Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 18 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

3 passi per rispondere al figlio adolescente che non vuole più andare a Messa

MŁODZI W KOŚCIELE

Shutterstock

Aleteia - pubblicato il 10/09/20

Iniziate riconoscendo la premessa della libertà, e poi ricordate due esigenze per far sì che una scelta sia davvero libera e non solo un capriccio

Padre George W. Rutler è parroco della chiesa di San Michele di New York, e tiene una rubrica di domande e risposte sul Catholic Herald, importante portale informativo e formativo cattolico con sede a Londra, fondato come quotidiano nel 1888 e ancora in circolazione come rivista nel Regno Unito e nella Repubblica d’Irlanda.

Una delle tante domande che il sacerdote ha ricevuto è stata inviata da una madre di famiglia di Salt Lake City (Utah, Stati Uniti), che ha riferito come la figlia di 16 anni abbia iniziato a dire di non voler più andare a Messa “perché ha l’età sufficiente per decidere da sola”.

La risposta offerta dal sacerdote può essere strutturata in tre tappe, nel caso un padre o una madre desideri adattarla alla propria realtà.

1 – Libertà di scelta

In una prima tappa, padre Rutler riconosce la premessa della libertà: “La fede non può essere imposta a nessuno (neanche l’infedeltà)”.




Leggi anche:
Dobbiamo costringere i nostri figli ad andare a Messa?

2 – Base consapevole della scelta

Detto questo, però, ricorda che la vera libertà si basa su una scelta realmente consapevole e non puramente passionale. Ciò esige quantomeno che la ragazza comprenda chiaramente ciò che sta rifiutando:

“Chiedete perché rifiuta il Banchetto del Cielo e come fa a sapere della Messa più di alcuni santi che alla sua età desideravano con ansia la Sacra Comunione: Pier Giorgio Frassati, Chiara Badano, Isidore Bakanja, Teresa de los Andes, Stanislao Kostka, Caterina d’Alessandria, Pietro Calungsod, Luigi Gonzaga, Domenico Savio, Teresa di Lisieux e Giovanna d’Arco. Chiedetele innanzitutto di leggere brevi racconti sulla vita di questi santi, e poi di scrivere spiegando perché sbagliavano”.

3 – Accettazione consapevole delle conseguenze

Il sacerdote avverte infine del fatto che ogni scelta ha delle conseguenze con cui bisogna essere coerenti:

“Può aggiungere che se ha l’età sufficiente per decidere di rifiutare la Presenza Reale di Cristo ha logicamente l’età sufficiente per pagare le spese della sua stanza e quelle a livello di cibo”.

In sintesi: bisogna rispettare la libertà, ma per questo bisogna garantire che si tratti proprio di libertà. È una scelta che ha delle basi e consapevole? È una scelta che si fa carico delle proprie conseguenze? Se non è così è solo un capriccio, ed è dovere dei genitori aiutare i figli a compendere la differenza.

Tags:
adolescentifigliMessascelte
Top 10
See More