Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

Cristianofobia: in 7 mesi assassinati 178 cristiani in un solo Stato della Nigeria

CHRISTIANS NIGERIA; ATTACKS; FR ETUBE

Aid to the Church in Need

Aleteia - Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 01/10/20

Solo negli ultimi sette mesi sono stati assassinati 178 cristiani nella zona meridionale dello Stato nigeriano di Kaduna, scenario di attacchi costanti e codardi contro le comunità cristiane perpetrati dai fanatici musulmani, soprattutto jihadisti di Boko Haram. Le informazioni sono della Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), alla quale i vescovi della regione hanno dichiarato:

“Nuvole nere di violenza avvolgono la nostra terra. Il nostro Paese è nelle grinfie del mietitore – la morte. Negli ultimi anni, gli autori di questa violenza si sono impossessati della terra e hanno fatto mettere sulla difensiva le nostre forze di sicurezza. Oggi quasi tutti gli Stati del nord della Nigeria sono nelle mani di quanti perpetrano violenza e morte. Negli ultimi tre anni siamo stati testimoni di attacchi e saccheggi incessanti contro intere comunità da parte dei malviventi in Stati come Benue, Kebbi, Plateau, Kaduna, Katsina, Nasarawa, Niger, Sokoto e Zamfara. Migliaia di vite sono state spezzate da questi banditi, che agiscono con una crudeltà implacabile. Le devastazioni di Boko Haram, degli allevatori di bestiame, dei sequestratori e dei malviventi hanno trasformato tutti noi in vittime”.

ACS ha riferito la deposizione di padre Sam Ebute, missionario della Società delle Missioni Africane (SMA), con sede a Kagoro. A luglio, 21 dei suoi parrocchiani sono stati assassinati:

“È accaduto verso le 23.20 del 21 luglio nel villaggio di Kukum Daji, a circa dieci minuti di macchina da Kagoro. La comunità stava svolgendo un incontro di giovani quando all’improvviso si sono sentiti spari e grida. Hanno capito subito di cosa si trattava, perché avevano già visto accadere la stessa cosa ad Agwala, Doka, Kaura e Zangon Kataf. In meno di due ore, i banditi hanno assassinato 17 giovani, soprattutto ragazze, e altre quattro persone sono morte mentre venivano portate in ospedale o una volta arrivate lì, per un totale di 21 morti. Altre 30 persone sono rimaste gravemente ferite e hanno dovuto essere ricoverate negli ospedali di Kafanchan e Kaduna.
Nel 2017 ho dovuto seppellire una donna che era stata assassinata con i suoi quattro figli di notte. Nel 2018, anche nella parrocchia di Tsonje hanno dovuto seppellire quattro persone assassinate. Nel 2019 a Zunruk sette giovani sono stati uccisi in pieno giorno mentre giocavano a calcio. Nelle ultime settimane abbiamo seppellito i parrocchiani senza alcuna prospettiva della fine di questa tragedia. Gli ultimi assalti hanno terrorizzato tutti, lasciando soprattutto con la paura dell’ignoto, perché non sappiamo quando si verificheranno i prossimi attacchi e cosa li provocherà. Non possiamo praticare la nostra fede in pace. Non confidiamo neanche nella sicurezza delle nostre case. Nonostante tutto, devo restare a disposizione per consolare i fedeli, pregare per loro e incoraggiarli a conservare la fede in Dio e a rimanere saldi. Offriamo sostegno spirituale, morale e materiale come meglio possiamo. Il popolo del sud di Kaduna, nella sua sofferenza, si sente abbandonato dal governatore. Il Governo non prende misure decisive per fermare la minaccia. Questo è l’aspetto più devastante e frustrante. Un’altra cosa difficile è predicare il perdono, la riconciliazione, la pace e l’amore alle persone il cui sostentamento è stato strappato, la cui prosperità diminuisce e viene distrutta a causa di questi attacchi. In questa situazione mi sento confortato perché Dio non è morto e ci sta osservando. Il Suo tempo arriverà. Nel Salmo 46,10 ci ha detto di confidare in Lui. Il sangue di questi martiri non sarà versato invano”.
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
nigeriapersecuzione cristiani
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni