Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconNews
line break icon

Un nuovo capitolo dell’eugenetica negli Stati Uniti?

STERILIZATION

Shutterstock | ldutko

Jaime Septién - pubblicato il 22/09/20

L'aumento di isterectomie di donne appartenenti alle minoranze razziali fa scattare l'allarme

In questi giorni è tornata a fare notizia un’indagine della professoressa Natalia Molina sulla sterilizzazione forzata delle minoranze etniche negli Stati Uniti.

Il lavoro della Molina, docente di Studi Statunitensi ed Etnie dell’Università della California del Sud, intitolato “Adatti ad essere cittadini? Salute pubblica e razza a Los Angeles 1879-1939” (University of California Press, 2006), mostra una storia delle operazioni di sterilizzazione senza consenso promosse in quello Stato e nel Paese.

Non si tratta però di eugenetica praticata contro le persone di colore, ma di un sorprendente aumento delle isterectomie (interventi chirurgici per asportare l’utero) effettuate su donne sotto custodia del Servizio per il Controllo di Immigrazione e Dogane (ICE, dalle iniziali in inglese).

È impossibile che tante donne stiano male

Il grido di allarme è stato lanciato da Dawn Wooten, un’infermiera che ha lavorato in un centro di detenzione dei migranti nello Stato della Georgia. La Wooten ha presentato una denuncia interna presso il Dipartimento di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti per l’elevato tasso di sterilizzazione di donne in quelle strutture.

Secondo la catena televisiva CNN, l’infermiera, che ha lavorato presso il centro di detenzione per migranti della contea di Irwin, ha denunciato i medici che si occupano della struttura per possibile negligenza, perché anche se alcune ne avevano bisogno “non è possibile che l’utero di tutte stia così male”.

Rappresentata nel caso dal Progetto di Bilancio dei Conti del Governo e dal Progetto Sud, l’infermiera ha ottenuto il sostegno alla sua denuncia da parte di altre organizzazioni di difesa dei diritti dei migranti, come l’Alleanza Latina per i Diritti Umani della Georgia o la Rete di Sostegno ai Migranti della Georgia.




Leggi anche:
India, tolto l’utero a migliaia di donne: senza mestruazioni lavorano di più

Denuncia interna

Anche se quella dell’infermiera Wooten è una denuncia interna, c’è “uno standard allarmante di condizioni insicure e di mancanza di supervisione nelle strutture dell’ICE, la cui gestione è privata”, ha affermato in un comunicato il presidente della Commissione di Sicurezza Nazionale della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, il democratico Bennie Thompson.

Thompson ha segnalato che è “incredibilmente allarmante” che delle sterilizzazioni forzate possano essere state realizzate in territorio statunitense. La Commissione che guida sta indagando sulle condizioni presenti in quel centro di detenzione di migranti della Georgia.

Il presidente della Camera dei Rappresentanti, Nancy Pelosi, anche lei democratica, ha incaricato l’ispettore generale del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale di indagare sulle accuse. In risposta alla Pelosi, il Dipartimento ha ritenuto che “le accuse anonime non dimostrate che vengono presentate senza dettagli verificabili debbano essere trattate con lo scetticismo che meritano”.

  • 1
  • 2
Tags:
migrantistati unitisterilità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni