Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
For Her

Mulan e lo spirito guerriero di tutte noi

MULAN

Walt Disney Studios||Youtube

Martha, Mary and Me - pubblicato il 09/09/20

Proprio nel cercare il suo posto tra quegli uomini a cui crede tanto di assomigliare, Mulan si riscopre donna.

Le donne con l’armatura e la spada in mano sono sempre affascinanti. Sarà che quello che non ci è stato dato in forza fisica ci è stato elargito in abbondanza in organizzazione e strategia: come farebbe una donna che lavora ad avere pronti i pasti per tutta una settimana già dalla domenica prima sennò? Altro che strategia militare. È una guerra che si combatte giorno dopo giorno, ma spesso ci lascia vittime di autocommiserazione, distrugge l’autostima sotto i colpi della stanchezza, del perfezionismo, dei capelli sporchi e delle pile di panni che continuano ad arrivare come le cariche di Unni guidati da Attila. Eppure noi la vittoria la stringiamo tra le braccia spesso, la vediamo intorno a un tavolo tutte le sere, ma non sempre basta al nostro animo guerriero che deve sempre dimostrare qualcosa, sempre di più, come la società ci ha insegnato e come noi stesse abbiamo imparato a pretendere.

Siamo affascinanti con l’armatura, un po’ meno, forse, con la maglia schizzata di sugo e sporca di rigurgito di neonato. Eppure, se riuscissimo a immaginarci sempre come delle guerriere, con quella cotta addosso intente a schivare i colpi di una routine sfinente e di un sistema che non ci aiuta nella nostra missione, anzi, spesso la svilisce, forse non ci lasceremmo poi tanto affascinare dal sogno di essere come loro: maschi. 

Di certo non basta vestire i panni di un uomo per esserlo, ma questa menzogna che ci piace raccontarci (quando i vestiti, quando i ruoli, quando le opportunità, quando gli stipendi) ci indebolisce proprio come indeboliva la guerriera Mulan. Lei non ha mai rinnegato il suo essere donna: ha creduto di doverlo fare, ma alla fine ha dovuto riprendersi la sua identità per appropriarsi della sua vera forza. E una volta capito questo, nonostante la vittoria e la gloria degli uomini, è tornata a quel posto che le stava stretto prima.

MULAN
Walt Disney Studios||Youtube

“Devota alla famiglia” dice l’iscrizione sulla spada fatta recapitare come dono e segno di onore dall’imperatore della Cina. Perché nonostante i pregiudizi della società e delle persone (di cui quella Cina imperiale c’è da ammettere che era e forse è ancora un concentrato pazzesco), che le impedivano di mostrarsi, Mulan stessa non sapeva come conciliare il suo essere donna con quella sua anima così guerriera e impavida a patto di sacrificare l’una o l’altra. La scena più bella del film è proprio quella in cui lei salva tutto il servizio di tè della mezzana con una tazzina in equilibrio su ogni piede e mano: eccolo, quell’equilibrio sfuggente tra maschile e femminile, tra doni che paiono incompatibili o inutili gli uni per gli altri. Proprio nel cercare il suo posto tra quegli uomini a cui crede tanto di assomigliare, Mulan si riscopre donna. Anche nel rompere i pregiudizi di una femmina vista solo come moglie taciturna, remissiva, quasi invisibile, Mulan non diventa un uomo, ma ammettiamolo: a chi non servirebbe una bella dose di Ki o chi (o anche di fattore “C”!) per buttare un ragno fuori casa?! Perché ciò che fa la differenza non è quanto di femminile o maschile nel senso socialmente accettabile del termine abbiamo dentro, ma con quanto coraggio siamo capaci di abbracciare la missione che ci è stata data. Con quello che siamo. Togliendo le aspettative e le convenzioni della società, ma anche quelle in cui noi per primi ci ingabbiamo. Maschio o femmina? Moglie o guerriero? Direi “leale, impavido, sincero e devoto alla famiglia”. Per questa strada non si può sbagliare, ma ci vuole coraggio per percorrerla.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG MARTHA MARY AND ME

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
donnemaschi e femmine
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni