Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconChiesa
line break icon

Azaria, l’angelo che raccontava cosa accade nell’aldilà a Maria Valtorta

© MARIA-VALTORTA.ORG

don Marcello Stanzione - pubblicato il 08/09/20

"Scendi, ché un nuovo uomo è generato e tu lo devi custodire come gemma che mi appartiene"

Maria Valtorta (1897-1961), la mistica italiana del Novecento che ha redatto L’Evangelo come mi è stato rivelato, ricevette dal suo angelo custode, presentatosi con il nome di Azaria, questa confidenza: “A tutte le opere di misericordia sono testimoni due angeli: il vostro e quello di colui che riceve la vostra misericordia o se la vede negata. Se pensaste che a ogni vostra azione verso il prossimo, oltre l’occhio onnipresente di Dio, presiedono e osservano due spiriti angelici i quali gioiscono e soffrono ciò che fate, come sareste più buoni sempre col prossimo vostro! Pensate: voi accogliete una persona, l’onorate ovvero la mortificate, l’aiutate o la respingete, peccate con lei o la traete dal peccato, ne siete istruiti e la istruite, la beneficate o ne siete beneficati… e due angeli, il vostro e il suo sono presenti e vedono non solo le vostre azioni palesi ma la verità delle vostre azioni, ossia se le fate con vero amore, o con finto amore, o con astio, con calcolo, e così via”.

© Public Domain
La mistica Valtorta.

L’angelo e il Purgatorio

A Maria Valtorta è stato rivelato cosa accada all’angelo custode al momento della morte del suo protetto: “La missione dell’angelo custode si crede, da parte della gente, che cessi con la morte del custodito. Non è così sempre. Cessa, è cosa conseguente, alla morte del peccatore impenitente, e con sommo dolore dell’angelo custode di colui che non si pentì. Si trasfigura in gloria gioconda ed eterna alla morte di un santo che dalla terra passa al paradiso senza soste purgative. Ma continua qual era, come protezione che intercede e ama il suo affidato, per coloro che dalla terra passano al purgatorio per espiare e purificarsi. Allora noi, gli angeli custodi, oriamo con la carità per voi davanti al trono di Dio, e uniti alle nostre orazioni d’amore presentiamo i suffragi che sulla terra vi applicano parenti e amici. Oh! tutto non posso dire di quanto sia vivo, attivo, dolce il legame che ci unisce a voi purganti. Come madri che spiano il ritorno della salute in un figlio che fu malato ed è convalescente, come spose che contano i giorni che le separano dalla riunione con lo sposo prigioniero, così noi. Noi, neppure per un attimo, non cessiamo di osservare la divina amorosa giustizia e le vostre anime che si mondano tra i fuochi d’amore. E giubiliamo vedendo l’Amore sempre più placato verso di voi, e voi sempre più degne del suo Regno”.

Public Domains

Maria in uniforme.

I due dolci attimi

Infine, sempre con le parole del suo angelo Azaria, “quando la Luce ci ordina: “Vai a trarlo fuori per portarlo qui”, più ratti che saette noi ci precipitiamo a portare un attimo di paradiso, che è fede, che è speranza, che è conforto a coloro che ancora restano a espiare, là nel purgatorio, e stringiamo a noi l’anima amata per la quale operammo e soffrimmo, e risaliamo con lei insegnandole l’osanna paradisiaco. I due dolci attimi nella missione dei custodi, i due più dolci attimi sono quando la Carità ci dice: “Scendi, ché un nuovo uomo è generato e tu lo devi custodire come gemma che mi appartiene”, e quando possiamo salire con voi al cielo. Ma il primo è meno del secondo. Gli altri attimi di gioia sono le vostre vittorie sul mondo, la carne e il demonio. Ma come si trema per la vostra fragilità da quando vi si prende in custodia, così sempre si palpita dopo ogni vostra vittoria, perché il nemico del Bene è vigile a tentare di abbattere ciò che lo spirito costruisce. Perciò gioioso, perfetto nella sua gioia è l’attimo in cui entriamo con voi nel cielo. Perché nulla più può distruggere ciò che ormai è compiuto”.




Leggi anche:
I voli in cielo con gli angeli della beata Katharina Emmerich


RIFUGIO

Leggi anche:
Preghiera serale per circondare la propria casa con la protezione angelica


GUARDIAN ANGEL

Leggi anche:
Cosa possono insegnarci gli angeli sull’ansia?


LUCIFER

Leggi anche:
Gli angeli e i diavoli già esistevano ai tempi di greci e romani: ecco le prove

Tags:
angelimaria valtorta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni