Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

La leggenda del Cristo che ha sudato olio

MILAGROS BUGA
Condividi

Un’antica immagine miracolosa di Cristo intagliata nel legno viene venerata nella città colombiana di Buga, dove ogni 14 settembre si celebra una grande festa

Quest’anno, a differenza di quelli precedenti, i tradizionali pellegrinaggi alla basilica del Señor de los Milagros di Buga (Colombia) non sono stati moltitudinari. La crisi sanitaria dovuta al coronavirus ha costretto milioni di devoti a seguire le celebrazioni in televisione e sulle reti sociali per implorare il “Milagroso” di fermare la pandemia.

L’immagine del Señor de los Milagros è scura, intagliata nel legno e collocata su una croce alta circa 1,70 metri e larga 1,30. Ha le labbra socchiuse, i capelli sulle spalle e sul volto riflette l’enorme dolore che ha subìto Gesù. Attualmente è ornata con una corona d’oro e pietre preziose, e dalla testa escono raggi d’argento.

È la stessa immagine che alla fine del XVI secolo è aumentata di dimensioni e ha sudato per due giorni in quella che è oggi la città colombiana di Buga, nella zona occidentale del Paese, dove viene attualmente venerata dai devoti che giungono da ogni parte per ringraziare, implorare o intercedere per le necessità proprie o altrui.

Qual è la storia dietro questa devozione miracolosa che si è diffusa in varie città del Paese? È vero che da un piccolo crocifisso si è arrivati a un’immagine di oltre un metro?

La storia della lavandaia

La tradizione orale dice che tutto iniziò con un’anziana lavandaia che viveva in una casetta semplice verso il 1580. La donna, che era già stata evangelizzata, aveva risparmiato 70 reales perché il parroco la aiutasse a comprare a Quito un Cristo per la sua capanna.

Mentre andava a portare al sacerdote quello che aveva risparmiato con tanta fatica, sentì il pianto di un padre di famiglia che stava per essere arrestato perché non aveva potuto pagare un debito che ammontava proprio a 70 reales. La donna si commosse e gli donò il denaro.

Qualche giorno dopo, mentre lavava nel fiume Guadalajara, tra le acque le arrivò tra le mani un piccolo crocifisso di legno. Non seppe mai da dove venisse, perché più in là lungo il fiume non viveva nessuno. Lo accolse teneramente e lo depose in una piccola scatola di legno che collocò su un altare improvvisato nella sua casetta.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni