Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Chiesa

Come San Girolamo faceva fronte ai suoi accessi d'ira

SAINT JEROME

Domenico Ghirlandaio | Public Domain

Philip Kosloski - pubblicato il 30/09/20

Il santo era noto per il fatto di non avere freni e di esprimere commenti furiosi, ma il suo pentimento lo ha salvato

L’ira è un sentimento, e in sé non è peccaminosa. È perfino possibile che possa spingerci a fare qualcosa di eroico e a sostenere chi viene perseguitato.

È molto più semplice, però, permettere che ci consumi, e allora le nostre parole non riflettono più la fede cristiana che professiamo.

San Girolamo lo sapeva fin troppo bene, visto che era ampiamente noto per i suoi accessi d’ira. Non ne andava fiero, e spesso si pentiva delle parole che pronunciava subito dopo averle dette.




Leggi anche:
Sterilità: la preghiera quando la rabbia invade il cuore

Le azioni della gente potevano facilmente farlo infuriare, e i suoi dibattiti con altri studiosi erano piuttosto accalorati.

Perché allora è stato canonizzato se era una persona così irosa?

Papa Sisto V vide un dipinto in cui San Girolamo teneva in mano una pietra e commentò: “Fai bene a portarla, perché senza di questa la Chiesa non ti avrebbe mai canonizzato”.

Il Pontefice si riferiva alla pratica di Girolamo di colpirsi con una pietra ogni volta che veniva tentato, o in riparazione per i suoi peccati. Sapeva di non essere perfetto, e spesso digiunava, pregava e implorava la misericordia divina.

“Trovandomi abbandonato al potere di questo nemico mi sono gettato nello spirito ai piedi di Gesù, lavandoli con le mie lacrime, e ho domato il mio corpo digiunando per intere settimane. Non mi vergogno di rivelare le mie tentazioni, ma mi addolora il fatto di non essere adesso quello che ero allora. Spesso trascorrevo giorno e notte piangendo, singhiozzando e battendomi il petto finché non tornava la calma desiderata. Temevo la cella in cui vivevo, perché era testimone dei suggerimenti malvagi del mio nemico, e quando ero arrabbiato e pieno di severità nei confronti di me stesso mi addentravo da solo nelle parti più segrete della foresta, e se scoprivo una valle profonda o una roccia scoscesa ne facevo il luogo della mia preghiera, e poi vi gettavo questo miserabile sacco del mio corpo”.

Oltre a questi tormenti fisici che si infliggeva, San Girolamo si dedicava anche allo studio dell’ebraico, per mettere a tacere le tante tentazioni che lo assalivano.

“Quando la mia anima era infiammata dai cattivi pensieri assoggettavo la mia carne, diventavo l’allievo di un monaco che era stato ebreo per imparare da lui l’alfabeto ebraico”.

San Girolamo ha lottato contro la rabbia per tutta la vita, ma ogni volta che cadeva gridava a Dio e faceva tutto ciò che poteva per migliorare il suo modo di parlare.




Leggi anche:
I sette peccati capitali: la ricetta del diavolo per farci arrabbiare

Possiamo imparare dall’esempio di San Girolamo ed esaminare la nostra vita, soprattutto se siamo inclini alla rabbia. Ci pentiamo di questa rabbia che fa male agli altri? Oppure siamo orgogliosi, non disposti ad ammettere di aver commesso un errore?

A separarci dai santi non sono i nostri errori, ma la capacità di chiedere perdono a Dio e agli altri. Se lo facciamo, abbiamo molte più cose in comune con i santi di quanto potremmo immaginare.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
rabbiasan girolamo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni