Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconChiesa
line break icon

Ecco come ha risposto il Papa alle richieste delle famiglie con figli omosessuali

Antoine Mekary | ALETEIA

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/09/20

I genitori dell'associazione "Tenda di Gionata" hanno chiesto di creare un ponte con la Chiesa. Il Papa ha ribadito il suo pensiero: la Chiesa ama tutti e non esclude nessuno

Papa Francesco ribadisce vicinanza e tenerezza alle persone con tendenza omosessuale. Lo ha ribadito anche ad una quarantina di madri e di padri con figli lgbt dell’associazione “Tenda di Gionata“, al termine dell’udienza di mercoledì 16 settembre in Vaticano.

“Vogliamo creare un ponte con la chiesa”

«La nostra associazione – ha detto Mara Grassi, vicepresidente dell’associazione insieme al marito Agostino Usai, riferendo il discorso rivolto al Papa – vuole far dialogare la Chiesa e le famiglie con figli lgbt. Prendendo spunto dal titolo del libro che gli abbiamo presentato (“Genitori fortunati” ndr), ho spiegato che noi ci consideriamo fortunati perché siamo stati costretti a cambiare lo sguardo con cui abbiamo guardato sempre i nostri figli. Quello che abbiamo ora è uno sguardo nuovo che ci ha permesso di vedere in loro la bellezza e l’amore di Dio. Vogliamo creare un ponte con la Chiesa – ha proseguito la vice presidente della Tenda di Gionata, che fa parte del Gruppo della parrocchia Regina Pacis di Reggio Emilia e del Gruppo Davide di Parma – perché anche la Chiesa possa cambiare lo sguardo verso i nostri figli, non escludendoli più ma accogliendoli pienamente».

CC Guillaume Paumier

La risposta di Francesco

La risposta di Francesco è stata rasserenante e cordiale: «La Chiesa non li esclude perché li ama profondamente». Al Papa è stata donata anche una maglietta colorata d’arcobaleno con la scritta “Nell’amore non c’è timore” (1Gv, 4, 18). «Ha guardato e ha sorriso – conclude Mara Grassi, che ha quattro figli, di cui il più grande omosessuale – un momento di profonda sintonia che non dimenticheremo» (Avvenire, 16 settembre).

“Chi sono io per giudicare?”

Le parole del Papa, scrive il Corriere della Sera (16 settembre), riflettono quel cambio di atteggiamento che fece il giro del mondo fin dall’inizio del pontificato, con la risposta ai giornalisti che nel 2013 gli chiedevano, di ritorno da Rio de Janeiro, se ci fosse una lobby gay in Vaticano: «Si deve distinguere il fatto che una persona è gay dal fatto di fare una lobby. Se è lobby, non tutte sono buone. Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla?».

“Fare spazio perché si esprima”

Di ritorno dall’Irlanda, nell’agosto del 2018, gli era stato chiesto che cosa avrebbe detto ai genitori di un figlio omosessuale che vuole andare a convivere, e il Papa aveva risposto ai giornalisti che lo seguivano nel volo: «Primo, di pregare. Non condannare, dialogare. Capire, fare spazio al figlio o alla figlia. Fare spazio perché si esprima… Io mai dirò che il silenzio è un rimedio. Ignorare il figlio o la figlia con tendenze omosessuali sarebbe una mancanza di maternità e paternità. Tu sei mio figlio o mia figlia così come sei».




Leggi anche:
Il cardinale Zuppi: gli omosessuali devono entrare in relazione con Dio




Leggi anche:
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omosessuali




Leggi anche:
L’omosessualità può essere curata?

Tags:
omosessualitàpapa francesco

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni