Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconStile di vita
line break icon

Non so chi sono né dove sia Dio, cosa posso fare?

SAD

Photo by Francisco Gonzalez on Unsplash

Luisa Restrepo - pubblicato il 18/09/20

A volte ci hanno dimenticati o noi stessi ci siamo dimenticati di noi, e non possiamo fare altro che aspettare che qualcuno ci trovi

La vita non ha mai smesso di sembrare un viaggio in cui ci si può perdere.

A volte, in realtà, abbiamo solo bisogno di essere notati. Spaventati stanchi, iniziamo a gridare perché qualcuno ci ascolti e per poterci rendere conto di essere vivi.

Siamo come la pecora smarrita di cui ci parla Gesù. A volte ci hanno dimenticati o noi stessi ci siamo dimenticati di noi, e non possiamo fare altro che aspettare che qualcuno ci trovi.

Ci sono poi i rapporti in cui ci perdiamo. A volte accade perché abbiamo deciso di andarcene, altre volte, pur rimanendo, abbiamo il cuore da un’altra parte. Altre volte ancora rimaniamo tanto da immobilizzarci, da dimenticare chi siamo davvero.

Solo noi possiamo decidere di tornare, come i due figli della parabola del figliol prodigo. La pecora e i due figli devono decidere come rimanere e come farsi trovare, perché possiamo perderci in molti modi, ma ci sarà sempre qualcuno che ci cerca: un pastore, un amico, un sacerdote, qualcuno che ci ama.

Amore senza vincoli

BUTTERFLY
Serhii Brovko|Shutterstock

Forse lasciamo una relazione perché ci sentiamo intrappolati. L’amore è esigente. Ci costa sentire di non poterlo possedere e adattare al nostro ego. Ci costa restare.

Il figlio minore vuole un amore senza restrizioni. Vuole affetto senza impegno, finché alla fine impara a sue spese che la sua necessità di amare si realizza solo nel vincolo permanente.

Abbiamo fame d’affetto, e per questo corriamo il rischio di aggrapparci al primo “amore” che troviamo. Allo stesso tempo, però, pensiamo che in una relazione possiamo solo essere schiavi, che possiamo amare solo perdendo la libertà.

È questa la malattia dalla quale dobbiamo curarci, e ci curiamo solo quando conosciamo qualcuno disposto ad amarci in modo incondizionato, per celebrare la nostra vita, qualcuno che ci ami per lasciarci essere e non per possederci.

Amore permanente

FATHER AND SON
altanaka | Shutterstock

Il Padre ha vissuto con grande attesa quell’incontro. Non ha mai smesso di cercare il figlio perduto nei suoi pensieri, e quando il giovane ha finalmente deciso di tornare lo ha trattato con libertà.

Il Padre riveste il figlio; non gli fa vedere la sua debolezza, gli restituisce la dignità. Fa sì che si metta un vestito nuovo, gli dà le scarpe.

In questo rapporto, il figlio è una persona libera, non uno schiavo. La vita del figlio viene celebrata con un banchetto di gioia e riconoscenza.

  • 1
  • 2
Tags:
parabola figliol prodigo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni