Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconStile di vita
line break icon

La risposta liberatrice di Dio alla domanda “Chi sono io?”

Sad man

By Marjan Apostolovic | Shutterstock

Tom Hoopes - pubblicato il 29/09/20

Dio è amore, e i nostri corpi riflettono il Suo amore. La Chiesa lo mostra fin dal Battesimo (in cui l’acqua sulla nostra testa ci cambia l’anima), e poi nel matrimonio (in cui il nostro corpo è unito a un altro) e nella morte, quando i nostri corpi o le nostre ceneri vengono sepolti anziché sparsi.

La Messa ci allena ad amare Dio con il corpo quando ci inginocchiamo e rimaniamo in piedi. Ricordiamo continuamente che la nostra vita è stata salvata quando Gesù ha offerto il Suo corpo sulla croce, e la nostra speranza è stata assicurata quando il Suo corpo è risuscitato dai morti, cosa che un giorno farà anche il nostro. Aristotele definisce l’uomo “animale razionale”, la cui massima felicità si trova nell’esercizio della sua ragione – nel contemplare ciò che è vero. Per noi, la più grande attività umana è conoscere Dio attraverso la preghiera e lo studio.

Pur considerando la nostra evoluzione, il nostro intelletto ci differenzia dagli altri animali. Chi siamo come esseri umani è stato conquistato dalla nostra sete di conoscenza. Ciò accade al livello di uno scienziato di Cambridge che studia Venere e a quello di un bambino che chiede continuamente “Perché?”, e accade quando entrambi ascoltano le Scritture insieme a Messa.

Oltre a questo, è la nostra volontà a renderci quello che siamo. Abbiamo una volontà che ci permette di amare in modo diverso rispetto a qualsiasi altro animale, e questa è la massima espressione di quello che siamo.

Gesù riassume i Dieci Comandamenti come “Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore”, e “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. È questa la descrizione finale di chi siamo: persone che amano Dio e che si amano a vicenda.

Questo ci rende molto più di quello che avremmo potuto inventare o affermare di noi stessi. È una certezza che ci toglie dalle mani del caso cieco e ci mette in quelle di Dio, che vuole portarci attraverso la morte dalla Sua parte.

  • 1
  • 2
Tags:
diouomo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni