Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconFor Her
line break icon

Vincere la morte con le sneakers ai piedi. Come Carlo Acutis

KROK

pixpoetry/Unsplash | CC0

Martha, Mary and Me - pubblicato il 02/10/20

Perché vincere i campionati NBA con le Nike come Jordan è figo, ma vincere la morte come Carlo, lo è di più!

Con le sneakers ai piedi.
Ci faccio tutto, io, con le sneakers ai piedi. Ci ho vissuto tutta la gioventù (non sono così vecchia, ma adesso mi sono data anche a ballerine, anfibi, stringate) tra Nike, Adidas, Puma e 3628376 paia di Converse. Roba che dentro hanno scoperto nuove forme di vita.

Ci andavo a scuola, poi a casa, poi ad allenamento, poi di nuovo a casa, poi al pub. Ci ho fatto la maturità, la laurea era in Stan Smith con profili pitonati, il matrimonio in Chuck Taylor alla caviglia bianche. Ci ho dato il primo bacio, ci ho preso la patente, ci sono andata ovunque col sole o la pioggia. Le ho lavate, rattoppate, incollate mille volte prima di farmene una ragione e buttarle (anzi, no, è mia sorella che me le ha buttate perché fosse per me sarebbero tutte belle impilate stile museo). Con le sneakers ai piedi puoi fare tutto, ma soprattutto, puoi diventare santo. Le Nike di Carlo Acutis sono la prima cosa che ho notato vedendo il suo corpo esposto ad Assisi in attesa della beatificazione.




Leggi anche:
Carlo Acutis, esposizione del corpo intatto ad Assisi (FOTOGALLERY)

Perché parlano a me, quelle Nike. Non è tutta una questione di Medioevo, sandali e saio: io, quella con le Converse ai piedi, sono chiamata oggi alla santità.
La santità sta bene a tutti, come le sneakers, la puoi tirare fuori in ogni occasione, tutti i giorni, in ogni momento.
“Designed to be saint”: ecco cosa dovrebbero scriverci, sulle scatole delle sneakers. Che vincere i campionati NBA con le Nike come Jordan è figo, ma vincere la morte come Carlo, lo è di più!

Siamo chiamati a essere santi. Con le sneakers ai piedi!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG MARTHA MARY AND ME

Tags:
carlo acutissanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni