Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

Cosa sono gli Accordi di Abramo? Sarà vera pace in Medio Oriente?

ISRAEL UAE

GALI TIBBON, Odd ANDERSEN / AFP

I leader di Israele e Emirati Arabi Uniti.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/09/20

Il Padre di Israele è stato invocato per una iniziativa che dovrebbe rasserenare gli animi. Ma non è detto che si arrivi a questo risultato. Ecco perchè

Nonostante sia stato invocato il Padre di Israele, non hanno nulla a che fare con la religione gli storici Accordi di Abramo, firmati il 15 settembre alla Casa Bianca a Washington. L’intesa tra Israele, gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein dovrebbe però garantire un futuro di pace e serene relazioni diplomatiche tra questi tre Stati, strategici alleati degli Stati Uniti, che hanno fatto da regia all’operazione.

Con il ministro degli Esteri emiratino, Abdullah bin Zayed, e il suo collega del Bahrein, Abdullatif Al Zayani, il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha anche firmato distinti accordi bilaterali che portano entrambi gli Stati del Golfo Persico a riconoscere lo Stato ebraico, allacciando con esso formali relazioni diplomatiche, e ad approfondire la collaborazione su molti fronti: turismo, aviazione civile, scienza e tecnologia, innovazione, ambiente, energia… tanto per elencarne alcuni (Terra Santa News, 16 settembre).

© World Economic Forum
Benjamin Netanyahu.

“Sono qui per tendere una mano di pace”

«Siamo a un punto di svolta che annuncia una nuova alba di pace» e che «finirà per espandersi fino a includere altri Stati arabi», ha sottolineato il leader israeliano, dicendosi convinto che «alla fine, potrà porre fine al conflitto arabo-israeliano, una volta per tutte».

«Sono qui per tendere una mano di pace e ricevere una mano di pace, stiamo assistendo a un cambiamento nel Medio Oriente che darà speranza al mondo intero», gli ha risposto l’emiratino Al-Nahyan, ringraziando Netanyahu per «aver scelto la pace e aver fermato l’annessione dei Territori palestinesi».

“Per troppo tempo distruzioni indicibili”

«Per troppo tempo, il Medio Oriente e’ stato frenato dal conflitto e dalla sfiducia, provocando indicibili distruzioni» e vanificando le speranze dei «più giovani» della regione. «Ora sono convinto che possiamo cambiare la situazione», gli ha fatto eco il ministro del Bahrein, al-Zayani, lanciando un appello affinche’ si raggiunga la «soluzione dei due Stati».

Tutti e tre i leader hanno ringraziato Donald Trump per la sua «ferma leadership» e «gli sforzi» della sua squadra per raggiungere l’intesa (Agi, 15 settembre).

Abramo? Un nome strategico

Ma perché questi accordi richiamano il nome di Abramo? Lo spiega Fulvio Scaglione su Famiglia Cristiana (16 settembre):

Gli Accordi di Abramo sono una cosa seria e, in prospettiva, una rivoluzione per il Medio Oriente. Chissà chi ha avuto l’ idea di intitolarli al patriarca delle tre grandi religioni monoteistiche. Se lo scopo era, di nuovo, di fare un po’ di teatro, possiamo lasciar correre. Però il viaggio che Abramo intraprese quando aveva già 75 anni, si ipotizza tra il 1800 e il 1700 avanti Cristo, da Ur dei Caldei a Canaan, corrisponde esattamente alla Mezzaluna Fertile che oggi è controllata dagli sciiti (Iraq, Iran, Siria e Libano, come si diceva). Il che trasforma un titolo a effetto in un embrione di programma politico e strategico: espugnare i bastioni degli sciiti o almeno renderli inoffensivi.

In Israele sono molto chiari: questi sono Accordi in chiave anti-Iran, il Paese che nello Stato ebraico e nel golfo Persico, oltre che ovviamente negli Usa, è considerato il nemico numero uno, il principale (se non l’ unico) responsabile di tutti i sanguinosi problemi del Medio Oriente. E in quanto tali, troveranno compimento solo nel momento in cui comprenderanno il Paese che è il vero obiettivo della strategia trumpiana: l’ Arabia Saudita. Il regno oggi diretto dal principe Mohammed bin Salman aderirà presto, questo è ormai chiaro. A quel punto, bisognerà capire se questa alleanza tra lo Stato ebraico (sempre più percorso da vene di radicalismo religioso) e il mondo wahabita avrà davvero come lo scopo la pace o la guerra. In altre parole, se l’ alleanza tra la potenza militare e tecnologica di Israele e i fondi senza fine dei Paesi arabi, benedetta dalla superpotenza americana, non cederà alla tentazione di farla finita con l’ Iran. Spalancando di nuovo le porte a un conflitto epocale in Medio Oriente.

Sono domande premature ma non troppo, perché l’ asse costruito da Donald Trump avrà una potenza economica e militare enorme.




Leggi anche:
Israele e gli Emirati arabi uniti hanno firmato un accordo di pace


patient

Leggi anche:
Israele, volontari guariti da Covid-19 visitano i pazienti soli




Leggi anche:
Il piano di Trump porterà la pace in Medio Oriente?

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
conflitto israelo palestineseisraele
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni