Aleteia
martedì 29 Settembre |
Santi Arcangeli
Spiritualità

Casi di psicologi che hanno accertato possessioni demoniache

EXORCISM

Shutterstock-itsmejust

Gelsomino Del Guercio | Sat Sep 12 2020

"A livello fisico quello che sovente mi colpisce in queste persone è lo sguardo. È difficile da definire"

Psicologi che hanno rinunciato a qualsiasi intervento sui loro pazienti, e li hanno dirottati agli esorcisti. La scienza, infatti, non può spiegare un’azione demoniaca, come si legge nel libro “Il ritorno dell’esorcismo” (edizioni San Paolo), un approfondito studio sugli esorcismi, a cura di Fabrizio Penna.

La prima cosa da fare

L’autore de “Il ritorno dell’esorcismo” ha intervistato Alberto d’Auria, psicologo e psicoterapeuta, che lavora a Verona. È coautore, assieme al sacerdote esorcista Silvio Zonin, del libro “I disagi dell’anima e l’esorcismo”, e da anni collabora con sacerdoti esorcisti nell’ambito della pastorale della salute.

«L’azione di ogni psicoterapeuta parte dall’ascolto attivo della persona. È proprio dalla narrazione portata, unitamente all’analisi della sua sofferenza, sovente peculiare, che emergono degli elementi che ormai ho imparato a riconoscere e che mi fanno pensare che il caso esuli dai canoni classici della psicopatologia».

Le difficoltà dei medici

Inoltre, prosegue D’Auria, «proprio durante i racconti emergono spesso storie generazionali dove si evidenzia una compromissione con la magia e lo spiritismo, oppure liti per motivi ereditari o sentimentali in seguito alle quali hanno cominciato a verificarsi malesseri strani per i quali i medici non riescono a trovare alcuna ragione e, anche se loro non collegano le cose, per me il quadro inizia a delinearsi verso una certa direzione, che ha bisogno di essere indagata da chi ne ha le capacità e l’autorità».

Aleteia

“Solo una preghiera di guarigione”

In questo caso, evidenzia lo psicologo, «invito le persone a incontrare uno dei sacerdoti con i quali collaboro per un colloquio, una benedizione e una preghiera di guarigione, non un esorcismo, solo una preghiera di guarigione. Sono poi i sacerdoti che mi offrono feedback in merito, unitamente ai pazienti quando ritornano. A volte non accade nulla, altre volte avvengono chiare reazioni legate a interventi demoniaci straordinari».

Un punto che accomuna tutti i posseduti

Oltre il materiale raccolto durante la narrazione, lo psicologo nota un punto in comune tra le persone che poi si rivelano avere problemi demoniaci.

«A livello fisico quello che sovente mi colpisce in queste persone è lo sguardo. È difficile da definire… c’è uno sguardo che va oltre la sofferenza o la psicopatologia, lo potrei definire “un pozzo senza fondo”».

I problemi psicologici pre-esistenti

Nell’esperienza di D’Auria, persone che hanno problemi demoniaci hanno anche problemi psicologici.

«Direi che è sempre presente il disagio psicologico, non potrebbe essere altrimenti. Tutte le persone che ho conosciuto mostravano anche problemi legati a una struttura di personalità che potremmo semplicisticamente definire “debole”. Inoltre quando sono presenti problemi demoniaci quasi sempre la persona ha contribuito, coscientemente o incoscientemente, al loro insediamento. Dietro ci sono spesso abitudini spirituali facilitanti, sia personali che da parte di terzi, ai quali le persone sono legate. Si tratta delle già citate pratiche occulte collegate alla magia e allo spiritismo, ad alcune pratiche “energetiche” orientali, ad alcune dipendenze sessuali».

LatinContent/Getty Images

“Ricevo persone inviate da preti o psichiatri”

Don Paolo Morocutti, professore di Psicologia generale all’Università Cattolica di Roma ed esorcista, dal 2016 al 2019, in tre anni di mandato esorcistico, ha ascoltato circa duecento persone, tra le quali solo sette hanno avuto bisogno di essere esorcizzate.

«Io ricevo le persone per ascoltarle – dice don Paolo – E ricevo solamente persone che arrivano presentate dal loro parroco, o da un altro sacerdote, o da una persona che riconosco qualificata, oppure da uno psichiatra. Quando le persone vengono inviate dagli psichiatri esiste già un buon margine di sicurezza sul fatto che la sintomatologia osservata potrebbe essere realmente di origine demoniaca, visto che la scienza medica non ha trovato soluzioni plausibili. Quando invece le persone giungono da altre strade “meno specialistiche” occorre maggior discernimento».

L’equipe

Per questo motivo, lo psicologo-esorcista, ho creato un’equipe di una ventina di professionisti, prevalentemente psicologi e psichiatri, che operano a livello volontaristico e si alternano per realizzare un primo colloquio psicologico approfondito.

«Circa la metà delle persone – evidenzia don Paolo – evidenziano problematiche psicologiche e psichiatriche e vengono accompagnate verso un cammino specifico e indirizzati a terapeuti cristiani di nostra fiducia, perché è fonda- mentale che venga condivisa una comune antropologia. Inoltre molti di questi terapeuti spesso operano gratuitamente, perché molte delle persone inviate versano in gravi condizioni economiche».

Cerchi concentrici

Come si può notare, quella adottata da don Paolo è una procedura a cerchi concentrici, con un primissimo discernimento nelle parrocchie o negli studi degli psichiatri, un secondo discernimento da parte di uno staff di psicologi e psichiatri cristiani debitamente formati e un terzo discernimento da parte dell’esorcista.

«L’esorcista – osserva don Paolo – si occupa esclusivamente dell’azione demoniaca straordinaria. Se le problematiche spirituali evidenziate sono ordinarie, la persona viene subito indirizzata da un sacerdote che aiuti a intraprendere un cammino di fede. Se invece c’è il dubbio di essere di fronte a situazioni intermedie, dove sono presenti vessazioni, cioè disturbi fisici o psicologici che non hanno spiegazioni mediche e che solitamente derivano dalla pratica dell’occultismo, dalla frequentazione a sedute spiritiche o dalla partecipazione a riti magici, non è detto che ci sia bisogno dell’esorcismo, ma occorre comprendere meglio facendo una diagnosi differenziale e parametrandosi con i medici di riferimento».

GABRIELE AMORTH
AFP/EAST NEWS
Ciekawy życiorys o. Amortha. Przy okazji wielu zajmujących rozmów, które z kapłanem przeprowadziła Elisabetta Fezzi, poznajemy ciekawy życiorys ks. Gabriele, od niego samego dowiadujemy się, jakim jest człowiekiem, czym się kieruje w życiu, jak to się stało, że został księdzem, a później egzorcystą. To bardzo szczery, więcej – intymny wywiad, ocierający się o biografię, a tym samym bardzo wciągający. Tym bardziej cenny, że przeprowadzony niemal u schyłku życia włoskiego paulisty, kiedy to człowiek niemal automatycznie rozlicza się już z życiem.

La possessione demoniaca

Da questa testimonianza emerge che la possessione è il vero terreno di scontro per l’esorcista, anche se devono essere considerate di natura demoniaca anche le vessazioni e le ossessioni, la cui cura dovrebbe essere parte del ministero sacerdotale ordinario partendo dall’ascolto per giungere alle benedizioni.

«Mi preme dire che i problemi spirituali non escludono la com- presenza di quelli psicologici, anzi chi ha problemi spirituali convive quasi sempre con quelli psicologici. Una persona che ha una possessione non può non aver bisogno di ritrovare un equilibrio umano, perché vive una dimensione talmente distonica da rendere utile il ricorso alle scienze umane».

Questi due aspetti, conclude don Paolo, «per molto tempo sono stati visti come in contrapposizione, o c’era il diavolo o c’erano problematiche psicologiche. Invece oggi si è ben compreso che le due cose possono convivere».

“Sono alla ricerca di attenzioni”

È bene dire, chiosa il prete-psicologo-esorcista, «che la maggior parte delle persone che oggi pensano di essere vessate o ossessionate dal diavolo sono in realtà alla ricerca di attenzioni, provengono da storie umane dolorose dove gli aspetti relazionali sono carenti. Sono comunque persone che soffrono e che, come sacerdoti, siamo chiamati ad aiutare in altri modi, non praticando esorcismi, altrimenti la loro credenza viene avallata e amplificata».

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
esorcismopsicologia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
HOLDING HANDS
Comunità Shalom
Il demonio non sopporta che gli sposi si amin...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
LORELLA CUCCARINI,
Silvia Lucchetti
Lorella Cuccarini accusata di omofobia: la su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni