Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
home iconNews
line break icon

Restituita la Vergine rubata da Hitler a una famiglia ebraica

MADONNA

© Grete Heinz, Courtesy Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Turin

Maria Paola Daud - pubblicato il 01/10/20

L'odissea della “Vergine col Bambino, San Giovannino e due angeli” (1480- 1485)

Quando ha acquisito il quadro della “Vergine col Bambino, San Giovannino e due angeli” (1480- 1485), l’imprenditore e grande collezionista di opere d’arte Francesco Federico Cerruti non avrebbe mai potuto immaginare che l’opera avesse un passato drammatico legato a un periodo tragico della storia come la II Guerra Mondiale.

MADONNA
Courtesy Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Turin

Cerruti, un uomo dai gusti raffinati, si è sentito attirato dalla delicatezza dei tratti dei personaggi e dai colori brillanti dell’opera, della cui tecnica Jacopo del Sellaio era maestro assoluto.

Alla sua morte, avvenuta nel 2015, l’imprenditore, proprietario di una delle collezioni private più importanti d’Europa, ha stabilito che la sua villa e tutti i tesori che conteneva venissero donati al vicino museo del Castello di Rivoli, alle porte di Torino. È qui che gli esperti d’arte sono rimasti sorpresi rendendosi conto di avere tra le mani un’opera che si credeva perduta dal 1936.

La Vergine apparteneva a un collezionista ebreo viennese, Gustav Arens, e alla morte di questi venne ereditata dalla figlia Ann, che la teneva esposta nella sala da pranzo. Poco tempo dopo venne confiscata dal regime nazista. Ann dovette pagare un’enorme somma di denaro per poter riportare al suo posto la Vergine.

Ma questo era solo l’inizio della vicenda, perché poco tempo dopo Hitler cominciò a perseguitare gli ebrei, e Ann con il marito e le due figlie dovette emigrare prima a Parigi e poi negli Stati Uniti. Il quadro, insieme ad altre opere d’arte, venne confiscato, e da quel momento se ne persero le tracce.

MADONNA
Grete Heinz, Courtesy Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Turin

Nel 2018 la Fondazione Cerruti ha contattato l’Holocaust Claims Processing Office con la speranza di trovare la famiglia di Ann e ha avuto molta fortuna, perché è riuscita a entrare in contatto direttamente con lei, che ha oggi 93 anni.

La felicità di Ann era immensa, visto che conserva ancora vivi e nitidi i ricordi della presenza del quadro della Vergine a casa sua, come ha raccontato alla Fondazione: “Era una presenza affettuosa e tranquillizzante”. Ogni volta che si sedeva a tavola, ha aggiunto, vedeva il dolce volto di Maria e rimaneva colpita dalla bellezza dei colori e dalla sua espressione, che le è rimasta impressa nella memoria.

MADONNA
Grete Heinz, Courtesy Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Turin

Quest’anno, per mantenere intatta la Collezione Cerruti, preservare la memoria dei tragici eventi che hanno scosso l’Europa durante la II Guerra Mondiale e permettere al pubblico di poter ammirare il dipinto, è stato deciso di collocarlo di nuovo nella casa-museo, Villa Cerruti. La Fondazione Cerruti ha anche dato una compensazione economica alla famiglia, impegnandosi a raccontare ai visitatori le vicissitudini che hanno passato sia il quadro che la famiglia Arens.

Oggi è quindi possibile per tutti ammirare l’opera di Jacopo del Sellaio, quadro particolarmente amato da Cerruti al punto da volerlo nella sua stanza, accanto al letto.

La Vergine Maria è senz’altro capace di trasmettere la sua dolcezza e la sua tenerezza anche attraverso l’arte a tutta l’umanità, senza differenza di religione.

Fonte: artribune.com, Maria con te, n.38, settembre 2020

Tags:
ebreiII guerra mondialemadonnanazistiquadro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
7
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni