Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Cosa si può fare di fronte allo stress familiare provocato dalla pandemia?

MOTHER

Shutterstock | Ecaterina Glazcova

Ignasi de Bofarull - pubblicato il 24/09/20

Le famiglie con bambini stanno soffrendo molto dall'inizio della pandemia, e sicuramente molte stanno vivendo la tappa più difficile della loro vita

Questa pandemia ci sta facendo pagare il conto. Aiutare i genitori a gestire lo stress che stanno subendo dall’inizio della pandemia di coronavirus servirebbe, com’è logico, ad aiutare i figli.

Non è tuttavia facile adottare atteggiamenti diversi da quelli che erano in vigore in famiglia prima di questa situazione straordinaria. In questa dura tappa servono atteggiamenti più assertivi, positivi e costruttivi per migliorare il clima familiare. Anche i figli, in base all’età, possono compiere dei passi per migliorare l’ambiente, ma sono i genitori che hanno il coltello dalla parte del manico e devono
fare il primo passo.

I genitori guidano con l’esempio più che con consigli e richieste. Per prima cosa, devono ridurre lo stress. Siamo di fronte a una grande sfida, e bisogna affrontarla sportivamente.

Club Stress contro Club Famiglia

Immaginiamo che ci siano due squadre che si affrontano. Da un lato c’è quella dello stress, che si infiltra ovunque e vince quando ci sono battaglie sul campo opposto. I suoi goal sono le grida in famiglia, la tensione, i pianti, i rimproveri, le frasi di sconfitta come “Non ce la faccio più”.

Dall’altro lato c’è la squadra della famiglia, in cui c’è un portiere chiamato Mamma, un centravanti chiamato Papà e due mediani, un bambino e una bambina.

Gli allenatori sono mamma e papà. Le sconfitte arrivano soprattutto quando mamma e papà litigano, papà arriva tardi o mamma si lamenta perché papà non fa niente. Se si offendono hanno perso il campionato, e allora arriva il disordine: i bambini disobbediscono, si aggrappano alla gonna della mamma per richiamare l’attenzione, non vogliono cenare o spargono i giocattoli per tutta la casa.

È il momento in cui la squadra dello stress fa goal che lasciano tutti ansiosi, arrabbiati o di cattivo umore.


SILVIA VEGETTI FINZI

Leggi anche:
Silvia Vegetti Finzi: non facciamo più figli, ma la colpa è anche nostra

Come vincere la partita?

Qual è la soluzione di fronte a tanto stress pandemico? La coerenza dell’allenatore. In primo luogo i genitori devono volersi molto bene (coerenza dell’allenatore), e questo si deve vedere. Si deve vedere che si rispettano e hanno le idee ben chiare, che sanno amarsi e governarsi. È quella che la scienza chiama “qualità matrimoniale”.

Se la qualità matrimoniale è elevata, i bambini vivono in pace, si sentono sicuri, prosperano, giocano autonomamente e non cercano il riconoscimento dei genitori, perché questi sono saldi, cordiali e danno regole e scadenze prevedibili.

Se accade il contrario, se i genitori litigano, se il papà è assente, la baby sitter si occupa di tutto e la madre non fa che lamentarsi, allora lo stress si diffonde, si espande e diventa contagioso.

I bambini perdono stabilità psicologica e si adattano peggio alla realtà quotidiana, potendo anche arrivare ad avere atteggiamenti di reticenza o di sfida. Possono diventare bambini aggressivi o molto spenti.

I genitori non possono neanche immaginare quanto sia produttivo il loro amore. Psicologicamente si potrebbe dire che l’amore dei genitori è una guida luminosa per i figli.

Il padre o si nasconde o si mette in gioco

C’è un detto molto saggio che mi colpisce e che ho sentito dire da esperti di questioni familiari: “La cosa migliore che può fare un padre per i figli è amare molto sua moglie”.

Le donne riflettono sulla loro vita, sul loro aspetto e sul tono vitale l’amore che ricevono dal marito. E visto che sono loro a delineare la direzione che prende la famiglia, l’amore del marito (che si suppone sia corrisposto) le trasforma.

Un modo per amare la moglie è seguirla, ascoltarla e sostenerla con i figli nel compito di allevarli e nel peso dei doveri domestici.

Se la coppia concilia bene vita professionale e vita familiare, se condivide, se il marito assiste i figli in base a quello che propone la moglie, lo stress si riduce.


Father; Son; Goodbye ; Work;

Leggi anche:
Sei un padre impegnato? Ecco come crescere i tuoi figli

In queste circostanze la moglie illumina tutto perché è contenta. Solo un esempio: obbedire alla moglie nel momento in cui bisogna portare al parco i figli o darle un po’ di relax dopo la scuola o la domenica pomeriggio.

Per il padre ci sono due possibilità: o si nasconde, o si mette in gioco. E se si mette in gioco sempre (quasi sempre) con delicatezza e amore, lo stress si riduce e i bambini sono più tranquilli, obbedienti e sereni.

Dio mio, magari i genitori riuscissero a capire quanto può essere positivo il loro amore reciproco! Non solo per essere felici come coppia, ma anche per essere felici come famiglia. A volte costa, ma ripaga molto. E la società ne trarrà beneficio.

Tags:
coronavirusgenitori e figlipandemia
Top 10
See More