiti:

  • La nostra fede non è fondata sui Miracoli Eucaristici, ma sull’annuncio di Cristo Signore, accolto nella fede grazie all’azione dello Spirito Santo. Crediamo per aver creduto alla predicazione (cfr. Gal 3,5): “Fides ex auditu, auditus autem per verbum Christi” (Rom. 10, 17): “La fede dipende dalla predicazione, e la predicazione a sua volta si attua per la Parola di Cristo”. “Credere è un atto dell’intelletto che, sotto la spinta della volontà mossa da Dio per mezzo della grazia, dà il proprio consenso alla verità divina” (S. TOMMASO, Summa Theologiae, II-II, q.2,a.9,c).E la nostra fede nell’Eucaristia ha come centro Cristo, che durante la sua predicazione ha preannunciato l’istituzione dell’Eucaristia e l’ha poi istituita celebrando con i suoi Apostoli l’Ultima Cena, il giovedì santo.Da allora la Chiesa, fedele al comando del Signore: “Fate questo in memoria di me” (1 Cor 11,24), ha sempre celebrato con fede e devozione l’Eucaristia, soprattutto la domenica, giorno della risurrezione di Gesù, e continuerà a farlo “finchè Egli venga” (1 Cor 11,26).
  • Neppure esiste un obbligo, per il cristiano, di credere ai Miracoli Eucaristici. Questi non impegnano obbligatoriamente la fede dei fedeli, anche se sono riconosciuti ufficialmente dalla Chiesa. Ogni fedele conserva la sua libertà di apprezzamento: nessun cristiano è obbligato a credere ad alcuna delle rivelazioni private, neanche quando sono approvate dalla Chiesa.
  • In linea di principio, il credente non deve tuttavia escludere che Dio possa intervenire in un modo straordinario in un qualunque momento, luogo, avvenimento, persona. Il difficile è discernere se in questo singolo fatto si è verificato tale intervento autentico straordinario di Dio.
  • La prudenza della Chiesa, di fronte a fenomeni straordinari (come i Miracoli Eucaristici), è pienamente giustificata, in quanto tra l’altro ci si può imbattere nei seguenti rischi:
    • Supporre che Dio ha dimenticato di dirci qualcosa nell’istituzione dell’Eucaristia
    • far passare in secondaria linea l’Eucaristia domenicale
    • attribuire eccessiva importanza all’aspetto miracolistico, straordinario, con conseguente svalutazione del quotidiano nella vita del credente e della Chiesa;
    • dar facile credito a suggestioni, imbrogli…

    L’eventuale approvazione ecclesiale di un Miracolo Eucaristico contiene i seguenti elementi:

    • il fatto relativo non contiene nulla che contrasta la fede ed i buoni costumi
    • è lecito renderlo pubblico
    • i fedeli sono autorizzati a dare ad esso la loro adesione in forma prudente.

    Anche se nessuno è obbligato a crederci, il credente si mostrerà rispettoso nei confronti del Miracoli Eucaristici, la cui autenticità è stata riconosciuta dalla Chiesa.

  • 2) Aspetti Positivi:

    I Miracoli Eucaristici possono costituire un utile e fruttuoso aiuto alla nostra fede. Ad esempio essi possono:

    • Aiutare ad andare oltre il visibile, il sensibile ad ammettere l’esistenza di un oltre un al di là.Proprio perché è riconosciuto come fatto straordinario, il Miracolo Eucaristico non trova spiegazione nei fatti e ragionamenti scientifici, va oltre la ragione umana, e interpella l’uomo sollecitandolo ad ‘andare oltre’ il sensibile, il visibile, l’umano, cioè ad ammettere che ci sia un qualcosa che è incomprensibile, inspiegabile umanamente con la sola ragione umana, scientificamente non dimostrabile.
    • Offrire l’occasione di parlare, nella catechesi, della Rivelazione pubblica e della sua importanza per la Chiesa e il cristiano.I Miracoli Eucaristici si riferiscono ad eventi straordinari avvenuti dopo l’istituzione dell’Eucaristia da parte di Cristo, dopo la fine del Nuovo Testamento, e cioè dopo la fine della Rivelazione pubblica.

    Che cos’e’ la Rivelazione pubblica?

    La Rivelazione pubblica è quella:

      • operata progressivamente da Dio a partire da Abramo e, attraverso i profeti, fino a Gesù Cristo
      • testimoniata nelle due parti della Bibbia: l’Antico e il Nuovo Testamento
      • destinata a tutti gli uomini e a tutto l’uomo, di ogni tempo e luogo
      • diversa radicalmente, per essenza e non solo per grado, dalle cosiddette rivelazioni private
      • conclusa con Cristo nel Nuovo Testamento, al quale la Chiesa si sente vincolata.

    Perche’ la Rivelazione pubblica e’ conclusa con Cristo?

    Perché Gesù Cristo è il mediatore e la pienezza della Rivelazione.

    “Egli, essendo l’Unigenito Figlio di Dio fatto uomo, è la Parola perfetta e definitiva del Padre. Con l’invio del Figlio e il dono dello Spirito la Rivelazione è ormai pienamente compiuta, anche se nel corso dei secoli la fede della Chiesa dovrà coglierne gradualmente tutta la portata” (COMPENDIO, n. 9).

    “Dio, che aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri per mezzo dei profeti, ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio” (Eb 1,1-2).

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
miracoli eucaristici
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni