Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 18 Aprile |
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Un documento di 800 anni mostra la risposta del Papa al “clero scontento”

SALISBURY CATHEDRAL

Hugh Llewelyn | Wikipedia

John Burger - pubblicato il 25/09/20

In mostra nella cattedrale inglese di Salisbury una bolla papale che permetteva alla chiesa di trasferirsi per via di “soldati prepotenti” e “condizioni difficili”

Il sacro e il profano sono in mostra nella cattedrale della Beata Vergine Maria di Salisbury, nel sud dell’Inghilterra. Una mostra, rinviata a causa della pandemia di Covid-19, racconta come la cattedrale si sia insediata dove si trova otto secoli fa, e offre informazioni sulla vita dei fedeli medievali.

Nella mostra che celebra l’800° anniversario del momento della nuova fondazione spicca l’esibizione di una bolla papale che permetteva che la cattedrale venisse ricostruita dopo che la sua prima ubicazione si era dimostrata problematica.

Costruita originariamente alla fine dell’XI secolo a Old Sarum, alla periferia della moderna Salisbury, la cattedrale era ostacolata dalle condizioni meteorologiche locali e da cattivi vicini.

“Il clero scontento di Salisbury si lamentava del fatto che i suoi servizi venissero sommersi a causa delle condizioni meteorologiche avverse”, riferisce un resoconto del Guardian.

Dal tetto, poi, pioveva sempre, e il clima malsano all’interno dell’edificio sembrava far ammalare tutti.

Al di sopra di tutto, i “soldati prepotenti” del vicino castello di Old Sarum impedivano ai fedeli di visitare il tempio “in modo sicuro”.

Stanco, il clero locale si rivolse a Papa Onorio III. Ricordate, tutto questo accadde molto prima che Enrico VIII rompesse le relazioni con Roma, e quindi la Chiesa d’Inghilterra aveva ancora la possibilità di ottenere un aiuto dalla Sede di Pietro.

“La cattedrale è soggetta a grandi disagi e oppressione, al punto che non vi si può stare senza ingenti pericoli”, scrisse Onorio in latino nella sua bolla del 29 marzo 1218. “Essendo situata in un luogo molto elevato, è continuamente flagellata dai venti, ci si sente a malapena l’uno con l’altro mentre si celebrano gli uffici divini e il luogo è così malsano che chi vive lì è soggetto a malattie costanti”.

Il Pontefice riconosceva che la popolazione locale era “a malapena sufficiente” a provvedere a riparare il tetto della chiesa, “costantemente danneggiato dalle tempeste”. Diceva anche che si era obbligati a comprare acqua a “un prezzo così alto che altrove sarebbe sufficiente a comprare la bevanda comune del Paese, e non ci si può avere accesso senza il permesso della guardia del castello”.

Erano ragioni sufficienti per spostarsi. La nuova chiesa venne terminata nel 1258, e una guglia venne aggiunta all’inizio del Trecento. Attualmente è la guglia più alta d’Inghilterra.

Se la bolla – parte di una collezione che contiene l’atto costitutivo della cattedrale e una descrizione del processo in cui vennero gettate le nuove fondamenta – è un documento ufficiale, un’altra pergamena offre informazioni sull’epoca medievale. Come riporta il Guardian,

“Un altro splendido reperto è un rotolo lungo sei metri che illustra il consumo annuale di cibo del tesoriere canonico della cattedrale e della famiglia nel XIII secolo.

Lui e il suo staff amavano il manzo, il montone e il maiale. Il venerdì si mangiava pesce, con una scelta di aringhe, platessa e molva, mentre per le feste speciali si consumavano salse speziali, torte e frittelle”.

“Questi documenti ci fanno avere un’idea di come fosse la vita dei nostri antenati medievali che lavoravano e adoravano qui, formando un legame unico tra il passato e il presente”, ha affermato Emily Naish, archivista della cattedrale di Salisbury. “L’800° anniversario della cattedrale è una splendida opportunità per poter mostrare alcuni dei più grandi tesori delle nostre collezioni”.

Tags:
cattedraledocumentoinghilterrapapà
Top 10
See More