Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconSpiritualità
line break icon

Oggi ci viene donata una Madre, partorita dal dolore per il Figlio

MADONNA IN SORROW

Giovanni Battista Salvi da Sassoferrato | Public Domain

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 15/09/20

E' la festa di Maria Addolorata ed è proprio del suo dolore così fecondo che dobbiamo fare memoria: ci viene donata da Gesù dalla Croce perché stia con noi, nelle nostre vite, in ogni ora, quella della gioia e quella della prova.

Dal Vangelo di ✠ Gesù Cristo secondo Giovanni (19, 25-27)
In quell’ora, stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala.
Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!».
Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!». E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.
Il dolore di Maria è il dolore più grande al mondo, perché è il dolore di una madre che perde un figlio. Nessun dolore è paragonabile a questo dolore. In questo senso Maria ha avuto la sua parte di martirio pur non morendo in maniera cruenta come molti martiri, perché è stata in piedi sotto la Croce del Figlio a vederlo morire senza poter far nulla. Eppure in quel dolore e in quel senso di impotenza Gesù spalanca un orizzonte nuovo: dona a Maria la vocazione di diventare da quel momento in poi la madre di tutti. È un passaggio suggestivo tutto racchiuso in pochissime parole, e in due sguardi: “Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!»”. Il dolore di Maria allora diventa di nuovo maternità. E la maternità è una faccenda seria perché mette in atto una relazione che non è più guidata da logiche mondane. Una madre ama e basta, anche quando non conviene, anche fino all’eccesso. Maria è questo per ciascuno di noi. Ecco perché oggi, a ridosso della festa dell’Esaltazione della Santa Croce, spostiamo di poco lo sguardo e troviamo il suo volto. In Maria Addolorata ritroviamo non tanto la smorfia del dolore, ma gli occhi della Madre. Il Vangelo finisce con un’annotazione, che però spalanca anche la nostra responsabilità: “da quel momento il discepolo la prese nella sua casa”. Se Maria è nostra Madre allora dobbiamo anche farle spazio nelle nostre case. Ognuno dovrebbe domandarsi a che punto è il suo rapporto con Maria. Molto spesso è proprio la riscoperta di una relazione con Lei che ci ricolloca in maniera nuova e sana davanti a Cristo. Infatti è giusto che una Madre ami il figlio, ma è anche giusto che i figli amino la loro madre. Oggi possiamo rinnovare la nostra adesione a questa relazione di maternità, e possiamo dire a Maria che soffre sotto la Croce, “non sei sola, ci siamo noi con te”, e sono certo che nell’ora della prova, e nell’ora della morte anche Lei dirà a ciascuno di noi: “ci sono io con te”.
#dalvangelodioggi
Tags:
doloremadonnavangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni